Tuttavia: questo paese dell’Africa occidentale è sul punto di ospitare il maggior…

Tuttavia: questo paese dell’Africa occidentale è sul punto di ospitare il maggior…
Tuttavia: questo paese dell’Africa occidentale è sul punto di ospitare il maggior…
-

Sebbene la Repubblica Democratica del Congo sia il paese che attualmente detiene la più grande miniera d’oro africana, questo paese africano è sul punto di detronizzarla.

Il Ghana, infatti, sta per ospitare la più grande miniera d’oro del continente africano, riferisce l’agenzia Ecofin.

Un’impresa che sarà realizzata grazie alla fusione delle miniere d’oro di Iduapriem e Tarkwa appartenenti alle società AngloGold e Gold Fields.

Le due società minerarie prevedono di produrre 900.000 once all’anno in Ghana attraverso la fusione delle loro due miniere.

Un grande progetto che permetterà al Ghana, Paese dell’Africa occidentale, di posizionarsi come il Paese con la più grande miniera d’oro del continente.

Secondo i risultati del primo trimestre 2024 di AngloGold Ashanti, la società mineraria ha compiuto progressi significativi nell’attuazione di questo progetto.

Tuttavia, AngloGold Ashanti ha comunicato che resta da raggiungere un accordo con le autorità ghanesi.

“Non è una trattativa facile. Abbiamo fatto progressi e c’è un approccio costruttivo da parte del governo, del ministro e del capo della Commissione Minerali […].

Siamo vicini all’obiettivo, ma non ci siamo ancora”ha dichiarato Alberto Calderon, CEO di AngloGold, citato dai media sudafricani IOL, al termine della conference call successiva alla pubblicazione dei risultati.

Ricordiamo che la fusione delle due miniere d’oro di Iduapriem e Tarkwa è stata annunciata più di un anno fa.

Pertanto, se il progetto avrà successo, il Ghana detronizzarà la Repubblica Democratica del Congo.

Inoltre, il nuovo complesso aurifero sarà posseduto al 66,7% da Gold Fields, al 33,3% da AngloGold Ashanti e al 10% dal governo del Ghana.

Trova le ultime notizie sul nostro account TikTok

-

PREV Nik Hartmann vedremo la SRF e la terza versione di Röbi Koller an
NEXT l’enorme debito che lo Stato non ha ancora ripagato ai concessionari!