“Mi hanno svegliato i vigili del fuoco”: la notte da incubo degli abitanti della casa evacuata a Tolosa dopo il crollo di un muro

“Mi hanno svegliato i vigili del fuoco”: la notte da incubo degli abitanti della casa evacuata a Tolosa dopo il crollo di un muro
Descriptive text here
-

l’essenziale
Nella notte tra mercoledì e giovedì, gli abitanti di 2 rue Ferdinand Bebel sono stati evacuati dopo il crollo di un muro. Narrativa.

Asma non sospettava nulla. Dal bancone del suo negozio di alimentari “l’Alimentation”, la direttrice poteva vedere vagamente le luci blu in Avenue Jean-Chaubet. Pochi minuti prima della chiusura della sua attività, mentre apriva per un cliente, si è trovata faccia a faccia con i vigili del fuoco con le luci lampeggianti accese. Hanno ricevuto la telefonata di un inquilino al 2 di rue Ferdinand Bebel. Un muro di questa casa che risale all’inizio del XX secolo è crollato poco dopo la mezzanotte di questo giovedì.

Leggi anche:
Crolli a Tolosa: dopo l’evacuazione di una casa, continua la legge delle serie

Sarah, la sua vicina, dormiva profondamente. Il crollo non ha disturbato il suo sonno. L’arrivo dei vigili del fuoco, sì. “Hanno bussato alla mia porta e mi hanno spiegato cosa stava succedendo. Sono riuscita a recuperare due o tre capi di abbigliamento al buio, perché avevano interrotto la corrente elettrica”, racconta la giovane.

Leggi anche:
INFORMAZIONI LA ​​DEPECHE. A Tolosa, una perizia raccomanda la demolizione dell’edificio che rischia di crollare in rue des Puits-Clos

“Penso che staremo via per diverse settimane.”

Asma, che conosceva a malapena, si è offerta di passare la serata a casa sua. “Ho dormito solo tre ore e stasera non so dove dormirò”, scivola Sarah singhiozzando. Il muro crollato confina con la casa ad un piano divisa in quattro appartamenti e con i locali dell’agenzia immobiliare Stéphane Plaza.

Leggi anche:
INFORMAZIONI LA ​​DEPECHE. Crollo di un edificio a Tolosa: i proprietari portano in tribunale il municipio

Questo giovedì mattina il proprietario era sul posto. Disse che si trattava di un “vecchio muretto a secco nella cassaforma placo”. Secondo lui non c’è motivo di preoccuparsi. “Siamo ancora nella psicosi dopo il crollo di rue Saint-Rome”.

Leggi anche:
Crollo di rue Saint-Rome a Tolosa: opposizione comunale per “un permesso di affitto”

Anche l’ufficio di progettazione incaricato dal comune di Tolosa, nel tardo pomeriggio di giovedì, ha stimato che “non c’era pericolo”. Il puntellamento deve ancora essere effettuato.

Sarah è riuscita a raccogliere un sacco di vestiti. Non sa quando potrà tornare a casa. “Penso che staremo via per diversi giorni…”, dice. Potrebbe tornare a casa venerdì.

-

PREV esasperato da Valérie Bénaïm, Cyril Hanouna lascia bruscamente il set, “è insopportabile!”
NEXT Léonor Graser, sorella di Maïwenn, arrabbiata “da anni”: di cosa lo accusa