Golfo del Morbihan: Gavrinis, come Lascaux, potrebbe essere chiuso al pubblico?

Golfo del Morbihan: Gavrinis, come Lascaux, potrebbe essere chiuso al pubblico?
Golfo del Morbihan: Gavrinis, come Lascaux, potrebbe essere chiuso al pubblico?
-

Di Editoriale del Morbihan
pubblicato su

9 maggio 24 alle 6:00

Vedi le mie notizie
Segui le notizie Morbihan

Il dipartimento del Morbihan possiede diversi siti megalitici, tra cui il tumulo di Gavrinis, su un’isola del Golfo. Il sito, in corsa per la classificazione UNESCO, è attentamente monitorato. Il cemento e il sale marino, infatti, potrebbero danneggiare le lastre incise. Tuttavia, non è prevista la chiusura del sito.

Competenza continua

Come promemoria, l’interno del tumulo di Gavrinis risale al 4.000 a.C. Ma l’esterno è stato restaurato “quasi identico” negli anni ’90. Questo restauro minaccia il sito. “Ne abbiamo uno logica di conservazione dell’edificio”, avanza il presidente del dipartimento David Lappartient che aggiunge:

Quando è stato restaurato, ci sono stati aggiustamenti. Il cemento trasuda umidità e deteriora l’edificio. Ma non c’è pericolo in casa.

David Lappartient

Sono previsti diversi scenari per proteggerlo in modo sostenibile:

Togliere la sabbia-cemento, rimetterne un’altra, sigillarla, ecc. Ci vorranno due anni per valutare il sito.

David Lappartient

Nessuna chiusura all’ordine del giorno

“Non c’è nessun desiderio di chiudere l’edificio in quanto tale”, rassicura David Lappartient che traccia un parallelo con un altro sito:

La grotta di Lascaux è stata chiusa. C’è stata una risposta. Fino a prova contraria non è prevista la chiusura al pubblico del sito Gavrinis.

David Lappartient

Stabilire delle quote?

UN numero chiuso si stabilisce sul sito come ricorda Aurélie Giard, responsabile dei siti culturali dei Gavrini e del Petit Mont Cairns:

A causa della crisi sanitaria dovuta al Covid-19, abbiamo prolungato gli orari di visita. Ora ci sono un massimo di cinque persone sul sito. Non dovresti scherzare con le lastre incise. Ogni 15 minuti vengono portate all’interno del monumento dieci persone.

Non è prevista alcuna quota durante tutto l’anno. La partecipazione è limitata dal numero di rotazioni della barca. “Abbiamo un soffitto di vetro. Non supereremo i 250 visitatori al giorno”, indica Aurélie Giard.

Il pubblico potrà quindi continuare a scoprire la “Cappella Sistina” del Neolitico. Nel 2023, 32.000 visitatori hanno potuto scoprire la densità e la ricchezza delle incisioni di Gavrinis.

Segui tutte le notizie dalle tue città e media preferiti iscrivendoti a Mon -.

-

PREV una giornata movimentata per il passaggio della fiamma olimpica
NEXT Recuperati nella Striscia di Gaza i corpi di tre ostaggi tra cui il franco-messicano Orion Hernandez Radoux