Trump potrebbe dover pagare più di 100 milioni di dollari in tasse a seguito dell’indagine dell’IRS, afferma il rapporto del New York Times

Trump potrebbe dover pagare più di 100 milioni di dollari in tasse a seguito dell’indagine dell’IRS, afferma il rapporto del New York Times
Trump potrebbe dover pagare più di 100 milioni di dollari in tasse a seguito dell’indagine dell’IRS, afferma il rapporto del New York Times
-

CNN

L’ex presidente Donald Trump potrebbe dover pagare più di 100 milioni di dollari in tasse a seguito di un’indagine durata anni dell’Internal Revenue Service sulle accuse di enormi perdite sul suo grattacielo di Chicago, hanno riferito sabato il New York Times e ProPublica.

Le testate giornalistiche hanno riferito che Trump ha affermato due volte ingenti perdite finanziarie: la prima nella sua dichiarazione dei redditi del 2008, quando affermò che l’edificio, allora impantanato nei debiti, era “senza valore”, e di nuovo dopo il 2010, quando ne aveva trasferito la proprietà anche in una nuova partnership. controllata da Trump.

L’accusa del 2008 ha portato Trump a riportare perdite pari a 651 milioni di dollari per l’anno, e non vi è alcuna indicazione che abbia attirato una sfida all’IRS, hanno riferito i punti vendita. Poi, gli avvocati di Trump hanno consentito ulteriori denunce di perdite nel 2010 trasferendo la torre di Chicago in un’altra partnership, “DJT Holdings LLC”, hanno riferito The Times e ProPublica.

Negli anni che seguirono, altre attività di Trump, compresi i campi da golf, sarebbero state trasferite nella stessa partnership, che i suoi avvocati usarono come base per rivendicare ulteriori perdite derivanti dalla riduzione fiscale della torre di Chicago. Quella mossa ha scatenato l’inchiesta dell’IRS. Tali perdite ammontano a 168 milioni di dollari nel decennio successivo, afferma il rapporto.

I media hanno calcolato che la revisione richiesta dall’IRS potrebbe comportare una fattura fiscale di oltre 100 milioni di dollari.

L’unica menzione pubblica dell’audit dell’IRS sulle richieste di Trump per perdita della torre di Chicago è arrivata in un rapporto del Congresso del dicembre 2022 che secondo The Times e ProPublica faceva un riferimento inspiegabile alla sezione del diritto fiscale in questione nel caso. Tale menzione, hanno riferito i media, ha confermato che l’audit era ancora in corso.

«La questione è stata risolta anni fa, per poi essere riportata in vita una volta che mio padre si è candidato alle elezioni. Siamo fiduciosi nella nostra posizione, che è supportata da lettere di opinione di vari esperti fiscali, tra cui l’ex consigliere generale dell’IRS”, ha dichiarato in una nota al Times e a ProPublica il figlio di Trump, Eric Trump, vicepresidente esecutivo della Trump Organization. .

-

PREV Exxon Mobil arriva in Algeria. Gas di scisto nel mirino?
NEXT “Il “Macellaio di Teheran” ha ottenuto solo ciò che si meritava!” Gli iraniani festeggiano la morte del presidente Raissi