VIDEO. Cos’è la lava fredda che ha causato la morte di una trentina di persone tra cui bambini in Indonesia?

-

Sabato 11 maggio 2024, piogge torrenziali sono cadute per ore sull’isola di Sumatra, nell’Indonesia occidentale, provocando inondazioni improvvise e colate di lava fredda dal Monte Marapi.

Almeno 34 persone sono morte e 16 sono disperse a causa delle inondazioni e delle colate di lava fredda sull’isola di Sumatra, nell’Indonesia occidentale, ha detto domenica all’AFP un portavoce indonesiano.

La tragedia è avvenuta sabato intorno alle 22:30 ora locale (15:30 GMT) nei distretti di Agam e Tanah Datar, nella parte occidentale dell’isola di Sumatra, dove piogge torrenziali si sono abbattute per diverse ore sulla regione, provocando improvvise inondazioni e colate di lava fredda dal Monte Marapi, un vulcano dell’isola.

Cos’è la lava fredda?

La lava fredda è un magma formato dai vari materiali che compongono le pareti di un vulcano: cenere, sabbia e rocce. Sotto l’effetto della pioggia, questi possono mescolarsi e scorrere lungo il cratere.

“Per quanto ne sappiamo, sono morte 34 persone: 16 ad Agam e 18 a Tanah Datar. Almeno 18 persone sono ferite. Stiamo ancora cercando anche altre 16 persone”.ha detto all’AFP il portavoce Ilham Wahab.

Diverse moschee e una scuola pubblica hanno subito danni.
XinHua – Andri Mardiansyah

Secondo il capo dell’agenzia locale di soccorso di Padang, Abdul Malik, sono state registrate altre tre vittime, ma la loro morte deve essere confermata dalle autorità regionali.

Il portavoce Ilham Wahab ha aggiunto che domenica le autorità hanno continuato a ricevere segnalazioni di persone scomparse. Non ha potuto fornire il numero delle persone evacuate, poiché gli sforzi dei soccorritori si sono concentrati soprattutto sulla ricerca dei dispersi e delle vittime. Nove delle vittime sono state identificate domenica, tra cui due bambini di tre e otto anni, ha detto Abdul Malik.

Moschee e case danneggiate

Nel distretto di Tanah Datar, dove risiedono circa 370.000 abitanti, diverse moschee e una scuola pubblica hanno subito danni e imponenti rocce e tronchi d’albero trasportati dalle acque ricoprono il suolo, ha notato un giornalista dell’AFP.

A Lembah Anai, le cui cascate attirano solitamente i turisti, anche la strada che collega le città di Padang e Bukittinggi è stata danneggiata ed è stata chiusa al traffico. Non lontano, un fiume in piena ha portato via due mezzi pesanti.

Nel distretto di Agam, la cui popolazione supera le 500.000 persone, decine di case ed edifici pubblici hanno subito danni, ha detto all’AFP Negara il capo dell’agenzia distrettuale per la gestione dei disastri, Budi Perwira. Circa 90 residenti sono stati accolti in una scuola, ha aggiunto.

In aiuto sono intervenuti i soccorritori locali, la polizia, i soldati e i volontari.
XinHua – Andri Mardiansyah

Alle ricerche stanno partecipando soccorritori locali, polizia, soldati e volontari. Il governo locale ha aperto centri di evacuazione e stazioni di risposta alle emergenze in diverse zone dei due distretti.

I soccorritori viaggiano su gommoni per cercare le persone scomparse e trasferire i residenti nelle zone risparmiate dall’acqua. Frane e inondazioni sono comuni in Indonesia durante la stagione delle piogge.

A marzo, almeno 26 persone sono state trovate morte in seguito a frane e inondazioni nell’isola di Sumatra occidentale.

34 persone sono morte.
34 persone sono morte.
EPA – GIVO ALPUTRA

Nel 2022, circa 24.000 residenti erano stati evacuati e due bambini erano stati uccisi nelle inondazioni a Sumatra, rese ancora più devastanti dal disboscamento, secondo i difensori ambientali del posto.

Monte Marapi, il cui nome significa “montagna di fuoco” nella lingua locale, è uno dei più attivi tra i tanti vulcani del paese. Nel mese di dicembre un’eruzione ha causato la morte di almeno 24 escursionisti, la maggior parte dei quali studenti.

-

PREV “L’Europa può emergere dalla storia”, avverte François-Xavier Bellamy; Emmanuel Macron vuole discutere con Marine Le Pen
NEXT La commissione di dibattito presidenziale rispetta il programma nonostante le sollecitazioni di Trump