Luis Enrique commenta la partenza della “leggenda” Mbappé promette un PSG “più forte” l’anno prossimo

Luis Enrique commenta la partenza della “leggenda” Mbappé promette un PSG “più forte” l’anno prossimo
Luis Enrique commenta la partenza della “leggenda” Mbappé promette un PSG “più forte” l’anno prossimo
-

L’allenatore parigino è intervenuto in conferenza stampa questo sabato, alla vigilia di PSG-Tolosa, domenica (21). Si è parlato in particolare della partenza di Kylian Mbappé…

Qualcosa promesso, qualcosa dovuto. Luis Enrique si è sempre rifiutato di parlare dell’annunciata partenza di Kylian Mbappé”finché le parti coinvolte non parlino pubblicamente“. Ebbene Mbappé lo ha fatto venerdì, confermando quello che già tutti sapevano e quanto aveva annunciato internamente a febbraio. Alla vigilia dell’accoglienza del Tolosa, domenica (21), nel corso della 33a giornata di Ligue 1, e pochi giorni dopo l’eliminazione in Champions League contro il Dortmund, l’allenatore spagnolo è quindi tornato su questa notizia questo sabato, affrontando il premere.

La partenza di Kylian Mbappé : “Il calcio è uno sport abbastanza complesso che non sempre vincono le squadre con i migliori giocatori. C’è un numero molto elevato di giocatori. Possiamo analizzare con freddezza chi vince i titoli anno dopo anno. Per quanto riguarda Kylian, queste sono cose che sapevamo già da tempo e lo sapevano tutti. È stato reso pubblico proprio ieri (venerdì). Non cambia nulla nel quadro generale. Tutte le mie decisioni sono state prese in base a ciò che consideravo migliore per la squadra. Tutte le parti si sono comportate nel miglior modo possibile. Abbiamo gli stessi obiettivi. Non dobbiamo dimenticare che c’è ancora un titolo da vincere, la finale della Coupe de France, è molto importante per il club, per tutti. Questo è il nostro obiettivo, essere pronti e vincere titoli. Ribadisco anche che sono convinto che a prescindere dai giocatori che ci saranno o meno, ho sempre in mente che l’anno prossimo saremo più forti. Questo è il mio modo di pensare, quello che coltivo, e penso che così dobbiamo affrontare il futuro. Potrei avere ragione… oppure no, come tutti gli altri.”

Leggi anchePSG: benvenuto al Parco, Real Madrid, Al-Khelaïfi zappato… Cinque domande dopo l’annuncio della partenza di Mbappé

Non ho nulla di cui lamentarmi, è stato un grande orgoglio, un grande piacere averlo in squadra.

Luis Enrico

Il suo anno con Mbappé : “Spesso le persone hanno voluto opporsi a noi, anche se Kylian lo ha pubblicamente negato. Tuttavia, non se ne parla così spesso nei media… Ho solo cose molto positive da dire su di lui come giocatore, anche come persona, e lo stesso vale anche per suo fratello Ethan. Capisco la sua decisione, ha trascorso sette anni qui, è una leggenda del club. Ha dato tutto per la società e la società ha dato tutto anche a lui. Gli auguro il meglio per il futuro. Non ha ancora detto dove andrà… anche se credo che sia già chiaro (sorride). Non ho altro da dire su questo punto, non ho nulla di cui lamentarmi, è stato un grande orgoglio, un grande piacere averlo in squadra. Ha aiutato la squadra, è un leader e un leader con il sorriso. Ancora una volta capisco la sua decisione, il PSG continuerà ad essere una grande squadra. Vogliamo reclutare giocatori che abbiano un grande appetito, giocatori che si identifichino con il club e vogliano contribuire. Ecco come va la vita. Sono molto orgoglioso di aver vissuto quest’anno con Kylian Mbappé.

Mbappé rispetto agli altri grandi che ha allenato, Neymar, Leo Messi : “Sono stato molto fortunato perché ho sempre avuto un rapporto molto diretto con i giocatori che hanno queste responsabilità a livello mondiale. Ho sempre avuto lo stesso messaggio, ognuno ha la sua situazione personale e professionale, ma tutti questi giocatori si sono sempre comportati adeguatamente e non mi lamento di nessuno. Poi non mi piace fare questa classifica tra i giocatori… Le circostanze sono quelle e in questo caso posso solo dire cose bellissime su tutti questi giocatori.

Leggi ancheOlimpiadi Parigi 2024: Macron “conta sul Real Madrid” per liberare Mbappé quest’estate

Un omaggio domenicale? Questa non è una domanda per me.

Luis Enrico

Il silenzio del club e un potenziale tributo domenica : “Sono stato molto onesto, diretto, come sempre. Questa domanda non è per me. Sicuramente hai più informazioni di me sull’argomento. Mi limiterò a dare la mia opinione. Ovviamente rappresento la società, sono l’allenatore, ma è una questione che riguarda le parti in causa. (…) Un omaggio domenica? Ripeto, questa non è una domanda per me. Uno dei nostri obiettivi fin dall’inizio da diversi mesi, e lo sappiamo da diversi mesi, è stato che tutto finisse nel migliore dei modi per tutti i partiti perché credo che tutti i partiti meritino un buon finale. Ognuno difende i propri interessi. Ma ancora una volta mi sono espresso al meglio”.

Il tempo di gioco di Kylian Mbappé nelle prossime settimane : “A parte ? Cosa pensi che farò? Cerco di portare qualcosa di nuovo nelle conferenze stampa per non annoiarci, quindi cosa pensi che farò? La stessa cosa ? Ed ecco qua, hai risposto. E’ quello che farò. (il giornalista racconta di essersi sorpreso spesso in queste settimane) Continuerò a fare quello che faccio da tre mesi perché punto a fare il meglio per la squadra, non per un giocatore, due o tre. Continuerò a cercare il meglio per la squadra. Adesso la notizia è pubblica, ha comunicato Kylian, ma io continuerò ad agire allo stesso modo. Domani (domenica), Kylian giocherà? Sì, naturalmente. E prenderò la decisione migliore, con il mio libero arbitrio. Tutti possono pensare che io abbia ragione o torto. Ma ho sempre cercato il meglio per la squadra”.

Xavi Simons : “La mia regola è non parlare mai di giocatori che non sono nel club. È in prestito (al Lipsia). Non ho niente da dire.”

Leggi ancheChampions League: Vitinha bravo allievo, Mbappé finisce male, gli scemi Kolo Muani e Beraldo… Taccuino PSG

Dortmund? Fa ancora male… Il risultato e la prestazione non sono stati all’altezza, lo accettiamo e andiamo avanti.

Luis Enrico

Il clima nel girone dopo l’eliminazione in C1 : “Ad essere onesti, fa ancora male… Fa male perché avevamo grandi speranze di raggiungere questa finale. Soffriamo anche pensando a come sono andate le due partite. Pensiamo che questo doppio confronto non rispecchi i nostri meriti. Ma ci sono stati gli allenamenti e stiamo organizzando la festa con i nostri tifosi domani (domenica), dopo la partita. Prima ci sarà una partita difficile contro il Tolosa. Ma è stato un duro colpo per tutti, anche per i tifosi. Ma alla fine resta la sensazione che voi avete dato tutto, il 100%, noi abbiamo messo in campo tutte le nostre forze. Il risultato e la prestazione non sono stati all’altezza, lo accettiamo e andiamo avanti”.

Marquinhos e Lucas Beraldo alla Copa America : “Hanno già giocato insieme partite di alto livello. Non hanno avuto l’opportunità di giocare insieme durante l’ultimo incontro di selezione perché Marquinhos era infortunato. Ma l’esperienza di Marquinhos e il giovane di Beraldo è tipica della rosa brasiliana. Hanno difensori intelligenti, che hanno grandi qualità con e senza palla. Possono essere titolari ovunque. Io però non penso alla selezione brasiliana ma al PSG. Il tecnico brasiliano farà le sue scelte. Ma per noi è una grande gioia vedere i nostri giocatori rappresentare il loro Paese e giocare in tornei importanti.

Kylian Mbappé e lo spogliatoio del Real Madrid : «Lo conosci bene quanto me, se non di più. È caloroso, ottimista, ha sempre il sorriso ed è pronto per ogni situazione. 10 su 10 come calciatore e come persona”.

Leggi ancheDopo Mbappé, dinamica, ambiente da rafforzare… Progetti del PSG dopo la disillusione

Preparati al meglio per la finale della Coupe de France.

Luis Enrico

Tolosa : “Sarà una partita difficile viste le circostanze e perché il Tolosa, con il tecnico Carlos Martinez Novell, ci ha creato non pochi problemi nei primi due confronti (alla 2a giornata di Ligue 1, 1-1, e al Trophée campioni d’inizio anno, 2-0, ndr). Sarà complicato. Ma dobbiamo voltare pagina e regalare una grande gioia ai tifosi, sarà l’ultima della stagione in casa, e prepararci al meglio per la finale della Coupe de France. Ci sarà un mix tra giocatori che hanno bisogno di giocare per essere in forma per la finale e altri che hanno partecipato meno e che hanno anche loro bisogno di giocare. Tutti i giocatori devono beneficiare di ogni minuto che gli concediamo. È necessario in un club come il PSG. Dobbiamo recuperare il nostro livello di ambizione ed essere il più competitivi possibile”.

Commenti raccolti in conferenza stampa

” data-script=”https://static.lefigaro.fr/widget-video/short-ttl/video/index.js” >

GUARDA ANCHE – Manchester City: Erling Haaland manterrà il titolo di capocannoniere della Premier League?

” data-script=”https://static.lefigaro.fr/widget-video/short-ttl/dugout/index.js” >

-

PREV Stasera dovrebbero esserci nuove aurore boreali in Alsazia: ecco dove vederle
NEXT Vivere queer sotto pressione in Kirghizistan