Boxe: Ryan Garcia richiede che il suo campione B venga testato

-

Il pugile Ryan Garcia è risultato positivo all’ostarina giovedì dopo un test effettuato il giorno prima e il giorno della sua vittoria su Devin Haney lo scorso aprile.

Martedì, però, Garcia ha chiesto che il suo campione B fosse analizzato e nega fermamente di aver utilizzato sostanze vietate.

Anche il campione A è risultato positivo al 19-norandrosterone, ma la sua presenza non sarà confermata fino all’esecuzione di ulteriori analisi di laboratorio.

Il pugile 25enne ha sbattuto Haney al tappeto tre volte prima di vincere con decisione a maggioranza, ma quel risultato rischia di essere ribaltato a meno che il campione B non risulti negativo, il che è raro.

Garcia aveva 10 giorni per chiedere che il suo campione B fosse testato, cioè fino a sabato prossimo, per analizzare se ci fosse contaminazione o errore. Ha insinuato che la causa sarebbe stata l’integratore di radice di Ashwagandha, ma il produttore, Gaia Herbs, ha affermato che il loro prodotto non conteneva ostarina.

I campioni di urina furono prelevati prima del combattimento, ma i risultati furono conosciuti solo più tardi.

Ostarine viene utilizzato per migliorare le prestazioni aiutando gli atleti a costruire massa muscolare e migliorare il tasso di perdita di grasso, nonché per aumentare la resistenza e la capacità di recupero.

Questa sostanza è presente nell’elenco delle sostanze vietate dell’Agenzia mondiale antidoping dal 2008 ed è stata aggiunta all’elenco degli agenti anabolizzanti della WADA nel 2022.

-

PREV Un verdetto storico: per Donald Trump è arrivata l’ora della resa dei conti
NEXT Anche le forti piogge sono una conseguenza del cambiamento climatico