Digione: il comune è a fianco dei movimenti mobilitati a favore della liberazione degli ostaggi detenuti in Iran

-

Mentre il mondo festeggia i due anni di detenzione di quattro cittadini francesi in Iran, la città di Digione si mobilita con forza per sostenere Cécile Kohler, Jacques Paris, Louis Arnaud e Olivier. Questi quattro individui, descritti come ostaggi di stato dal Quai d’Orsay, sono oggetto di detenzione arbitraria, viziata da accuse infondate.

Dal 7 maggio 2022, Cécile Kohler e Jacques Paris sopportano questa ingiusta prigionia, insieme a Louis Arnaud e Olivier, arrestati nello stesso periodo. La loro innocenza viene proclamata a gran voce, la loro detenzione denunciata come una flagrante violazione dei diritti fondamentali.

La città di Digione, solidale con le famiglie e i comitati di sostegno, manifesta il suo impegno per la liberazione degli ostaggi francesi. Sulle pareti del passaggio dal Logis du Roy al municipio, da venerdì 10 maggio 2024, i ritratti e i nomi dei quattro detenuti ricordano l’urgente necessità di riportarli a casa, in Francia.

Anche la mobilitazione si sta intensificando in tutto il Paese, con diverse manifestazioni di solidarietà, alcune delle quali riuniscono gli attori della giustizia. Un momento degno di nota è stata la dichiarazione di François Rebsamen, sindaco di Digione e presidente della Dijon Métropole, durante gli Internazionali di Digione del 17 novembre 2023. Alla presenza dell’ex presidente della Repubblica François Hollande, Rebsamen ha chiesto la liberazione di Louis Arnaud, sottolineando la sua innocenza e il suo carattere apolitico.

“Louis Arnaud, cittadino borgognone, è un viaggiatore pacifico, brutalmente arrestato il 28 settembre 2022 in Iran. Non è né un agitatore politico né un attivista, ma semplicemente un uomo intrappolato in una situazione politica che non ha mai cercato”, ha dichiarato François Rebsamen.

Attraverso queste azioni e dichiarazioni, la Città di Digione afferma il suo impegno costante nella difesa dei diritti umani e chiede una mobilitazione continua finché Cécile Kohler, Jacques Paris, Louis Arnaud e Olivier riconquisteranno la loro libertà, la loro dignità e il loro posto con i loro cari.

-

PREV La NASA progetterà il nucleo del motore a reazione sostenibile per i futuri aerei di linea
NEXT Gli obiettivi di annessione della Cina “non scompariranno semplicemente”, avverte il nuovo presidente di Taiwan