Maya Day, questo sabato, a Stambruges, per sensibilizzare l’opinione pubblica sulle api

Maya Day, questo sabato, a Stambruges, per sensibilizzare l’opinione pubblica sulle api
Maya Day, questo sabato, a Stambruges, per sensibilizzare l’opinione pubblica sulle api
-

Gli abitanti di Stambrug hanno voluto creare un collettivo cittadino chiamato Les Amis des Abeilles per contribuire alla difesa di questo amichevole insetto e sensibilizzare l’opinione pubblica sulla necessità di proteggerlo.

In collaborazione con diversi partner, tra cui il comune di Beloeil, il collettivo organizza questo sabato, 11 maggio, la terza edizione della Giornata Maya e la Biodiversità presso lo spazio Odéon di Stambruges (rue Bernard Hecquet) dalle 10:00 alle 18:00.

“Il nostro obiettivo è organizzare una giornata amichevole, intergenerazionale e festosa durante la quale scambiamo, scopriamo le piante del miele, l’ambiente dell’apicoltura in modo visivo ed educativo, sottolinea Chantal Kabore, coordinatrice del collettivo. L’obiettivo è anche pensare insieme alle azioni da intraprendere per partecipare al ripristino degli ecosistemi al fine di proteggere le api e gli altri impollinatori perché senza di loro non ci sarebbe la vita umana”.

È vero, va ricordato, che le api e gli impollinatori hanno un ruolo importante nell’equilibrio della nostra biodiversità, soprattutto come intermediari nel ciclo riproduttivo delle piante, ma è chiaro che la popolazione di questi insetti è in forte calo a causa dell’azione umana attività. Tuttavia, senza queste specie animali, avremmo difficoltà a sopravvivere poiché alcuni degli elementi essenziali per la nostra sopravvivenza sarebbero inesistenti (niente orto, niente agricoltura.). Obiettivo di questa giornata è quindi anche quello di sensibilizzare i visitatori e il grande pubblico sulla salvaguardia delle api.

In programma: mercato dell’apicoltura, apiari didattici, creazione di aquiloni ma anche impollinatori al microscopio da parte del PNPE, creazione di vasi di fiori per la festa della mamma, creazione di bombe al miele, scambio di piante, sensibilizzazione al vermicomposting, talee e l’utilità degli insetti e uno sguardo agli eco-giardini e anche allo zero rifiuti.

Attenzione al calabrone asiatico

Alle 10:30 si terrà una conferenza sul calabrone asiatico mentre alle 14:00 vagheranno i fiori di campo. Racconti sotto l’albero del palaver verranno presentati alle 11:30 e alle 15:15.

Da non perdere la passeggiata delle 14:30 nel paese degli asini con gli Amici della Natura o il torneo di bocce, la passeggiata nel circo Ball’Istik o la visita al museo Noël Carlier. Sarà disponibile un’area benessere gratuita.

“Perché un convegno sul calabrone asiatico? È nemico delle api, degli apicoltori e quindi di tutti, assicura Chantal Kabore. L’importante è sapere come differenziare il calabrone asiatico dalle altre specie, individuarne i nidi e sapere cosa fare. Il convegno si propone di informare meglio i cittadini su questo pericolo. Verrà impartito da un professionista del settore abituato a lavorare sul campo. Invita inoltre i cittadini, gli apicoltori e i funzionari comunali a partecipare alla conferenza per riflettere insieme su un piano d’azione.”

Visita la pagina Facebook della Giornata Maya e della Biodiversità e informazioni del collettivo Les Amis des Abeilles allo 0478/36.64.37.

-

PREV L’Interpol riuscirebbe a stabilire un collegamento tra immigrazione e insicurezza?
NEXT Festival di Cannes: il sopravvissuto all’attacco di Hamas rende omaggio agli ostaggi israeliani