Hervé Berville: “Che il 30% della propulsione a vela nel mondo sia francese”

Hervé Berville: “Che il 30% della propulsione a vela nel mondo sia francese”
Hervé Berville: “Che il 30% della propulsione a vela nel mondo sia francese”
-

Basandosi sulla costruzione in corso della barca a vela da carico Anemos per l’armamento Towt, Hervé Berville si è recato questo lunedì a Concarneau, per ricordare le sfide del trasporto marittimo a basse emissioni di carbonio. Prendiamo ad esempio il gruppo di riparazione e costruzione navale Piriou.

L’obiettivo del Segretario di Stato per il Mare: “Fare della Francia il Paese all’avanguardia nella propulsione a vela” e che, in definitiva, “il 30% della propulsione a vela nel mondo è francese”. Decarbonizzazione che coinvolge anche l’idrogeno, su cui sta lavorando anche un’azienda come Piriou. La decarbonizzazione “rappresenta oggi poco più del 10% del nostro fatturato e continuerà a crescere”, ha sottolineato Vincent Faujour, presidente del gruppo.

Raddoppiare i posti di lavoro in quindici anni

Hervé Berville ha quindi ricordato che lo Stato ha creato un fondo d’investimento di 1,5 miliardi di euro e che è stato firmato un “patto di navigazione” per sostenere questo sviluppo. E annunciare la volontà di creare “una “task force”, affinché tra finanziatori, amministrazione, produttori e armatori si possano mettere in campo le tecnologie il più rapidamente possibile. E continuare ad avere progetti qui che consentano la decarbonizzazione”. Secondo Hervé Berville non ci sono dubbi: “Possiamo fare tre cose contemporaneamente: decarbonizzazione, reindustrializzazione e innovazione”.

Facendo eco allo sviluppo di Piriou, che ha visto la sua forza lavoro raddoppiare in tre anni, arrivando a 1.500 dipendenti, di cui la metà a Concarneau, Hervé Berville ha parlato anche delle sfide in termini di occupazione. Con un obiettivo nazionale: “Possiamo sperare di vedere raddoppiare i posti di lavoro entro quindici anni nel campo della propulsione a vela”.

-

PREV L’inflazione registra il suo tasso più basso allo 0,2% in aprile
NEXT L’inflazione canadese potrebbe contribuire a rafforzare le speranze di taglio dei tassi di luglio