DEBITO FX CANADA – Il dollaro canadese avanza in vista del rapporto sui principali posti di lavoro nazionali

DEBITO FX CANADA – Il dollaro canadese avanza in vista del rapporto sui principali posti di lavoro nazionali
DEBITO FX CANADA – Il dollaro canadese avanza in vista del rapporto sui principali posti di lavoro nazionali
-

Il dollaro canadese si è rafforzato rispetto alla sua controparte statunitense giovedì, mentre il biglietto verde ha registrato cali diffusi e in vista dei dati sull’occupazione nazionale che potrebbero fornire indizi sulla tempistica dei tagli dei tassi di interesse della Banca dal Canada.

Il loonie è stato scambiato in rialzo dello 0,3% a 1,3677 per dollaro USA, o 73,12 centesimi USA.

“Gran parte di questa mossa è dovuta all’ampia svendita del dollaro USA che abbiamo visto dopo il rapporto sui sinistri iniziali peggiore del previsto”, ha affermato Erik Bregar, direttore della gestione del rischio di cambio e dei metalli preziosi presso Silver Gold Bull .

“Le cattive notizie sono positive per i mercati in generale.

Wall Street è salita e il dollaro USA ha perso terreno contro un paniere delle principali valute dopo che i dati economici hanno mostrato che il numero di americani che hanno presentato nuove richieste di sussidio di disoccupazione è aumentato più del previsto la scorsa settimana.

Il rallentamento del mercato del lavoro ha rimesso sul tavolo due riduzioni dei tassi di interesse da parte della Federal Reserve quest’anno.

Si prevede che il rapporto sull’occupazione canadese di aprile, previsto per venerdì, mostrerà che l’economia canadese ha creato 18.000 posti di lavoro e che il tasso di disoccupazione è salito al 6,2%.

Dati deludenti rafforzerebbero le possibilità di un taglio dei tassi di interesse da parte della Banca del Canada, ha affermato Bregar.

I mercati monetari ritengono che vi sia una probabilità del 60% circa che la banca centrale canadese avvii una campagna di riduzione dei tassi il mese prossimo.

Il sistema finanziario canadese rimane resiliente, ma il continuo aggiustamento a tassi più alti e i possibili shock pongono rischi significativi alla stabilità, ha affermato il governatore della Banca del Canada Tiff Macklem.

Il prezzo del petrolio, una delle principali esportazioni del Canada, è aumentato dello 0,3% a 79,26 dollari al barile, con i dati provenienti da Cina e Stati Uniti che mostrano che la domanda in entrambi i paesi, i principali paesi consumatori di greggio nel mondo, potrebbe aumentare.

Il rendimento del decennale canadese è sceso di circa mezzo punto base al 3,625%, mentre i rendimenti dei titoli del Tesoro statunitensi sono diminuiti. (Segnalazione di Fergal Smith; Montaggio di Jonathan Oatis)

-

PREV GP F1 di Monaco: video del terribile incidente al primo giro che ha distrutto la vettura di Sergio Pérez
NEXT L’approvazione degli ETF su Ethereum fa salire i prezzi, ma incombono incertezze.