Nuova incoronazione, addio alla Ligue 1… Kylian Mbappé ha (ancora) lasciato il segno nei Trofei UNFP

Nuova incoronazione, addio alla Ligue 1… Kylian Mbappé ha (ancora) lasciato il segno nei Trofei UNFP
Nuova incoronazione, addio alla Ligue 1… Kylian Mbappé ha (ancora) lasciato il segno nei Trofei UNFP
-

L’attaccante francese, che ha annunciato la sua partenza dal Paris Saint-Germain, è stato al centro di tutta l’attenzione questo lunedì sera, durante la cerimonia dei Trofei UNFP 2024.

Si alzano le urla. Le maglie del Paris Saint-Germain vengono sventolate. Non c’è più alcun dubbio. Kylian Mbappé, l’attrazione della serata, è appena arrivato dal Pavillon d’Armenonville, nel 16° arrondissement di Parigi, per la cerimonia di premiazione dei Trofei UNFP 2024 prima di sfilare sul tappeto rosso su cui si sono susseguiti (quasi) tutti i nominati , della Ligue 1, Ligue 2 e D1 Arkema, tutti ben vestiti tra loro, “KM”, accompagnato da suo padre Wilfried e suo fratello Ethan, si prende il tempo per rispondere ad alcune richieste dei tifosi che sono venuti a trovarlo… forse un’ultima volta, prima della partenza, probabilmente al Real Madrid. Il campione del mondo 2018, maglia bianca e giacca scura, ha rispettato il “protocollo”, posando con il sorriso sulle labbra insieme alla famiglia davanti al “photocall”. Non si è fermato lì, con grande dispiacere di fotografi e giornalisti che cercavano ogni mezzo per attirare la sua attenzione.

Kylian Mbappé ancora una volta incoronato

A fine serata abbiamo ritrovato il 25enne campione del mondo. Senza la minima sorpresa, è stato (ancora una volta) premiato per la sua stagione eccezionale, sia a livello individuale (27 gol e 7 assist in 29 partite) che collettivo (il Paris-SG si è incoronato campione di Francia con un buon vantaggio). Membro della tipica squadra della stagione, è stato infatti votato miglior giocatore della Ligue 1 per la quinta volta consecutiva, tra gli applausi dei suoi compagni, degli allenatori e dell’intero pubblico.

Leggi ancheTrofei UNFP: Kylian Mbappé vince il quinto titolo consecutivo come miglior giocatore della stagione

L’ex monegasco ha avuto modo di parlare, tra l’altro per salutare la Ligue 1: “È difficile, molto più di quanto possa sembrare. Questo è un capitolo della mia vita che si chiuderà. La Ligue 1 ha ancora un posto importante nella mia vita. Esco a testa alta […] Mio padre voleva che facessi la storia del campionato prima di partire. Grazie a tutti. È stata una lunga strada e sono molto felice“, ha dichiarato, non senza una punta di emozione. Il giocatore 25enne ha approfittato di questa piattaforma anche per ringraziare, ancora una volta, il Paris Saint-Germain, senza dimenticare di citare, questa volta, Nasser Al-Khelaïfi: “Ringrazio tutte le persone della società, sia l’allenatore che ha sempre avuto fiducia in me, sia lo staff, lo staff medico, tutte le persone della società, la direzione sportiva e il presidente. L’azionista che mi ha dato fiducia, Sua Altezza l’Emiro, che venne a prendermi a 18 anni e scommise su di me”ha indicato.

Leggi anche“Andare via spezza un po’ il cuore”: commozione, ringraziamenti… e piccoli messaggi per Mbappé ai Trofei UNFP

I parigini ampiamente onorati

Kylian Mbappé non è stato l’unico parigino ad essere sotto i riflettori questo lunedì sera. Fin dall’inizio, Warren Zaire-Emery, autore di un’ammirevole prima parte di stagione, ha logicamente ricevuto il trofeo di miglior prospettiva della Ligue 1, davanti a Leny Yoro (LOSC), Désiré Doué (Stade Rennais) e Rayan Cherki (Olympique) Lionese). “Sono molto felice, molto orgoglioso di aver vinto questo trofeo. È il frutto del duro lavoro quotidiano, in allenamento. Continuerò a lavorare», ha indicato il gioiello parigino.

Il suo compagno di squadra Gianluigi Donnarumma ha vinto il trofeo di miglior portiere – come nel 2022 – succedendo a Lensois Brice Samba. “È merito di tutti, della squadra, dell’allenatore che ha riposto in me la sua fiducia e dei tifosi. Spero che vinceremo la Coupe de France contro l’Olympique Lyonnais. I trofei individuali sono positivi, ma i trofei collettivi sono più importanti», ha insistito il portiere italiano.

Leggi ancheTrofei UNFP: Donnarumma eletto per la seconda volta miglior portiere della stagione in Ligue 1

Anche “WZE” e Gigio Donnarumma compaiono nella squadra tipo della stagione, come altri cinque dei loro partner: Marquinhos, Achraf Hakimi, Vitinha, Ousmane Dembélé e Mbappé. Sette giocatori parigini nel tipico “undici”, un dominio schiacciante, che riflette la supremazia del Paris-SG in Ligue 1 in questa stagione. Da notare anche che la parigina Tabitha Chawinga (18 gol) è stata eletta miglior giocatrice dell’anno finanziario 2023-2024 in D1 Arkema.

Leggi ancheTrofei UNFP: la parigina Tabitha Chawinga miglior giocatrice della stagione

Premiato anche il Brestois

L’altra squadra ampiamente premiata questo lunedì sera è stata lo Stade Brestois, autore di una stagione eccezionale, la migliore della sua storia. L’allenatore Éric Roy è stato nominato per la prima volta miglior allenatore d’élite, davanti a Luis Enrique (PSG), Paulo Fonseca (LOSC) e Franck Haise (RC Lens). Una grande ricompensa per quest’uomo che non apprezza particolarmente la luce. Voleva anche condividere quotidianamente il suo premio (individuale) con le persone che lo circondavano: “E’ un trofeo che premia una società, premia uno staff, premia un gruppo di giocatori. È un grande orgoglio averli portati a questo livello. È sempre gratificante ricevere un premio da Didier Deschamps. Voglio condividerlo con il mio staff“, ha confidato.

Leggi ancheTrofei UNFP: Éric Roy (Brest) eletto miglior allenatore della stagione in Ligue 1

Poco dopo, Kamory Doumbia ha vinto il trofeo Just Fontaine per il miglior gol della stagione grazie al suo magistrale tiro al volo segnato contro l’FC Lorient (4-0), partita durante la quale il maliano ha ottenuto né più né meno che una quadrupla. “Guardo il video ogni giorno. Ancora oggi non riesco a spiegarlo», rideva mentre riceveva il premio. Inoltre, nella tipica squadra della Ligue 1 compaiono due bretoni: Bradley Locko, a sinistra della difesa, e Pierre Lees-Melou, a centrocampo. Una cerimonia che la squadra del Finistère non dimenticherà presto. Proprio come Kylian Mbappé…

-

PREV Arles: due giorni di festa per celebrare il passaggio della fiamma olimpica
NEXT In questa bella cantina incentrata sul vino naturale, la proprietaria vende solo ciò che le piace!