Holzmann della BCE afferma che la Fed è un gorilla in camera grazie al dollaro

Holzmann della BCE afferma che la Fed è un gorilla in camera grazie al dollaro
Holzmann della BCE afferma che la Fed è un gorilla in camera grazie al dollaro
-

(Bloomberg) – Il membro del Consiglio direttivo della Banca centrale europea Robert Holzmann ha affermato che l’influenza della Federal Reserve sulla principale valuta mondiale le conferisce un’influenza fuori misura di cui i politici terranno conto.

“In una certa misura, i nostri dati e le nostre decisioni sono naturalmente influenzati dalla Fed”, ha detto a Handelsblatt in un’intervista pubblicata mercoledì. “Non operiamo nel vuoto. La Fed con il dollaro è, in senso figurato, il gorilla nella stanza”.

La BCE è pronta a tagliare i tassi di interesse di un quarto di punto il 6 giugno, un allentamento che si discosterà dal probabile percorso della banca centrale statunitense di mantenere l’indebitamento più elevato più a lungo.

Tuttavia, Holzmann, che è tra i membri più aggressivi del Consiglio direttivo, ha messo in guardia contro qualsiasi azione affrettata.

“Prima di tutto deve essere soddisfatto il presupposto fondamentale per il primo taglio dei tassi, vale a dire che vi sia un’alta probabilità di raggiungere il nostro obiettivo di inflazione entro la metà del 2025”, ha affermato. “Se quel momento arriverà a giugno, seguiranno sicuramente ulteriori passi. Ma non vedo alcun motivo per cui dovremmo tagliare i tassi di riferimento troppo e troppo rapidamente. Ogni passo che facciamo dipende dai dati disponibili in quel momento. Avremo molti nuovi dati e previsioni a settembre e dicembre. Ma a luglio non è proprio così”.

©2024 Bloomberg LP

-

PREV Gli Oilers avviano Stuart Skinner in rete per Gara 6 contro Canucks
NEXT Premier League: a che ora e su quale canale seguire il Multiplex della 38esima e ultima giornata?