L’ombra di #MeToo incombe sulla Croisette: ecco cinque cose a cui prestare attenzione al Festival di Cannes

-

È sotto un cielo oscurato dalla minaccia di una potenziale nuova ondata #MeToo che martedì sera prenderà il via il Festival di Cannes. Mentre fervono i preparativi per accogliere le star sul tappeto rosso, voci di accuse di violenza sessuale nei confronti di grandi nomi del cinema francese scuotono gli organizzatori dell’evento. Ecco cinque cose a cui prestare attenzione durante questo 77e edizione del Festival che si preannuncia ricca di colpi di scena.

• Leggi anche: Il Festival di Cannes ha fatto di tutto per evitare polemiche, assicura Thierry Frémaux

• Leggi anche: Nove donne accusano il produttore francese Alain Sarde di stupro e violenza sessuale

Sotto il segno del #MeToo

L’ondata #MeToo che da diversi mesi travolge il mondo del cinema francese rovinerà la festa sulla Croisette quest’anno? Mentre Gérard Depardieu è in attesa di processo a ottobre, si vocifera che durante il Festival potrebbe essere divulgata una lista di 10 attori, registi e produttori francesi presi di mira da accuse di violenza sessuale.

Secondo un articolo pubblicato sul giornale Le Figarol’organizzazione dell’evento ha addirittura già reclutato “un’agenzia di comunicazione di crisi” per aiutarla a gestire la situazione in caso di un nuovo scandalo #MeToo.

Alla vigilia dell’apertura del festival, la rivista femminile ELLE ha riferito lunedì che nove donne accusano Alain Sarde, un importante produttore cinematografico francese, di averle violentate o aggredite sessualmente quando erano minorenni o giovani attrici.

Il tema della violenza sessuale nel cinema sarà sicuramente all’ordine del giorno mercoledì poiché l’attrice e regista Judith Godrèche – una delle portabandiera della recente ondata #MeToo in Francia – arriverà sulla Croisette per presentare il suo film Anche ioun cortometraggio di 17 minuti in cui ha raccolto le testimonianze di diverse altre vittime.

Una Palma d’Oro per Meryl Streep


Foto Getty Images tramite AFP

Martedì, in occasione della sua serata inaugurale, il Festival di Cannes stenderà il tappeto rosso davanti alla celebre attrice americana Meryl Streep, assegnandole la Palma d’Oro onoraria per tutta la sua carriera cinematografica. La sua ultima apparizione sulla Croisette risale al 1989, anno in cui vinse il Premio dell’Interpretazione per il suo ruolo in Un grido nella notte. Si noti che il regista e creatore di Guerre stellariGeorge Lucas, riceverà a sua volta la Palma d’Oro onoraria durante la cerimonia del festival il 25 maggio.

Una pioggia di stelle


L'ombra di #MeToo incombe sulla Croisette: ecco le cinque cose a cui prestare attenzione al Festival di Cannes

Foto MEGA/WENN

Meryl Streep non sarà l’unica grande star a deliziare i fotografi sul tappeto rosso di Cannes. Come ogni anno, il gotha ​​del cinema mondiale è atteso sulla celebre scalinata del Palais des Festivals.

Il leggendario regista americano Francis Ford Coppola (Il Padrino) sarà presente per svelare il suo ambizioso film di fantascienza Megalopoli, con Adam Driver, Aubrey Plaza e Dustin Hoffman. Anche Kevin Costner farà un giro sulla Croisette per presentare il suo nuovo western Horizon: una saga americana. Sul red carpet del festival sono attesi anche Nicolas Cage, Emma Stone, Richard Gere, Demi Moore e Uma Thurman.

Follia Mad Max


L'ombra di #MeToo incombe sulla Croisette: ecco cinque cose a cui prestare attenzione al Festival di Cannes

Foto MEGA/WENN

Nove anni fa, il regista australiano George Miller infiammò la Croisette presentando, fuori concorso, il suo film Mad Max: La strada verso il caosl’esplosivo 4e parte del suo franchise cult degli anni ’70 e ’80 Miller lo fa anche quest’anno lanciando, in anteprima mondiale, mercoledì, l’attesissimo Furiosa: una saga di Mad Maxun prequel con Anya Taylor-Joy e Chris Hemsworth.

Presenza del Quebec


L'ombra di #MeToo incombe sulla Croisette: ecco cinque cose a cui prestare attenzione al Festival di Cannes

Foto d’archivio dell’AFP

Dopo Monia Chokri l’anno scorso, quest’anno è la volta del regista di Montreal Matthew Rankin difendere i colori del Quebec sulla Croisette. Il suo secondo lungometraggio, Una lingua universale, sarà presentato tra pochi giorni alla Quinzaine des filmmakers, sezione parallela del Festival. Tra gli altri cittadini del Quebec attesi a Cannes quest’anno figura l’attrice Charlotte Le Bon, protagonista del film francese Nikie il regista Xavier Dolan che presiederà la giuria della sezione Un certain aware.

-

PREV PRESIDENTE DIOMAYE, FESTEGGIAMO FINALMENTE IL 25 MAGGIO, LA GIORNATA DELL’AFRICA
NEXT Rischi strutturali e ciclici nei mercati immobiliari internazionali