Una giornata ricorderà, il 6 agosto, l’esodo della popolazione caraibica verso Plévin

-

In occasione della cerimonia dell’8 maggio 1945, il sindaco di Carhaix, Christian Troadec, annunciò che il 6 agosto la città ritornerà ad un episodio significativo della sua storia celebrando l’80° anniversario dell’esodo della popolazione di Carhaix la città di Plevin. Questa giornata commemorativa, organizzata su iniziativa dei comuni di Plévin e Carhaix, potrebbe assumere, ad esempio, la forma di un’escursione commemorativa, per ripercorrere il percorso tra la Place du Champ-de-Bataille, dove circa 3.000 abitanti di Carhaix, fino alla città di Plévin.

“Ho viaggiato in carrozzina! »

Sebbene avesse solo un anno al momento dei fatti, Pierrot Le Guen, 81 anni, molto conosciuto a livello locale perché accompagna ogni cerimonia patriottica con la sua tromba dagli anni ’60, è inesauribile sull’argomento. “Mio padre mi raccontava spesso come è successo tutto”, dice. Il 6 agosto 1944 Carhaix era sotto assedio. Mentre gli Alleati erano alle porte della città, i tedeschi diedero l’ordine di evacuare tutta la popolazione civile. “Avevo solo un anno e sono andato a Plévin in carrozzina. Da quanto mi è stato detto era vietato portare qualsiasi cosa, ma i miei genitori erano riusciti a nascondere dei vestiti nel fondo della mia carrozzina. Una delle ruote si è rotta lungo il percorso, quindi sono arrivato su tre ruote”, sorride. Pierrot Le Guen, che ha raccolto numerose testimonianze su questo episodio, aggiunge che “i Carhaisien avevano ricevuto una meravigliosa accoglienza da parte dei Plévinois”.

type="image/jpeg">>
Il sindaco Christian Troadec ha deposto per la prima volta una corona di fiori ai piedi del monumento ai caduti nel cimitero della chiesa di Plouguer. (Le Télégramme/Jean-Noël Potin)

Una tragedia evitata

Questo esodo di 3.000 Carhaisiani verso Plévin fu di breve durata, poiché la città fu liberata il giorno successivo. “Quel giorno è stata evitata una tragedia su larga scala”, ha riconosciuto Christian Troadec, invitando coloro che hanno documenti scritti o fotografici sull’esodo, o che conservano ricordi, a contattare in anticipo il municipio della giornata della memoria del 6 agosto .

type="image/jpeg">>
La processione in partenza dalla chiesa di Plouguer. (Le Télégramme/Jean-Noël Potin)

“Una lezione per domani”

Questa cerimonia, celebrativa del 79° anniversario della fine della Seconda Guerra Mondiale, doveva essere anche l’occasione, per il sindaco, “per ricordare il sacrificio dei nostri anziani caduti per la libertà e per la pace”. Il consigliere comunale ha aggiunto che questa cerimonia deve servire da monito sulla persistenza di un’ideologia che ha generato crimini mostruosi e portato il mondo alla guerra. “Questa cerimonia non solo rende omaggio a coloro che sono morti, ma simboleggia soprattutto la salvaguardia della memoria collettiva; Insieme vogliamo che tutti sappiano dove può portare l’indifferenza di fronte al pericolo della rinascita di un male che è costato tanto caro all’umanità. Dobbiamo essere estremamente vigili. La resistenza non è un insegnamento superato ma una lezione per il domani! “, Egli ha detto.

type="image/jpeg">Nel corso del suo intervento il sindaco Christian Troadec, affiancato dal presidente della Fnaca, Antoine Marzin.>
Nel corso del suo intervento il sindaco Christian Troadec, affiancato dal presidente della Fnaca, Antoine Marzin. (Jean-Noël Potin)
type="image/jpeg">Fedele trombettiere autodidatta delle cerimonie patriottiche locali fin dagli anni '60, Pierrot Le Guen ha vissuto l'esodo del 6 agosto 1944 in una carrozzina, quando aveva solo un anno.>
Fedele trombettiere autodidatta delle cerimonie patriottiche locali fin dagli anni ’60, Pierrot Le Guen ha vissuto l’esodo del 6 agosto 1944 in una carrozzina, quando aveva solo un anno. (Jean-Noël Potin)
type="image/jpeg">Al termine della cerimonia, in Place de Verdun, funzionari eletti e personalità locali si sono recati a salutare gli sbandieratori, come il primo vicesindaco, Jacqueline Mazéas, che qui stringe la mano al più giovane portabandiera.>
Al termine della cerimonia, in Place de Verdun, funzionari eletti e personalità locali si sono recati a salutare gli sbandieratori, come il primo vicesindaco, Jacqueline Mazéas, che qui stringe la mano al più giovane portabandiera. (Le Télégramme/Jean-Noël Potin)

-

PREV Dichiarazione del Primo Ministro in occasione della Giornata dell’Africa
NEXT l’OIS denuncia una “escalation di attacchi” contro la sua azienda e lancia un appello alle autorità