Il dollaro cade leggermente a causa dei rendimenti obbligazionari più bassi

-

Lunedì l’indice del dollaro (DXY00) è sceso del -0,06%. Lunedì il dollaro è stato sotto pressione a causa del calo dei rendimenti dei titoli del Tesoro, che ha indebolito i differenziali dei tassi di interesse del dollaro. Il dollaro è stato indebolito anche dall’incertezza in vista dei rapporti sull’inflazione statunitense di questa settimana. Il dollaro si è ripreso dai livelli peggiori dopo che le aspettative di inflazione per il primo anno della Fed di New York sono salite ai massimi di 5 mesi, un fattore aggressivo per la politica della Fed.

I commenti aggressivi di lunedì del vicepresidente della Fed Jefferson hanno sostenuto il dollaro quando ha affermato: “Alla luce dell’attenuazione in corso, in termini di riduzione dell’inflazione al nostro obiettivo, è appropriato mantenere il tasso di riferimento in territorio restrittivo”.

Le aspettative di inflazione ad un anno della Fed di New York sono aumentate di 0,26 punti percentuali al massimo di 5 mesi del 3,26% dal 3,00% di marzo.

I mercati stanno scontando la possibilità di un taglio dei tassi di -25 pb al 10% per la riunione del FOMC dell’11-12 giugno e al 30% per la riunione successiva del 30-31 luglio.

Lunedì la coppia EUR/USD (^EURUSD) è salita al massimo di una settimana e ha chiuso in rialzo del +0,15%. Lunedì l’euro ha trovato supporto nell’indebolimento del dollaro. Lunedì l’euro ha anche ottenuto supporto da un sondaggio di Bloomberg tra gli analisti che hanno alzato le loro previsioni sul PIL dell’Eurozona per il 2024 al +0,7% dal +0,5% del mese scorso.

Gli swap scontano la possibilità di un taglio del tasso di -25 punti base al 95% da parte della BCE per la prossima riunione del 6 giugno.

USD/JPY (^USDJPY) Lunedì è salito del +0,28%. Lo yen è sceso al minimo di una settimana contro il dollaro lunedì e rimane sotto pressione a causa della speculazione secondo cui le autorità giapponesi non interverranno di nuovo nel mercato forex in tempi brevi per sostenere lo yen dopo che Masato Kanda, il principale funzionario valutario del Giappone, ha dichiarato martedì scorso che il governo non ha bisogno di intervenire nel mercato forex se i movimenti del mercato sono ordinati.

Lo yen ha trovato supporto lunedì dal calo dei rendimenti dei titoli del Tesoro, che ha innescato una certa copertura a breve nello yen. Lo yen ha trovato supporto anche dopo che il rendimento dei titoli JGB a 10 anni è salito al massimo di 6 mesi dello 0,951% quando la BOJ ha ridotto l’importo dei suoi acquisti mensili di obbligazioni.

Lunedì la BOJ ha acquistato 425 miliardi di yen (2,7 miliardi di dollari) di debito a 5-10 anni, rispetto ai 475,5 miliardi di yen acquistati il ​​mese scorso, la prima riduzione degli acquisti di obbligazioni in 6 mesi.

Gli swap stanno scontando la possibilità di un aumento del tasso di +10 punti base da parte della BOJ al 35% per la riunione del 14 giugno.

L’oro di giugno (GCM4) ha chiuso lunedì in ribasso di -32,0 (-1,35%) e l’argento di luglio (SIN24) ha chiuso in ribasso di -0,063 (-0,22%). Lunedì i prezzi dei metalli preziosi si sono stabilizzati al ribasso. Lunedì i commenti aggressivi del vicepresidente della Fed Jefferson hanno pesato sui prezzi dei metalli preziosi quando ha affermato che è opportuno che la Fed mantenga i tassi di interesse in un intervallo restrittivo. Anche i prezzi dell’oro sono stati penalizzati dopo che la BOJ ha tagliato i suoi acquisti mensili di obbligazioni per la prima volta in sei mesi. La liquidazione delle riserve auree da parte dei fondi è negativa per l’oro dopo che le partecipazioni a lungo termine in oro negli ETF sono scese al minimo di 4 anni e mezzo lo scorso venerdì.

I fattori rialzisti sottostanti per i metalli includono un dollaro più debole, rendimenti obbligazionari globali più bassi e il supporto di un rifugio sicuro dalle continue tensioni in Medio Oriente. L’argento ha riportato il supporto dal rally del +2% di lunedì dei prezzi del rame al massimo di 2 anni dopo che la Cina ha dichiarato che avrebbe iniziato a vendere 1 trilione di yuan (138 miliardi di dollari) di obbligazioni speciali per finanziare la spesa per le infrastrutture, che dovrebbe aumentare la sua domanda di metalli industriali.

Altre notizie sul Forex da Barchart

Alla data di pubblicazione, Rich Asplund non aveva (né direttamente né indirettamente) posizioni in nessuno dei titoli menzionati in questo articolo. Tutte le informazioni e i dati contenuti in questo articolo sono esclusivamente a scopo informativo. Per ulteriori informazioni, consultare la Politica di divulgazione di Barchart qui.

I punti di vista e le opinioni espressi nel presente documento sono i punti di vista e le opinioni dell’autore e non riflettono necessariamente quelli di Nasdaq, Inc.

-

PREV Fiandre e Bruxelles più preoccupate della Vallonia: dove vivono i jihadisti rientrati dalla Siria in Belgio?
NEXT incidente, suicidio o tentato femminicidio? Quello che sappiamo