Francia – Mondo – Ciad: eletto presidente il leader della giunta Mahamat Déby, il suo primo ministro protesta

-

Déby, 40 anni, ha raccolto il 61,03% dei voti, secondo i risultati ufficiali provvisori della commissione elettorale da lui nominata, contro il 18,53% di Masra, anch’egli 40 anni. Il tasso di partecipazione si attesta ufficialmente al 75,89%. Questi conteggi dovranno ancora essere convalidati dal Consiglio Costituzionale, anch’esso nominato dal capo della giunta.

Poco dopo l’annuncio, i soldati hanno sparato in aria con armi leggere a N’Djamena, nel quartiere dove ha sede il partito di Masra, per gioia ma anche chiaramente per dissuadere la gente dal raduno, hanno riferito i giornalisti dell’AFP. Alcuni residenti corsero a nascondersi nelle loro case e le strade furono presto deserte.

Era il contrario, vicino al Palazzo Presidenziale, molti sostenitori di Déby hanno celebrato la sua vittoria gridando, cantando e suonando il clacson nelle loro auto, alcune delle quali erano coperte con la bandiera del Ciad. Soldati ma anche gente comune manifestavano la loro gioia con raffiche di kalashnikov in aria. Almeno due adolescenti sono rimasti feriti dalla caduta di proiettili, ha testimoniato un giornalista dell’AFP.

Il primo ministro e candidato alla presidenza, Succès Masra, nella sua residenza a N’Djamena, l’8 maggio 2024 in Ciad FOTO AFP / Issouf SANOGO

Masra aveva rivendicato la vittoria prima della proclamazione dei risultati ufficiali in un lungo discorso su Facebook in cui aveva accusato in anticipo il campo di Déby di aver manipolato i risultati per annunciare la vittoria del generale.

Invocando la compilazione dei conteggi elettorali da parte dei suoi stessi sostenitori, ha invitato i ciadiani a “non lasciarsi rubare la vittoria” e a “dimostrarlo” “mobilitandosi pacificamente, ma con fermezza”.

“Ora sono il presidente eletto di tutti i ciadiani”, ha dichiarato Déby in un brevissimo discorso televisivo in tono monotono, promettendo di mantenere i suoi “impegni”.

Questa elezione doveva segnare la fine di una transizione militare durata tre anni e molti osservatori la consideravano una conclusione scontata a favore del generale, proclamato leader il 20 aprile 2021 in sostituzione del padre Idriss Déby Itno, appena ucciso dai ribelli il al fronte, dopo aver governato con pugno di ferro, per 30 anni, questo vasto Paese del Sahel, uno dei più poveri del mondo.

Il più accanito uccisore della “dinastia Déby” dell’epoca, Succès Masra, si era finalmente unito alla giunta e il generale lo aveva nominato Primo Ministro quattro mesi prima delle elezioni.

Il resto dell’opposizione, imbavagliato e represso violentemente, talvolta nel sangue, lo aveva accusato di essere un “traditore” e di essere un candidato presidenziale per “dare una patina democratica e pluralista” a un’elezione giocata in anticipo per Déby.

Ma l’economista Masra ha sorpreso tutti raccogliendo una folla considerevole durante la sua campagna elettorale, al punto da incoraggiarsi e dichiararsi capace di vincere, se non di spingere Déby al ballottaggio il 22 giugno.

Se i sostenitori di Masra protestassero in piazza contro la sua elezione, ciò potrebbe aprire la strada a violenze mortali, con manifestazioni di opposizione sistematicamente represse in questo paese segnato, fin dall’indipendenza dalla Francia nel 1960, da colpi di stato militari, regimi autoritari e regolari assalti di una moltitudine di ribellioni.

– Riconosciuto dalla comunità internazionale –

Conteggio delle schede per le elezioni presidenziali, 6 maggio 2024 a N’Djamena, Ciad FOTO AFP / Issouf SANOGO

Mahamat Déby è stato nominato al momento del suo insediamento da parte dell’esercito nel 2021 da una comunità internazionale – la Francia in testa – pronta a condannare i golpisti in altre parti dell’Africa. Parigi mantiene ancora un migliaio di soldati in Ciad, considerato un pilastro della lotta contro gli jihadisti nel Sahel, dopo che i soldati francesi furono espulsi dal Mali, dal Burkina Faso e dal Niger.

Altri otto candidati si sono spartiti le briciole dei voti, ad eccezione dell’ex primo ministro Albert Pahimi Padacké, che ha raccolto ufficialmente il 16,91% dei voti.

Tre anni dopo aver preso il potere al di fuori di ogni processo costituzionale, il generale Déby ha legittimato la sua presidenza alle urne. Molti osservatori prevedevano che si sarebbe trattato di una formalità, come per suo padre, ufficialmente eletto e rieletto comodamente sei volte dopo il colpo di stato del 1990.

– “Né credibile né libero” –

Il primo ministro e candidato alla presidenza, Succès Masra, parla ai media nella sua residenza a N'Djamena, l'8 maggio 2024 in Ciad
Il primo ministro e candidato alla presidenza, Succès Masra, parla ai media nella sua residenza a N’Djamena, l’8 maggio 2024 in Ciad FOTO AFP / Issouf SANOGO

In sintonia con il resto dell’opposizione che chiedeva il boicottaggio del voto, la Federazione internazionale per i diritti umani (FIDH) si era preoccupata il 3 maggio di un'”elezione che non sembra né credibile, né libera, né democratica” contesto deleterio segnato dalla (…) moltiplicazione delle violazioni dei diritti umani”.

Mercoledì, il partito Les Transformateurs di Masra ha denunciato “gravi minacce” contro il suo leader e i suoi sostenitori, nonché “violenze e arresti arbitrari” contro questi ultimi dopo le elezioni.

-

PREV altro incidente, il sindaco si arrabbia
NEXT DIRETTO. Trasmissione speciale in diretta: Moetai Brotherson fa il punto sul suo primo anno di governo