“Quello che sta facendo il governo è svelare l’accordo di Nouméa” – Libération

“Quello che sta facendo il governo è svelare l’accordo di Nouméa” – Libération
“Quello che sta facendo il governo è svelare l’accordo di Nouméa” – Libération
-

Colloquio

Articolo riservato agli abbonati

Secondo Isabelle Merle, direttrice della ricerca del CNRS, la riforma del corpo elettorale della Nuova Caledonia che dovrà essere approvata questo martedì, 14 maggio, risveglia il doloroso ricordo della colonizzazione in territorio d’oltremare, il che spiega la rabbia e le manifestazioni.

Mentre a Parigi i deputati devono approvare questo martedì, 14 maggio, una riforma costituzionale volta ad espandere l’elettorato in Nuova Caledonia, la rabbia è scoppiata nelle strade di Nouméa, capitale dell’arcipelago. Dopo diverse settimane di protesta pacifica contro questo testo fortemente denunciato dai separatisti che temono che ciò possa accadere “minimizzare ancora di più la popolazione indigena Kanak”, diverse zone della città sono state teatro di scontri, con saccheggi di negozi, incendi di veicoli e scontri con la polizia. L’Alto Commissario della Repubblica, Louis Le Franc, ha ordinato il coprifuoco per la notte dal martedì al mercoledì, e il Primo Ministro, Gabriel Attal, ha chiesto che “pacificazione”. Direttore della ricerca al CNRS, storica e specialista della Nuova Caledonia, Isabelle Merle ritorna Pubblicazione sulle ragioni del deterioramento, dopo la fine del primo quinquennio di Emmanuel Macron, dei rapporti tra la metropoli e la Nuova Caledonia.

Cosa spiega l’esplosione di tensioni avvenuta c

-

PREV Tentato omicidio nel quartiere Arsenal di Tarbes: uno dei presunti aggressori ne chiede la liberazione
NEXT Biniou minimalista e sperimentale: a Morlaix, ecco tre buoni motivi per andare a vedere “Craze” al Sew