Berlino ha invitato un diplomatico cinese a un incontro su un caso di spionaggio legato a un ex dipendente dell’ente commerciale di Hong Kong

Berlino ha invitato un diplomatico cinese a un incontro su un caso di spionaggio legato a un ex dipendente dell’ente commerciale di Hong Kong
Descriptive text here
-

Berlino ha invitato un alto funzionario dell’ambasciata cinese a un incontro urgente dopo che tre sospetti, tra cui presumibilmente un ex dipendente di un ente di promozione commerciale di Hong Kong, sono stati arrestati con l’accusa di spionaggio per conto di Pechino, hanno detto le autorità tedesche al Post.

I tre cittadini tedeschi lo erano arrestato il mese scorso a causa delle accuse secondo cui stavano lavorando per raccogliere tecnologie sensibili e dati industriali per conto dei servizi di intelligence cinesi.

“Dopo che le accuse di spionaggio sono diventate note, abbiamo invitato l’incaricato d’affari dell’ambasciata cinese ad un incontro urgente al Ministero degli Esteri”, ha detto lunedì al Post un portavoce del Ministero degli Esteri federale tedesco.

Non ha voluto rivelare se l’incontro avesse già avuto luogo o fornire ulteriori dettagli sull’indagine in corso condotta dal procuratore generale federale del paese.

Il Post ha contattato l’ambasciata cinese a Berlino per un commento.

In un comunicato stampa pubblicato dopo gli arresti il ​​22 aprile, i pubblici ministeri tedeschi hanno identificato uno dei sospettati come Thomas R., senza rivelare il suo nome completo.

Gli altri due erano indicati come coppia sposata Herwig F e Ina F.

I media tedeschi si sono astenuti dal riportare i nomi completi dei tre, ma hanno affermato che facevano parte di un’organizzazione chiamata “Smart City Verein”, o “Smart City Association” in inglese.

Il sito web dell’associazione elenca Thomas Reichenbach, Herwig Fischer e Ina Fischer come contatti.

La pagina web dei social media di Reichenbach mostrava che aveva lavorato come responsabile marketing presso il Consiglio per lo sviluppo commerciale di Hong Kong dal luglio 2022. Non era immediatamente chiaro quando avesse smesso di lavorare per l’organizzazione finanziata con fondi pubblici.

Thomas Reichenbach è indicato come contatto sul sito web di un’organizzazione menzionata dai media tedeschi nel caso di spionaggio. Foto: città intelligente

Un portavoce del consiglio aveva precedentemente confermato che un ex dipendente era sotto inchiesta per la sua “presunta attività personale”, e l’ente di promozione commerciale non era oggetto di tale indagine.

Tutti e tre i sospettati sono accusati di aver raccolto dati industriali sensibili che potrebbero potenzialmente espandere “la potenza di combattimento marittimo della Cina”.

I tre avrebbero inoltre acquistato in Germania per conto dei servizi segreti cinesi, che hanno pagato l’apparecchio, un laser speciale e lo avrebbero esportato in Cina senza autorizzazione.

Nel Regno Unito, lunedì la polizia britannica ha accusato tre uomini, tra cui un pubblico ufficiale che lavorava presso l’ufficio economico e commerciale di Hong Kong a Londra, con l’accusa di aver effettuato sorveglianza contro i dissidenti della città.

Pechino ha definito il caso “pura invenzione”.

-

PREV VIDEO LIVE Le Club Objectif Gard feria speciale di Pentecoste
NEXT Imprese di Losanna: Premio PERL: l’impresa Elythor vince il premio principale