Pro D2: il salto o la valigia per SU Agen a Dax?

Pro D2: il salto o la valigia per SU Agen a Dax?
Pro D2: il salto o la valigia per SU Agen a Dax?
-

Agenais in caduta libera va a Dacquois in gran forma. Il contesto non è favorevole, tuttavia la SUA vuole rimobilitarsi per finire bene questa stagione 2023/2024.

Dax nei primi 6 e Agen negli ultimi posti della classifica, chi se lo sarebbe mai aspettato dopo la prima giornata di campionato? Non in tanti, con la pesante sconfitta casalinga delle Landes contro la Provenza (16-44) e il forte successo della SUA contro Brive (32-29). Tuttavia, all’arrivo di questa stagione Pro D2, questa è la constatazione. “Stanno vivendo una stagione straordinaria. Avrebbero potuto crollare all’inizio della stagione e invece sono tornati magnificamente”, applaude Vincent Farré, che incontrerà il suo testimone a Maurice-Boyau, Jean-Baptiste Barrère.

Senza un mese di aprile completamente mancato, i “biancoblu” avrebbero potuto disputare un vero ottavo di finale nelle Landes durante questa penultima giornata. Alla fine è una partita senza problemi contabili contro i Dacquois che aspettano un successo migliore per convalidare la propria qualificazione. Come trovare, allora, leve motivazionali per evitare un viaggio a vuoto?

Una fine di ciclo da non rovinare per il gruppo

Interrogati su questo argomento, gli Agenai trovarono argomenti. L’allenatore Dave Ryan in testa: “La pressione dei risultati non è l’unica cosa che dovrebbe spingere avanti un giocatore di rugby. Nel mio caso, quando sono entrato in campo, è stata più una pressione interna a spingermi: giocare bene per la mia famiglia che mi guarda e per il ragazzo che mi sta accanto. Spero che i giocatori condividano questi valori. »

Proprio Loris Tolot e Vincent Farré condividono questo discorso con una sola voce. “Non è possibile mostrare il volto mostrato nelle ultime partite di fine stagione”, proclama la retroguardia. “Ci sono tanti titolari, per loro dobbiamo finire bene”, aggiunge il flanker. Basteranno l’orgoglio individuale e l’avventura collettiva come standard?

Nel Dax la SUA non è necessariamente prevista sul risultato contabile. Sarà invece più controllato il modo in cui si comporterà la squadra. “Abbiamo l’ambizione di tenere la palla, soprattutto perché il tempo, finalmente, si presterà a farlo”, sorride Loris Tolot, avido di un rugby totale troppo poco visto quest’anno. Da parte sua, Vincent Farré sa che la lotta contro i Dacquois sarà fondamentale. “Molti dei loro giocatori hanno conosciuto la Federale. Hanno mangiato il loro pane nero, ma sono molto affamati. Si fanno male nel fine settimana in campo. »

“Una buona occasione per dimostrare le nostre qualità”

Dave Ryan si aspetta una vera partita di rugby dalla sua truppa, “quando nello spogliatoio tutti possono guardarsi negli occhi. Ho sempre fiducia in questo gruppo, nei suoi dirigenti come il sempre esemplare capitano Arnaud Duputs, anche nei titolari. Inoltre, in queste ultime due partite affrontiamo squadre tra le prime 6. È una buona occasione per dimostrare che, nonostante la stagione che abbiamo fatto, abbiamo qualità. »

Due anni fa, una volta convalidata la manutenzione, la SUAn non ha giocato “in infradito” durante l’ultima partita a Colomiers, poi di qualificazione (21-16). La situazione è simile oggi a Dax. Scommettiamo che anche l’aspetto dell’incontro.

Composizioni di squadra

DAX: Duprat; Oltmann, McHenry, Bolakoro, Pilati; o) Séguy, m) Garrouteigt; Ausset, Wasley, Trémeau; Luamanu, Bidau; Dréan, Delonca (mantello), Faitotoa Asa. Ricarica : L. Barrère, Laboille, Loiret, Ferrer, Reteau, Cerisier, Fourquet, Leatigaga.

Arbitro : David Beun.

AGENZIA: Tolot; Nalaga, Buttin, Muscarditz, Etcheverry; (o) Volavola, (m) Bellot; Duputs (berretto), Devegie, Farré; Vernet, Maksymiw; B. Farrance, Sosene-Feagaï, Lombard-Buret. Ricarica : Jouvin, Mstoian, Bonnet, Gayraud, Dayral, Purdy, Railevu.

-

PREV Richiesti 20 anni di reclusione
NEXT come tornare in aereo dopo un trauma?