24 Ore di Le Mans 2024 – Ufficializzata la entry list definitiva, cosa dobbiamo ricordare?

-

NOVITÀ nell’hypercar

  • Cadillac V-Series.R n°311 / Whelen Cadillac Racing – La squadra americana ha ufficializzato l’identità del suo terzo uomo e che già conosci se sei un lettore abituale di Endurance-Info: Filippo Drugovich.

NOVITÀ in LMP2

È in questa categoria che mancavano più box, anche se United Autosports, Inter Europol Competition, DKR Engineering, Panis Racing AO by TF o Duqueine Team avevano già annunciato di aver completato il loro trio nei giorni scorsi.

  • Oreca 07 n°9 / Gara Protonica – Su questa vettura è stato annunciato solo Jonas Ried. Il giovane tedesco sarà accompagnato dall’olandese Viscaal piegato e francese Maceo Capiettoche fanno parte della forza lavoro dell’ELMS.

© Agenzia MPS / L. Cartalade

  • Oreca 07 n°10 / Sport vettoriale – Secondo quanto vi abbiamo rivelato, Patrick Pilet ⬆️ è l’atteso rinforzo all’interno della squadra britannica per supportare Ryan Cullen e Stéphane Richelmi. In questa occasione, il francese gareggerà nella sua 16esima 24 Ore di Le Mans.
  • Oreca 07 n°14 / AO di TF – Una volta sperato, Antonio Félix da Costa non ha ricevuto l’approvazione della Porsche. Quindi è il 23enne britannico Alex Quinn che verrà a dare una mano a Louis Delétraz e PJ Hyett, come vi avevamo annunciato questa mattina.
  • Oreca 07 n°24 / Nielsen Racing – Con il vincitore uscente della LMP2 Albert Costa escluso, non vedevamo l’ora di conoscere l’identità dei due uomini che accompagnavano il danese David Heinemeier Hansson. Alla fine, gli occhi della squadra britannica sono stati puntati sulle veloci Kyffin Simpson (che difende gli interessi di Ganassi nella IndyCar) e Fabio Scherercampione in carica in LMP2 con l’Inter Europol Competition.
  • Oreca 07 n°25 / Algarve Pro Racing – Chi supportare Matthias Kaiser e Olli Caldwell? Il nome della persona fortunata è Romano De Angelis, vicino a The Heart of Racing, che scoprirà la classica di Le Mans. L’ufficializzazione è avvenuta questa mattina.

NOVITÀ in LMGT3

  • Ford Mustang LMGT3 n°44 / Competizione ProtonCristiano Ried è stato annunciato e… sorpresa, ci sarà anche se aveva annunciato di aver appeso il casco al chiodo! I due uomini che gli sono subentrati al volante dell’auto erano i tedeschi Cristoforo Mies e gli inglesi Ben Tuck.
  • Ferrari 296 LMGT3 n°66 / JMW Motorsport – Pilota Bronzo, Giacomo Petrobelli è affiancato dall’olandese Larry ten Voorde e il turco Salih Yoluc.
  • Ferrari 296 LMGT3 n°86 / GR Racing – Ben Barker è partito per la Ford, Michael Wainwright ha mantenuto la velocità al suo fianco Ricardo Pera. Il terzo uomo è il pilota ufficiale della Ferrari Daniele Serra.
  • Ferrari 296 LMGT3 n°155 / Spirito di corsa – Inizialmente previsto sulla Ferrari della Formula Racing che era solo di riserva, il padre e il figlio di Laursen hanno trovato rifugio presso Spirit of Race, la cui monta è anch’essa incubata da AF Corse. E per il loro viaggio nella Sarthe saranno accompagnati da Giordano Taylor. Pilota ufficiale Cadillac nell’IMSA, questa sarà la sua nona partecipazione, la prima con un’altra vettura diversa dalla Corvette.

➡️ L’elenco completo dei partecipanti alla 24 Ore di Le Mans 2024 è QUA.

PACCHETTO

Come avvenuto nelle ultime tre edizioni, non sono da deplorare ritiri e rimaniamo quindi a 23 vetture nella categoria Hypercar. Come vi abbiamo già annunciato, Richard Mille di TDS (Oreca 07) si è ritirato. La scuderia francese venne imitata da Formula Racing, il cui equipaggio trovò rifugio su un’altra Ferrari 296 LMGT3, in questo caso la numero 155 di Spirit of Race.

©Porsche

I sostituti sono quindi solo cinque, ovvero – nell’ordine – la Porsche 963 n°99 della Proton Competition ⬆️, l’Oreca 07 n°43 della Inter Europol Competition, l’Aston Martin Vantage AMR LMGT3 n°72 / Racing Spirit of Léman (anche se il team ci ha detto il contrario), la Ferrari 296 LMGT3 n°74 del Kessel Racing e l’Oreca 07 n°44 della Staysal Motorsport.

Alla fine, l’elenco dei partecipanti a questa 92esima edizione conta quindi un totale di 62 vetture: 23 nella Hypercar, 16 nella LMP2 (di cui 8 nella LMP2 Pro/Am) e 23 nella LMGT3.

I grandi assenti

Chi era presente nel 2023 e vede la propria serie, quasi senza soluzione di continuità, giungere al termine? Sicuramente il grande assente di questa 92esima edizione è il nome Romain Dumas ⬇️la cui serie di partenze consecutive alla Sarthe termina con 23. Con tre vittorie di cui due assolute (nel 2010 e nel 2016), il 46enne alesiano ha discusso con alcuni concorrenti… che alla fine hanno favorito i piloti più fortunati.

Deploriamo inoltre la mancata presenza in questo elenco di Olivier Pla ⬇️che è rimasto su 16 partenze consecutive, le ultime tre all’interno del Glickenhaus Racing. Gianmaria Bruni non dovrebbe essere in griglia neanche il 15 giugno. L’italiano ha un totale di 14 partenti, uno in più Richard Westbrookdi cui non compare nemmeno il nome.

Olivier Pla e Romain Dumas – © Agenzia MPS

Non dimentichiamo nemmeno il locale Canale di Julien. Peccato, rimane uno dei piloti Silver più veloci in campo oltre ad avere una vasta esperienza nella classica di Le Mans, dove ha preso il via 14 volte, ottenendo tre vittorie di categoria, senza dimenticare tre podi in LMP2.

Dal 2017, inoltre, non si è svolta un’edizione senza André Negrao. 31 anni, il brasiliano può comunque vantare numeri da capogiro, ovvero quattro podi di categoria in sette partenze, due vittorie in LMP2 (2018 e 2019) e un 3° posto assoluto (2021). E sempre nei colori alpini.

Con sei partecipazioni tra il 2016 e il 2023, tra cui una vittoria in LMP2 nel 2016, ma anche un 3° e poi un 2° posto assoluto nel 2018 e 2020, Gustavo Menezes è benestante anche dal punto di vista statistico. Stanco, ringraziato da Peugeot Sport, il 29enne americano è scomparso dai paddock.

Il caso Giedo van der Garde (6 partenze) è diverso da quando ha deciso di appendere il casco al chiodo.

-

PREV Saint-Maximin. Cinquanta veicoli bruciati nell’edificio della concessionaria BMW
NEXT «Vogliamo che gli abitanti di Tolosa ci dicano come percepiscono la biodiversità», spiega questo insegnante-ricercatore dell’Università Paul-Sabatier.