Maggiore Ahlem Douzi, il Premio Pioniere per le donne esperte giudiziarie e penitenziarie

Maggiore Ahlem Douzi, il Premio Pioniere per le donne esperte giudiziarie e penitenziarie
Maggiore Ahlem Douzi, il Premio Pioniere per le donne esperte giudiziarie e penitenziarie
-

Il Dipartimento per le Operazioni di Pace delle Nazioni Unite ha annunciato che il Maggiore Ahlem Douzi, in servizio come ufficiale della giustizia presso la Missione di Stabilizzazione dell’Organizzazione delle Nazioni Unite nella Repubblica Democratica del Congo (MONUSCO), riceverà il secondo Premio Pioniere delle Nazioni Unite per le donne esperte in questioni giudiziarie e penitenziarie.

Il premio verrà consegnato martedì 7 maggio presso la sede delle Nazioni Unite a New York dal Capo di Stato Maggiore del Segretario Generale, Courtenay Rattray. Interverranno anche il Sottosegretario Generale per le Operazioni di Pace, Jean-Pierre Lacroix, e il Direttore Esecutivo di UN Women, Sima Bahous.

Il maggiore Ahlem Douzi è un esperto di armi e munizioni militari all’interno delle cellule di supporto alla procura legale della MONUSCO. È una delle prime forze di pace schierate all’interno della Missione ad avere esperienza nell’analisi forense e nella balistica di tutti i tipi. Fornisce consulenza esperta agli investigatori congolesi e agli investigatori delle Nazioni Unite per la raccolta, la conservazione e la preparazione delle prove durante i processi.

Il maggiore Ahlem Douzi ha espresso la sua gratitudine: “Come ufficiale militare tunisino, sono profondamente onorato e grato di ricevere questo premio per le donne ufficiali specializzate in giustizia e correzioni nelle operazioni di pace. Lavorare come donna in un campo dominato dagli uomini presenta sicuramente delle sfide. Tuttavia, la vedo come un’opportunità per abbattere le barriere di genere e aprire la strada ad altre donne che aspirano a una carriera in professioni simili”.

Il maggiore Douzi è stato schierato presso la MONUSCO nel maggio 2021 e ha sede a Goma, nella provincia del Nord Kivu. Ha condotto una serie di indagini tecniche senza precedenti su crimini gravi e attacchi contro civili e forze di pace, gettando le basi per ritenere responsabili i responsabili.

Il suo supporto tecnico, la consulenza di esperti, lo sviluppo di capacità tecniche e le attività di sensibilizzazione contribuiscono al mandato della missione: assistere le autorità giudiziarie e militari nelle indagini e nella risposta ai crimini contro l’umanità e ai crimini di guerra.

“Il maggiore Douzi ha effettivamente tracciato una strada. Continua a supervisionare numerose indagini tecniche che non sono mai state condotte prima dalla missione.

Il suo servizio e la sua dedizione dimostrano che il personale delle Nazioni Unite può servire con successo le comunità locali e fornire competenze specializzate e supporto alle autorità nazionali quando richiesto”, ha affermato il Sottosegretario Generale per le Operazioni di Pace, Jean-Pierre Lacroix.

“Le donne ufficiali della giustizia e delle penitenze sono esempi viventi dell’importanza di avere donne competenti che prestano servizio in modo visibile in ambiti dominati dagli uomini”, ha detto la signora Bahous. “Attraverso il loro lavoro, le donne e le ragazze possono vedere che le Nazioni Unite le rappresentano e le servono, e capiscono che anche loro possono aspirare a carriere che contribuiscono alla pace e alla giustizia”.

Il Premio Pioniere è un’iniziativa ideata nel 2022 dal Dipartimento Affari Giudiziari e Penitenziari dell’Ufficio per lo Stato di Diritto e le Istituzioni di Sicurezza (OROLSI). Questa iniziativa riconosce i contributi eccezionali delle donne esperte di giustizia e penitenziari impiegate come personale fornito dal governo nelle operazioni di pace delle Nazioni Unite e sfida gli stereotipi e le barriere di genere evidenziando i loro risultati.

– Annuncio-

-

PREV Già tanti casi importati in quattro mesi quanti in tutto il 2023, un record
NEXT Dove guardare la partita? Quali festività legate all’incontro?