Il capo della NASA e i premi Nobel verranno a Roma per lo Human Fraternity Meeting

-

L’estate scorsa, Piazza San Pietro era piena di vincitori del Premio Nobel, artisti e interpreti provenienti da tutto il mondo, venuti per firmare un documento sulla fraternità umana.

L’iniziativa prende spunto dall’enciclica di Papa Francesco, Fratelli Tutti. Il documento sulla fraternità umana tiene conto della situazione del mondo oggi – guerre, disastri naturali e divisioni – e mira a rendere la società più unita.

Il prossimo 10 e 11 maggio, la Fondazione Fratelli Tutti del Vaticano si baserà su questo primo Incontro mondiale sulla fraternità umana e terrà il secondo evento dal titolo Be Human.

CARTA. MAURO GAMBETTI
Arciprete, Basilica Papale di San Pietro
Ciò che ci sta a cuore e anche ciò che ci ha mosso in fin dei conti, ciò che cerchiamo di riportare all’attenzione del mondo sono quelle dinamiche, atteggiamenti, sensibilità e mentalità che parlano dell’umano in un mondo che sembra dissolversi proprio dal punto di vista della capacità di essere umani, di riconoscersi come umani.

L’incontro del 2024 accoglierà numerosi ospiti provenienti da diverse parti del mondo e campi di competenza. Ad esempio, sono previsti la partecipazione del sindaco di New York, del capo della NASA e della moglie di Nelson Mandela.

Si terranno 12 tavole rotonde incentrate su temi quali sport, istruzione e social media. Papa Francesco parteciperà all’incontro e terrà un dialogo speciale con i bambini sulla fraternità.

La Fondazione afferma che uno degli obiettivi di questo evento è quello di preparare un altro incontro nell’ambito del Giubileo del 2025, il prossimo settembre.

kg

-

PREV Mangiare salsiccia e bere vino correndo sotto mentite spoglie… Questo vi offre la maratona della vigna
NEXT Previsioni AUD/USD – Venerdì il dollaro australiano crolla verso il supporto