Processato a New York tra scandali finanziari e sessuali, Donald Trump è minacciato dal giudice di andare in prigione

Processato a New York tra scandali finanziari e sessuali, Donald Trump è minacciato dal giudice di andare in prigione
Processato a New York tra scandali finanziari e sessuali, Donald Trump è minacciato dal giudice di andare in prigione
-

Il magistrato lo critica per nuove dichiarazioni rilasciate in un’intervista nella quale l’ex presidente repubblicano americano criticava la scelta e la composizione della giuria incaricata di processarlo in questa città a maggioranza democratica.

Lunedì il giudice del processo penale di Donald Trump a New York ha nuovamente minacciato l’ex presidente degli Stati Uniti di finire in prigione per aver violato il suo divieto di attaccare verbalmente testimoni e giurati. Il giudice Juan Merchan ha multato Donald Trump di 1.000 dollari “per aver violato il suo ordine facendo commenti pubblici sulla giuria e su come è stata selezionata”, secondo la sua decisione scritta. In questo processo senza precedenti per un ex presidente, lo ha anche avvertito che futuri reati sarebbero stati commessi “può essere incarcerato”.

Questioni politiche pesanti

Si tratta di un’intervista in cui l’imputato ha criticato la rapidità della selezione della giuria, completata in una settimana, e la sua presunta composizione, in una città a maggioranza democratica. In questo processo carico di questioni politiche, il candidato repubblicano alle elezioni presidenziali di novembre contro il democratico in carica Joe Biden rischia la condanna e, in teoria, fino alla pena detentiva.

Accusato in quattro procedimenti

Questo caso è uno dei quattro procedimenti penali in cui è accusato. Ma a causa del ricorso in altri casi, questo processo a New York, di portata minore, soprattutto se paragonato all’incriminazione da parte della giustizia federale di Washington per tentativi illegali di invertire i risultati delle elezioni presidenziali del 2020 vinte da Joe Biden, potrebbe essere l’unico uno giudicato prima delle elezioni del 5 novembre.

Donald Trump è sotto processo per 34 falsificazioni di documenti contabili che sarebbero serviti a nascondere il pagamento di 130.000 dollari all’ex pornostar Stormy Daniels in dirittura d’arrivo delle elezioni presidenziali del 2016, vinte di misura contro Hillary Clinton. Questa somma è stata utilizzata per comprare il silenzio di Stormy Daniels su una relazione sessuale che lei affermava di aver avuto con il magnate dell’immobiliare nel 2006, quando era già sposato con la sua attuale moglie, Melania. Una relazione che Donald Trump nega.

I 130.000 dollari furono pagati dal suo avvocato dell’epoca, Michael Cohen, tramite una società di comodo. È stato rimborsato nel 2017 dal gruppo imprenditoriale del miliardario, la Trump Organization, per spese mascherate da “spese legali”, da qui l’azione penale per falsificazione di documenti contabili.

Momenti di emozione e sequenze tecniche

Dall’inizio del processo, avvenuto il 15 aprile, il processo ha alternato momenti di dramma giudiziario a sequenze asciutte e altamente tecniche. L’udienza di venerdì è stata segnata dalle lacrime di Hope Hicks, ex responsabile delle comunicazioni di Donald Trump, che ha raccontato l’accaduto “crisi” in cui l’ha immersa la trasmissione di una vecchia registrazione delle parole volgari del miliardario sulle donne.

L’udienza di lunedì è stata dedicata al rimborso di Michael Cohen, dirigente della Trump Organization, Jeffrey McConney, spiegandone nel dettaglio le modalità. Nel pomeriggio gli è succeduta alla guida Deborah Tarasoff, della contabilità della Trump Organization.

Una strumentalizzazione della giustizia?

Come ha fatto instancabilmente dall’inizio del processo, Donald Trump ha accusato i suoi avversari democratici di usare la giustizia per eliminarlo dalla corsa presidenziale. La settimana scorsa, il giudice Merchan gli ha inflitto una multa di 9.000 dollari, o 1.000 dollari per reato, per aver attaccato pubblicamente testimoni e giurati al di fuori del processo e per aver minacciato di mandarlo in prigione in caso di recidiva.

L’ex presidente prende di mira soprattutto Michael Cohen, che gli si è rivoltato contro e collabora con l’accusa, o con i giurati, che secondo lui non sono imparziali. Se fosse eletto di nuovo, Donald Trump potrebbe, una volta insediato nel gennaio 2025, ordinare l’abbandono dei due procedimenti federali contro di lui, a Washington ma anche in Florida (sud-est), dove è perseguito per la sua gestione che avrebbe fatto trapelare casualmente documenti riservati dopo aver lasciato la Casa Bianca.

-

PREV Un ponte d’oro offerto a un giocatore della squadra algerina: cede
NEXT Litigio mortale tra vicini: due fratelli accusati di omicidio