Hamas dice di aver accettato una tregua

Hamas dice di aver accettato una tregua
Hamas dice di aver accettato una tregua
-

Dopo l’annuncio di Hamas, l’esercito israeliano ha effettuato intensi bombardamenti nella parte orientale dell’affollata città di Rafah, dove i residenti erano stati invitati ad andarsene, secondo l’AFP.

L’evacuazione dovrebbe preparare il terreno, secondo Israele, per un’operazione militare di terra a Rafah, alla quale si oppongono molti paesi, tra cui gli Stati Uniti, principale alleato di Israele, e le organizzazioni internazionali.

Hamas ha annunciato in un comunicato di aver informato Egitto e Qatar, paesi mediatori con gli Stati Uniti, di aver “approvato la loro proposta di accordo di cessate il fuoco” con Israele nella Striscia di Gaza, devastata da sette mesi di guerra.

L’ufficio del primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu ha affermato che questa proposta è “lontana dalle richieste israeliane”, aggiungendo che Israele invierà una delegazione “in mediazione per esaurire le possibilità di raggiungere un accordo” di tregua.

Secondo un alto funzionario di Hamas, Khalil al-Hayya, la proposta prevede tre fasi, ciascuna della durata di 42 giorni, e prevede il completo ritiro israeliano dalla Striscia di Gaza, il ritorno degli sfollati e uno scambio degli ostaggi ancora detenuti a Gaza e nei territori palestinesi. prigionieri detenuti da Israele, con l’obiettivo di un “cessate il fuoco permanente”.

Il segretario generale dell’ONU ha invitato Israele e Hamas “a compiere gli ulteriori sforzi necessari” per raggiungere una tregua, ha detto il suo portavoce.

“È giunto il momento”

In Israele, il Families Forum, un’associazione dei parenti degli ostaggi, ha stimato che “è giunto il momento per tutte le parti interessate (…) di trasformare questa opportunità in un accordo per la restituzione di tutti gli ostaggi”.

“Il ‘sì’ di Hamas aumenterà la pressione su Israele (…) affinché raggiunga un accordo”, ha affermato Mairav ​​​​Zonszein, analista dell’International Crisis Group (ICG).

A Rafah, diventata rifugio per più di un milione di persone, la maggior parte delle quali sfollate, lunedì sera si sono svolte scene di gioia e spari in aria dopo l’annuncio della tregua da parte di Hamas.

I negoziati indiretti guidati da Qatar, Stati Uniti ed Egitto, volti a raggiungere una tregua associata al rilascio degli ostaggi detenuti a Gaza in cambio di prigionieri palestinesi, sono iniziati sabato al Cairo ma si sono conclusi domenica senza progressi.

Hamas ha chiesto un cessate il fuoco definitivo mentre Israele si è detto determinato a distruggere il movimento palestinese al potere a Gaza dal 2007, considerato un’organizzazione terroristica da questo Paese, dagli Stati Uniti e dall’Unione Europea.

Nonostante le obiezioni internazionali, Benjamin Netanyahu ha promesso di lanciare l’offensiva su Rafah, qualunque sia l’esito dei negoziati, lunedì l’esercito israeliano ha affermato che è essenziale “distruggere gli ultimi quattro battaglioni” di Hamas.

In questa prospettiva, ha affermato di aver avviato “un’operazione su scala limitata per evacuare temporaneamente le persone che risiedono nella parte orientale di Rafah”, stimando il numero delle persone interessate a “circa 100.000”.

“Terrore e panico”

Nei volantini lanciati nei quartieri orientali di Rafah, l’esercito israeliano avvertiva che si stava “preparando ad agire con la forza contro le organizzazioni terroristiche” e chiedeva ai residenti di “evacuare immediatamente nella zona umanitaria ampliata di Al-Mawasi”, a una decina di chilometri da Rafah.

“I residenti stanno evacuando in preda al terrore e al panico”, ha detto all’AFP Ossama al-Kahlout, un funzionario della Mezzaluna Rossa palestinese nella parte orientale di Rafah, aggiungendo che le aree designate ospitavano circa 250.000 persone.

“Migliaia” di persone hanno lasciato la parte orientale di Rafah, ha aggiunto in seguito.

I residenti hanno detto all’AFP di aver appreso la notizia dopo una notte segnata dagli attacchi israeliani. Alcuni stavano preparando le loro cose, nelle loro tende inondate dalla forte pioggia, o ammucchiandole nei rimorchi.

La “evacuazione massiccia” di una parte della popolazione è “impossibile” da realizzare in modo “sicuro”, ha sottolineato il portavoce del segretario generale dell’Onu, mentre l’Alto commissario per i diritti umani dell’Onu ha considerato l’ordine di evacuazione “inumano”.

Washington, Riyadh, Amman e Parigi hanno ribadito la loro opposizione all’offensiva su Rafah.

Lunedì, in un’intervista telefonica, il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha ribadito a Netanyahu la sua “posizione chiara” contro qualsiasi offensiva a Rafah, secondo la Casa Bianca.

-

PREV Brad Marchand ritorna | NHL.com
NEXT Calcio – Ligue 2. Possibile proseguimento, Thomas Callens titolare, Lucas Buades assente…: cosa sapere prima di Rodez