Poliziotti feriti da proiettili a Parigi: cosa sappiamo dell’aggressione a due agenti in una stazione di polizia

Poliziotti feriti da proiettili a Parigi: cosa sappiamo dell’aggressione a due agenti in una stazione di polizia
Poliziotti feriti da proiettili a Parigi: cosa sappiamo dell’aggressione a due agenti in una stazione di polizia
-

Giovedì 9 maggio sera, due agenti di polizia sono stati colpiti e feriti in una stazione di polizia nel 13° arrondissement di Parigi.

L’assassino è un uomo che le autorità avevano appena arrestato.

Ecco cosa sappiamo di questo incidente.

Due agenti di polizia sono rimasti gravemente feriti da colpi di arma da fuoco questo giovedì 9 maggio intorno alle 22,30 nella stazione centrale di polizia del 13° arrondissement di Parigi. L’aggressore sarebbe un uomo appena arrestato. Avrebbe sequestrato l’arma di un funzionario pubblico per usarla contro di loro. Ecco cosa sappiamo di questo incidente.

Quello che è successo

Secondo il prefetto della polizia di Parigi, Laurent Nuñez, che si è recato sul posto intorno a mezzanotte accompagnato dal procuratore di Parigi, Laure Beccuau, l’aggressore è un uomo arrestato intorno alle 22.00 “edificio”, situato nel quartiere della stazione, nel 13° arrondissement della capitale. È stato arrestato in seguito “un attacco molto violento contro una donna” A “taglierina”.

Dopo il suo arresto, è stato portato alla stazione di polizia per essere posto in custodia di polizia. Proprio durante una perquisizione, in circostanze ancora da chiarire, è riuscito a rubare l’arma di un agente per aprire il fuoco. Poi fa male “sul serio” due agenti di polizia. Un colpo di risposta ferisce a sua volta l’aggressore.

  • Leggi anche

    Parigi: attaccato con un elicottero, gli agenti della sicurezza ferroviaria aprono il fuoco

Qual è lo stato di salute dei due agenti di polizia?

Uno degli agenti è stato colpito all’addome, l’altro alle gambe. I due agenti di polizia sono stati immediatamente portati in ospedale. “Siamo molto preoccupati per lo stato di salute (dei due agenti di polizia). Siamo tutti molto preoccupati”.ha sottolineato Laurent Nuñez, che ha portato anche il suo “Sostegno al personale della 13a stazione di polizia”, “salutando il loro coraggio e la loro reattività”. Giovedì sera uno degli agenti era in pericolo di vita.

Anche il sospettato è stato portato in ospedale. La procura di Parigi ha precisato che lo era stato “ferito al petto”. “La sua prognosi vitale non è impegnata”Ha aggiunto.

Tre inchieste aperte

La Procura di Parigi ha fatto sapere che sono state aperte tre indagini. Due sono affidati al 3° DPJ. Uno riguarda i primi fatti ed è stato aperto per “tentato omicidio della donna”. L’altro è stato aperto per “tentato omicidio di soggetti che ricoprono pubblici poteri”.

La 3a indagine è stata affidata all’IGPN (i “caratteri”) per “violenza intenzionale con un’arma da parte di un titolare di pubblici poteri”, come sempre avviene quando un agente di polizia usa la sua arma.

Domande che restano senza risposta

“Le indagini dovranno precisare in particolare le circostanze dei fatti, l’identità dell’imputato, nonché i suoi eventuali legami con la vittima donna”, ha precisato l’accusa. Lo stato psichiatrico dell’uomo, se fosse sotto l’effetto di alcol o droghe, o se fosse già noto alle forze dell’ordine, sono elementi ancora pendenti.

Bisognerà inoltre spiegare come il soggetto abbia potuto sequestrare l’arma d’ordinanza di un agente di polizia, mentre i dipendenti pubblici sono dotati di“un caso sicuro”ha sottolineato a LCI Eric Henry, segretario nazionale del sindacato di polizia dell’Alliance (nel video in apertura di questo articolo). “Ora, quale fosse lo stato di eccitazione dell’individuo, il suo stato di nervosismo, l’indagine giudiziaria stabilirà di cosa si tratta”ha riassunto.


A.Lo.

-

PREV Google Pixel 8 Pro: con il 36% di sconto il prezzo dello smartphone diventa molto più interessante
NEXT PSG. Chi è Matvey Safonov, il portiere russo vicino a diventare la prima recluta parigina?