Israele avverte che senza progressi sulla questione degli ostaggi, “intensficherà” le sue operazioni a Gaza

-

Conflitto israelo-palestinese: l’Onu chiede l’immediata riapertura dei valichi di Rafah e Kerem Shalom

I valichi di Rafah e Kerem Shalom, la cui chiusura da parte di Israele interrompe il flusso di aiuti a Gaza, devono essere riaperti “immediatamente”, ha esortato martedì il Segretario generale delle Nazioni Unite, invitando il governo israeliano a “fermare l’escalation”.

AFP


Immagine dell'autore predefinita


Di - con Belga

Pubblicato il 07/05/2024 alle 16:36

I valichi di Rafah e Kerem Shalom, la cui chiusura da parte di Israele interrompe il flusso di aiuti a Gaza, devono essere riaperti “immediatamente”, ha esortato martedì il Segretario generale delle Nazioni Unite, invitando il governo israeliano a “fermare l’escalation”.

video

“La chiusura dei valichi di Rafah e Kerem Shalom è particolarmente dannosa per la già disperata situazione umanitaria. Devono essere riaperti immediatamente”, ha detto ai giornalisti Antonio Guterres.

Kerem Shalom, il principale punto di passaggio per gli aiuti umanitari nella Striscia di Gaza, è stato chiuso domenica da Israele dopo il lancio di razzi, e martedì l’esercito israeliano ha preso il controllo di Rafah, al confine egiziano, interrompendo l’accesso degli aiuti umanitari al territorio palestinese assediato. .

In queste circostanze, “ad esempio, stasera rischiamo di rimanere senza carburante”, ha osservato Antonio Guterres.

843859a6-5494-4089-9a4a-97334fff38ef.jpg
AFP_INFOG

“Chiedo al governo israeliano di fermare l’escalation e di impegnarsi in modo costruttivo nelle discussioni diplomatiche in corso”, ha aggiunto, invitando sia Israele che Hamas a dimostrare “coraggio politico” per raggiungere un accordo su una tregua.

“Dopo più di 1.100 israeliani uccisi durante gli attacchi di Hamas del 7 ottobre, dopo più di 34.000 palestinesi uccisi a Gaza, non abbiamo visto abbastanza? “, Egli ha detto. “I civili non hanno sofferto abbastanza morte e distruzione? “.

“Non commettere errori: un attacco generalizzato a Rafah sarebbe una catastrofe umana”, ha anche insistito, mentre l’esercito israeliano schierava carri armati e chiamava decine di migliaia di famiglie dalla città sovraffollata per essere evacuate.

404bbbbb-c691-4b99-8f20-d51ff86ab709.jpg
AFP_INFOG

Ma “non esiste un posto sicuro a Gaza”, ha ripetuto, temendo “innumerevoli altre vittime civili”.

“Anche i migliori amici di Israele sono chiari: un assalto a Rafah sarebbe un errore strategico, un disastro politico e un incubo umanitario”, ha sottolineato Antonio Guterres, invitando “tutti coloro che hanno influenza su Israele a fare tutto ciò che è in loro potere per aiutare a evitare una tragedia ancora più grande”.

-

PREV Due studenti finali di un concorso con la loro candidatura per giardinieri ecologici
NEXT Calcio – Ligue 2. Possibile proseguimento, Thomas Callens titolare, Lucas Buades assente…: cosa sapere prima di Rodez