Gli stranieri qualificati preferiscono Barcellona a Madrid

Gli stranieri qualificati preferiscono Barcellona a Madrid
Gli stranieri qualificati preferiscono Barcellona a Madrid
-
1

Le due metropoli spagnole accolgono ciascuna circa 40.000 stranieri qualificati ogni anno. Ma questo numero non ha lo stesso significato se sappiamo che Barcellona ha la metà degli abitanti di Madrid.

Foto di copertina: Bérenger Cyne/Equinox

Vengono spesso confrontati e per una buona ragione. Per quanto riguarda l’immigrazione, è vero che Madrid e Barcellona attraggono popolazioni simili: stranieri da tutto il mondo con un’istruzione superiore. Ma se a Madrid 40.000 immigrati si confondono con la massa di 3 milioni di madrileni, essi risaltano di più nella città della provincia, dove vivono solo 1,6 milioni di persone.

Secondo uno studio del Centro di Studi Demografici che ha analizzato le popolazioni migratorie nel 2022, Madrid resta il campione delle migrazioni interne (30.000 persone provengono dalle province spagnole contro le 10.000 di Barcellona), ma non di quelle esterne. Infatti, se analizziamo le cifre in termini percentuali, notiamo che l’immigrazione dall’estero per comune nel 2022 è stata di 96.895 nel caso di Barcellona, ​​che rappresenta il 5,85% rispetto alla popolazione della città, e a Madrid la cifra è di 150.550. , che rappresenta circa il 4,51% della popolazione della città.

Perché Barcellona?

Ma cosa spinge i lavoratori qualificati a venire a stabilirsi qui? Antonio López-Gay, direttore del Centro di Studi Demografici, non ha la risposta, confida ai colleghi di La Vanguardia:

“Non conosco le cause. Ci sono persone del Nord e del Sud che si stabiliscono qui. In altri paesi ci sono politiche per attirarli, ma non qui, e la gente arriva comunque. »

Anche senza la politica, se si cerca un po’, si possono comunque trovare motivi per stabilirsi a Barcellona, ​​e spesso gli stessi: qualità della vita, clima piacevole e atmosfera internazionale sono gli argomenti citati più spesso. E se Madrid condivide queste caratteristiche, non ha la vicinanza del mare, che sicuramente fa pendere l’ago della bilancia verso la città del conte.

Gli stranieri qualificati non sono solo una buona notizia per il Barcellona

Ma queste massicce immigrazioni hanno conseguenze sulla popolazione locale. A causa dell’arrivo di questi lavoratori, il cui tenore di vita è spesso superiore a quello dei barcellonesi, gli affitti aumentano e la popolazione cambia. Sempre secondo lo studio, questi lavoratori stranieri spesso telelavorano e vivono generalmente sulla diagonale che va da Vila Olímpica a Sarrià.

A causa di questa posizione geografica centrale, occupano intensamente lo spazio pubblico. E se alcuni immigrati si sforzano di adattarsi alla lingua e ai costumi, altri vivono qui in inglese e senza mescolarsi con la popolazione locale, il che sconvolge notevolmente il panorama socio-culturale di Barcellona.

-

PREV “È difficile per lei dimostrare che è davvero la sua voce” – Libération
NEXT Riccardo Calafiori rifiuta due club europei…vuole solo la Juventus |Juventus-fr.com