Mercato – OM: Questo marcatore è altalenante al suo arrivo!

Mercato – OM: Questo marcatore è altalenante al suo arrivo!
Mercato – OM: Questo marcatore è altalenante al suo arrivo!
-

L’OM è stato obbligato a svolgere una significativa finestra di mercato invernale per compensare le carenze della propria rosa. È arrivato così Faris Moumbagna, nazionale camerunense, dal club norvegese dell’FK Bodo/Glimt. Relativamente sconosciuto al grande pubblico, Moumbagna era entusiasta al suo arrivo ma cinque mesi dopo ha mostrato lucidità.

Arrivare all’OM per un attaccante è complicato e lo è ancora di più quando si tratta di arrivare durante l’inverno. Questo è quello che ha vissuto il giovane 23enne attaccante camerunese, Faris Moumbagna. Criticato per la sua goffaggine tecnica, è stato l’eroe durante l’incontro contro Benfica, consentendo alla sua squadra di qualificarsi per la semifinale. Anche questo giovedì, di fronte Atalanta ?

“Non mi trattengo, entro e rovino tutto”

Quando arrivò all’OM lo scorso gennaio, durante il POTERE, la nazionale camerunense Faris Moumbagna aveva promesso qualcosa di pesante ai suoi nuovi sostenitori: “ I tifosi mi scopriranno. Ma se devo dare loro un assaggio di quello che sono, c’è velocità, rifinitura, gioco aereo. Non mi arrendo. Do tanto in campo, aiuto i miei compagni. Qualunque cosa debba essere fatta in campo per aiutare la squadra, la faccio. Poi quando arrivi in ​​un club del genere c’è tanta attesa. Non mi trattengo, uscirò allo scoperto e romperò tutto per iniziare e segnare gol per i tifosi dell’OM. »

“Quando arrivo qui c’è sempre un po’ di pressione”

Cinque mesi dopo, l’estasi di questa firma è passata e Faris Moumbagna ha parlato con una prospettiva un po’ più ampia di questo arrivo sulle colonne del parigino : “ Sono sempre stato preparato a queste situazioni. Ho avuto un anno molto difficile in Danimarca che mi ha preparato a tutto. Dopodiché, mi sono detto che niente poteva farmi inciampare mentalmente. Quando arrivo qui c’è sempre un po’ di pressione ma continuo a lottare, a credere di essere il giocatore che sono, in tutta umiltà. Avere fiducia in se stessi è la base, ma c’è questa piccola cosa a Marsiglia a cui non puoi sfuggire. »

-

PREV Iga Swiatek in coppia? Tutto quello che c’è da sapere sulla vita sentimentale del tennista
NEXT Sépaq sta esaminando l’impatto dei fuochi nei suoi campeggi