La mia piccola renna: Fiona Harvey, la vera “Martha”, dà una versione completamente diversa della storia e incolpa Richard Gadd

La mia piccola renna: Fiona Harvey, la vera “Martha”, dà una versione completamente diversa della storia e incolpa Richard Gadd
La mia piccola renna: Fiona Harvey, la vera “Martha”, dà una versione completamente diversa della storia e incolpa Richard Gadd
-

In un’intervista con Piers Morgan, Fiona Harvey, chi sarebbe il “la vera Marta“della serie Netflix La mia piccola renna, ha fornito la sua versione dei fatti. E il minimo che possiamo dire è che non ha affatto gli stessi ricordi di Richard Gadd!

Gli utenti Netflix si sono innamorati della serie La mia piccola renna. Pubblicato online sulla piattaforma Big N l’11 aprile, lo è già stato visto da decine di milioni di utenti in tutto il mondo. C’è da dire che la trama è particolarmente avvincente: racconta le avventure di Donny Dunn, giovane comico e barista vittima di uno stalker di nome Martha. La piccola cosa in più? La storia è basata su eventi reali vissuti da Richard Gadd, il regista, che interpreta anche il personaggio principale. Almeno questo è quello che afferma perché una donna di nome Fiona Harvey, che afferma di essere la vera “Marta“, assicura che la serie non è altro che una rete di bugie.

Smascherata dagli internauti, che ne hanno ritrovato le tracce scavando vecchi tweet che ha scritto su Richard Gadd, Fiona Harvey ha accettato di parlare in televisione, in un’intervista esclusiva rilasciata al giornalista Piers Morgan. L’opportunità per lei di ristabilire alcune verità, come com’è andato il loro primo incontro.

Fiona Harvey ha un animale di pezza a forma di renna

Nella serie La mia piccola renna, Richard Gadd, alias Donny Dunn, incontra Martha per la prima volta nel bar dove lavora. Vedendo quest’ultimo con la faccia abbattuta e senza un soldo per comprarsi da bere, gli offre una tazza di tè e per il comico iniziano i guai. Ma Fiona Harvey non racconta gli stessi fatti. “JSono venuto una volta, ho preso una limonata e qualcosa da mangiare perché avevo fame, sono diabetico. Vide che ero scozzese, come lui, e da quel momento in poi sembrò ossessionato da me.”, disse a Piers Morgan.

Inoltre, Fiona Harvey afferma di aver inviato solo “manciata di email” a Richard Gadd, molto molto Lontano di 41.000 email e 106 lettere menzionato dal direttore di La mia piccola renna. “Non so chi gli abbia mandato tutto questo! Penso che probabilmente si sia inventato tutto,” crede Fiona Harvey, che tuttavia ammette che c’è del vero nella serie: ha un animale di pezza a forma di renna che paragonò “scherzosamente” a Richard Gadd durante uno dei loro incontri. Per il resto Fiona Harvey smentisce categoricamente. “Le uniche cose vere lo sono che si chiama Richard Gadd e lavorava in un bar e ci siamo incontrati due o tre volte“, ha concluso. Ora tocca ai telespettatori formarsi la propria opinione.

-

PREV RPT PUNTO SETTIMANALE-Sui mercati, inflazione sotto stretta sorveglianza
NEXT Calcio – Ligue 2. Possibile proseguimento, Thomas Callens titolare, Lucas Buades assente…: cosa sapere prima di Rodez