All’Eurovision 2024, la rappresentante israeliana Eden Golan ha fischiato durante la sua esibizione dal vivo

All’Eurovision 2024, la rappresentante israeliana Eden Golan ha fischiato durante la sua esibizione dal vivo
All’Eurovision 2024, la rappresentante israeliana Eden Golan ha fischiato durante la sua esibizione dal vivo
-

AFP

Israele alla finale dell’Eurovision nonostante le critiche

Israele si è qualificato per la finale dell’Eurovision di sabato a Malmö, in Svezia, dove migliaia di persone hanno manifestato contro la sua partecipazione alla competizione a causa della guerra a Gaza. Il giovane artista Eden Golan ha vinto il suo biglietto giovedì sera con la canzone “Hurricane”, la cui versione iniziale ha dovuto essere modificata perché alludeva all’attacco del gruppo islamista Hamas che ha insanguinato Israele il 7 ottobre. Israele si unisce così al gruppo di 26 paesi che sabato si affronteranno per succedere alla Svezia come vincitrice di questa competizione seguita da decine di milioni di telespettatori ogni anno “Sono così grato a tutti coloro che hanno votato per noi e che ci hanno sostenuto”, ha dichiarato l’israeliano di 20 anni. “È davvero un onore essere qui, sul palco, per esibirci e mostrare la nostra voce, per presentarci con orgoglio”, ha sottolineato. Israele partecipa all’Eurovision dal 1973, vincendola per la quarta volta nel 2018. Venerdì, secondo il sito di scommesse online Oddschecker.com, il paese era il secondo favorito per la vittoria finale dietro la Croazia e davanti alla Svizzera. Prima della semifinale, il premier israeliano Benjamin Netanyahu aveva dichiarato che il candidato del suo paese aveva “già vinto”. “Non solo partecipate con orgoglio e in modo ammirevole all’Eurovision, ma state affrontando con successo un’orribile ondata di antisemitismo”, ha detto in un videomessaggio al cantante – Sicurezza rafforzata – Quasi 12.000 persone hanno manifestato giovedì città ospitante contro la partecipazione di Israele, esprimendo la propria indignazione per la guerra a Gaza. Sabato è prevista una nuova manifestazione. “Quest’anno boicotteremo completamente”, ha detto Cecilia Brudell, 31 anni, tra la folla, tra cui anche l’attivista per il clima Greta Thunberg. “L’uragano” si è svolto senza intoppi o interruzioni giovedì sera . di Eden Golan davanti ai 9.000 spettatori della Malmö Arena, euforici per la competizione. All’interno della sala, la European Broadcasting Union (EBU), che supervisiona la competizione, ha bandito come di consueto tutte le bandiere diverse da quelle dei partecipanti. La sicurezza è stata rafforzata anche nella Malmö Arena e nel resto di questa città nel sud della Svezia, dove vive la più grande comunità di origine palestinese del Paese e dove le bandiere palestinesi si affiancano a gagliardetti dai colori vivaci”. L’EBU sta prendendo tutte le precauzioni necessarie per rendere questo luogo un luogo sicuro e unito per tutti”, ha detto Eden dopo la semifinale, oggetto di minacce sui social network. La neutralità del tele-hook è stata scossa martedì durante la prima semifinale da parte del cantante svedese Eric Saade, che portava una kefiah palestinese al braccio. Un gesto rammaricato dall’EBU e dalla televisione pubblica svedese SVT, che rivendicano il carattere apolitico di questo incontro popolare per boicottaggio – L’anno scorso l’UER aveva vietato al presidente ucraino Volodymyr Zelenskyj di parlare durante la competizione. Quest’anno il conflitto in Ucraina è stato oscurato dalla guerra a Gaza, scoppiata il 7 ottobre quando i commando di Hamas hanno sferrato un attacco contro Israele che se n’era andato. più di 1.170 morti, per lo più civili, secondo un rapporto dell’AFP basato su dati ufficiali israeliani. Più di 250 persone sono state rapite e 128 rimangono prigioniere a Gaza, di cui si ritiene che 36 siano morte, secondo l’esercito , l’esercito israeliano ha lanciato un’offensiva a Gaza che ha causato finora 34.904 morti, la maggior parte dei quali civili, secondo il ministro della Sanità di Hamas. “Ci devono essere manifestazioni, la gente deve esprimere la propria opinione, la gente deve boicottare”, ha detto il candidato Magnus Børmark La Norvegia con il suo gruppo Gåte, che, come altri otto partecipanti, ha chiesto pubblicamente un cessate il fuoco duraturo. I rappresentanti di alcuni paesi avevano pensato di boicottare il concorso per protestare contro la presenza di Israele, ma alla fine non hanno dato seguito – erano attesi 100.000 visitatori – ai rinforzi della polizia Sono arrivati ​​da tutta la Svezia ma anche dalla Danimarca e dalla Norvegia per garantire la concorrenza. Anche se la Svezia ha alzato il livello di allerta lo scorso anno dopo gli atti di profanazione del Corano, “non esiste alcuna minaccia diretta contro l’Eurovision”, ha assicurato Jimmy Modin, portavoce della polizia.  Per i fan – sabato la città attende fino a 100.000 visitatori – “quello che conta è quello che c’è sul palco: i contributi, gli artisti e la musica, e non la politica”, dice il professore di storia delle idee Andreas Önnerfors, specialista in Eurovision.Quasi settantenne, questa competizione seguita nel 2023 da 162 milioni di telespettatori è “una dimostrazione di tolleranza europea che non troviamo in altre forme né in altri luoghi”, sottolinea.Au All’interno della comunità ebraica di Malmö, tuttavia , alcuni pensano di lasciare la città per il fine settimana “Con l’Eurovision c’è una sorta di intensificazione. La sensazione di insicurezza è aumentata dopo il 7 ottobre, molti ebrei sono preoccupati”, ha spiegato il portavoce Fredrik Sieradzki. Secondo lui, le numerose manifestazioni filo-palestinesi non hanno però dato luogo ad appelli contro gli ebrei della città intorno alla sinagoga è stato tuttavia rinforzato e giovedì una manifestazione filo-israeliana è stata circondata da poliziotti pesantemente armati. cbw/phs/roc

-

PREV Criptovalute: Trump accetta BTC, XRP e SHIB per la sua campagna presidenziale
NEXT Calcio – Ligue 2. Possibile proseguimento, Thomas Callens titolare, Lucas Buades assente…: cosa sapere prima di Rodez