Opinione: perché incarcerare Trump per aver violato l’ordine di silenzio potrebbe finire per aiutarlo

Opinione: perché incarcerare Trump per aver violato l’ordine di silenzio potrebbe finire per aiutarlo
Opinione: perché incarcerare Trump per aver violato l’ordine di silenzio potrebbe finire per aiutarlo
-

Nota dell’editore: W. James Antle III è redattore esecutivo della rivista Washington Examiner e autore di “Devouring Freedom: Can Government Ever Be Stopped?” Le opinioni espresse in questo commento sono le sue. Visualizzazione più opinione sulla CNN.

CNN

L’ex presidente Donald Trump e il giudice Juan Merchan stanno giocando una partita ad alto rischio legale nel processo in corso, con una rinnovata minaccia di incarcerazione che potrebbe turbare la corsa presidenziale.

Per gentile concessione di W. James Antle III

W. James Antle III

Multe per un totale di 10.000 dollari non hanno dissotterrato Trump dal fatto di aver ripetutamente sfidato la regola del bavaglio nel caso, con l’ex presidente e presunto candidato repubblicano accusato di oltraggio alla corte per la decima volta lunedì. A Trump è vietato attaccare personalmente testimoni, pubblici ministeri, giurati, personale giudiziario e le loro famiglie. I pubblici ministeri non hanno chiesto il carcere per le violazioni di Trump.

Ma è possibile che nemmeno le minacce di finire in prigione abbiano l’effetto desiderato, poiché Trump potrebbe ritenere che tale sanzione sarà il miglior esempio finora di un sistema legale politicamente parziale e impazzito. “Francamente la nostra Costituzione è molto più importante del carcere”, ha detto Trump il 12esimo giorno del processo per aver falsificato documenti aziendali in uno schema di denaro segreto per aumentare le sue possibilità nelle elezioni del 2016.

Incarcerare Trump potrebbe dargli ancora più argomenti per mobilitare la sua base contro quella che lui chiama caccia alle streghe e descrive come una forma di interferenza elettorale. Potrebbe anche essere un vantaggio per la raccolta fondi, di cui Trump ha estremamente bisogno per pagare le spese legali e tenere il passo con i democratici. (Il comitato elettorale principale di Biden è andato ad aprile con quasi il doppio del conto della campagna principale di Trump.) La sua campagna afferma di aver raccolto 7,1 milioni di dollari solo dalla sua prenotazione e dalla foto segnaletica nel caso di interferenza elettorale in Georgia. Il guadagno derivante da queste immagini potrebbe essere ancora maggiore.

Significherebbe anche che la prima reale possibilità che Trump sieda in cella verrebbe dal procedimento penale che molti esperti legali considerano ampiamente il più debole dei quattro contro di lui.

Jane Rosenberg

In uno schizzo in tribunale, il giudice Juan Merchan stabilisce lunedì che l’ex presidente Donald Trump ha violato l’ordine di silenzio nel processo del silenzio per commenti sulla composizione della giuria.

Merchan sembra comprendere il rischio e l’enorme peso della sua decisione rispetto a un possibile periodo in prigione. “Sig. Trump, è importante che tu capisca che l’ultima cosa che voglio fare è metterti in prigione. Tu sei l’ex presidente degli Stati Uniti e forse anche il prossimo presidente”, ha detto il giudice. “Non mi sfugge la portata di questa decisione, ma alla fine ho un lavoro da svolgere.”

Tuttavia, nessun precedente giudizio legale avverso contro Trump sembrava renderlo un candidato alle elezioni generali meno competitivo, compresi i verdetti nelle cause civili di E. Jean Carroll per abuso sessuale e diffamazione e la sentenza per frode civile di New York.

L’emissione di molteplici accuse ha dato una spinta a Trump nelle primarie repubblicane. L’inizio del processo del silenzio non ha danneggiato notevolmente Trump nelle partite elettorali contro il presidente Joe Biden. Secondo un sondaggio della CNN condotto da SSRS ad aprile, la maggior parte del Paese appare divisa sul fatto che Trump venga trattato con più durezza o con leggerezza rispetto agli altri imputati, ma circa tre quarti degli elettori che sostengono Trump affermano che lo sosterranno comunque anche se lo fosse. condannato per un crimine. (Trump si è dichiarato non colpevole e ha negato ogni illecito nei quattro casi contro di lui.)

In questo caso particolare, Trump potrebbe essere incarcerato per aver parlato durante un processo su accuse che secondo alcuni critici dovrebbero essere solo accuse di reati minori, mentre un accusatore come l’ex avvocato di Trump Michael Cohen è stato quasi onnipresente sulla stampa. (Merchan ha avvertito Cohen che se continua a criticare Trump, l’ordine di bavaglio che impedisce all’ex presidente di commentare testimoni, giurati e altri potrebbe non essere più applicabile ai riferimenti a lui.) Una delle violazioni della regola del bavaglio di Trump è stata la ripubblicazione di un collegamento a un New York Articolo del professore di diritto della George Washington University Jonathan Turley che attacca la credibilità di Cohen sulla base di spergiuri passati.

Le discussioni sui reati per i quali Cohen si è dichiarato colpevole sembrano un gioco leale per il dibattito pubblico piuttosto che un tentativo di minacciare o intimidire un testimone. Trump e i suoi sostenitori potrebbero sostenere un doppio standard qui.

Tutti questi sviluppi si inseriscono in un contesto più ampio in cui Trump attribuisce la colpa dei suoi problemi legali ai suoi avversari politici: Biden e i democratici alleati. Sebbene la retorica di Trump possa essere esagerata, i democratici che pretendono di difendere la democrazia, le norme e lo stato di diritto, anche attraverso queste stesse azioni penali, stanno correndo un rischio.

Il fatto è che Trump è l’unica figura politica della sua statura ad affrontare due impeachment, quattro incriminazioni e un processo per frode civile. Parte del suo fascino politico sembra derivare dal fatto che gli elettori pensano che i poteri costituiti non permetteranno loro di sceglierlo di nuovo. Metterlo in prigione prima che venga condannato per uno qualsiasi di questi presunti reati durante una campagna in cui è leader in molti sondaggi rafforzerebbe tutte queste argomentazioni.

Ci sono evidenti rischi anche per Trump. La vista senza precedenti di un candidato presidenziale dietro le sbarre potrebbe far sembrare tutte queste accuse più reali, e non si può dire come reagiranno gli elettori. In quella che si preannuncia come una corsa serrata per la presidenza, anche un piccolo cambiamento potrebbe essere significativo.

Ricevi la nostra newsletter settimanale gratuita

Anche le giurie sono imprevedibili. Non c’è modo di sapere in anticipo come reagirebbero se Trump finisse in prigione per aver violato la regola del bavaglio. È possibile che questo lo renderebbe un difensore più comprensivo. I giurati potrebbero anche essere spinti verso una condanna se l’incarcerazione rafforza la loro convinzione nella sua colpevolezza o se non rispondono bene alla sua sfida. In ogni caso, gli elettori in patria non sono l’unico pubblico di Trump che deve raggiungere.

Tuttavia, considerato il modo in cui si sono svolti i problemi legali del passato di Trump, è facile capire come potrebbe trasformare una breve incarcerazione a suo vantaggio. Gli elettori potrebbero decidere di incarcerare l’ex presidente non è il modo in cui vogliono vedere trattati i candidati presidenziali in questo paese.

-

PREV L’innalzamento del livello del mare minaccia le spedizioni di petrolio, dice il think tank
NEXT Un doppio Luigi d’oro del tesoro della Vandea messo in vendita all’asta