Il presidente respinge la richiesta dell’opposizione di un dibattito urgente sulla posizione di Fearne

Il presidente respinge la richiesta dell’opposizione di un dibattito urgente sulla posizione di Fearne
Il presidente respinge la richiesta dell’opposizione di un dibattito urgente sulla posizione di Fearne
-

Ritratto: Miguela Xuereb

Il presidente della Camera Anġlu Farrugia ha respinto la richiesta dell’opposizione di tenere un dibattito parlamentare urgente sulla necessità che il vice primo ministro Chris Fearne si dimetta mercoledì pomeriggio.

Fearne, che serve il ministro dei Fondi dell’UE, sarà accusato di frode e appropriazione indebita in relazione all’accordo da 400 milioni di euro per privatizzare tre ospedali statali.

L’ex ministro della Sanità è subentrato all’ex ministro caduto in disgrazia Konrad Mizzi e ha supervisionato l’accordo tra il 2019 e l’anno scorso. Fearne, insieme ad altri, sarà perseguito in relazione all’inchiesta VGH. Mercoledì scorso, Fearne aveva detto che le accuse non gli erano state notificate.

Nella seduta parlamentare pomeridiana il leader dell’opposizione Bernard Grech ha chiesto un dibattito urgente.

Rivolgendosi alla Camera, Grech ha sottolineato che ciò è di vitale importanza dato che sono state presentate accuse contro Fearne.

“Il pubblico ha il diritto di non essere rappresentato da persone che affrontano gravi accuse penali”, ha continuato Grech.

Il leader dell’opposizione ha citato l’ordinanza permanente 13 come base della sua richiesta.

Il primo ministro Robert Abela ha detto alla Camera che Fearne rimarrà vice primo ministro a meno che non sia chiaramente collegato a un reato.

Abela ha insistito che se Fearne fosse menzionato nelle raccomandazioni formulate nel rapporto d’inchiesta, ma non nel corpo del testo, avrebbe continuato a difenderlo fino alla fine. “Rimarrà vice primo ministro”, ha detto Abela.

Il primo ministro ha detto che è troppo prematuro discutere di dimissioni. Ha inoltre ribadito la sua richiesta di pubblicare le conclusioni dell’indagine.

Grech ha reagito dicendo che Abela stava prendendo in giro il paese, lasciando intendere di non aver letto l’inchiesta, e ha esortato Farrugia a rimproverare il primo ministro per aver mentito al parlamento.

Il leader dell’opposizione ha ricordato che l’ex ministro della Sanità Godfrey Farrugia è stato licenziato sotto una tenda mentre Fearne è ancora ministro nonostante sia accusato di accuse in relazione all’accordo fraudolento da 400 milioni di euro.

Farrugia si è dimesso nel marzo 2014, due mesi dopo essere stato pubblicamente rimproverato dall’allora primo ministro Joseph Muscat, caduto in disgrazia, per aver allestito tende per pazienti affetti da influenza fuori dall’ospedale Mater Dei.

La seduta viene brevemente sospesa affinché Farrugia possa pronunciarsi sulla mozione di Grech.

Alla ripresa della sessione, Farrugia si è detto preoccupato per la situazione, ma poiché la richiesta dell’opposizione sfocerà in una votazione, ha respinto la richiesta esortando a utilizzare la procedura corretta.

“Anche se la questione è senza dubbio di interesse pubblico, per chiedere le dimissioni di qualcuno occorre una mozione specifica e un voto alla Camera. Ciò non può essere fatto attraverso la procedura citata dall’opposizione”, ha detto Farrugia.

Dopo la sentenza, Grech ha informato la Camera che l’opposizione avrebbe iniziato a disobbedire alle regole o agli ordini della Camera.

“Al Parlamento è stata negata la possibilità di discutere una questione così importante. Non basta che il Presidente sia preoccupato”, ha detto Grech, sottolineando poi che il Parlamento aiuta il governo attraverso le sue sentenze.

“Ho delineato la procedura di ciò che devi fare”, intervenne Farrugia dichiarando Grech fuori servizio.

Il leader dell’opposizione ha ribattuto: “Il vice primo ministro è fuori servizio. Il governo è fuori controllo. Questo Parlamento è fuori servizio”.

Segui questa storia sui social media

-

PREV Sognare di fare sesso con qualcuno che non sia il tuo partner ti sta tradendo?
NEXT CASO. I prezzi delle biciclette sono aumentati in media del 71% dall’inizio della pandemia