i laghi Hostens riaprono al pubblico, nonostante un incendio sotterraneo ininterrotto da quasi due anni

i laghi Hostens riaprono al pubblico, nonostante un incendio sotterraneo ininterrotto da quasi due anni
i laghi Hostens riaprono al pubblico, nonostante un incendio sotterraneo ininterrotto da quasi due anni
-

I giganteschi incendi dell’estate 2022 hanno fatto bruciare la lignite nel sottosuolo, provocando un incendio sotterraneo che nulla sembra poter fermare.

Le Figaro Bordeaux

È uno strano fenomeno che incuriosisce gli scienziati. Nel 2022, mentre devastanti incendi devastavano 30.000 ettari nella Gironda, le fiamme hanno attraversato anche la città di Hostens. Ma mentre finalmente è stato possibile domare l’incendio in tutto il dipartimento senza causare vittime, ciò non è avvenuto intorno ai laghi di Hostens. La lignite, un carbone naturale presente nel seminterrato di questa vecchia miniera, ha iniziato a bruciare nel 2022 e ancora non sembra fermarsi presto.

La tenuta dipartimentale di Hostens, situata a 45 chilometri da Bordeaux, si trova nel cuore della foresta delle Landes de Gascogne. Ha circa 750 ettari e cinque laghi, uno dei quali è riservato alle attività acquatiche e al nuoto. L’area è classificata come area naturale sensibile e zona Natura 2000, perché ospita una fauna e una flora notevoli, con numerose specie protette. Anche se questa zona boscosa ha l’aspetto di un’area naturale, la tenuta di Hostens era in passato un sito industriale. I laghi sono in realtà ex scavi di lignite a cielo aperto, che alimentavano la centrale elettrica della città. Quella stessa lignite la cui combustione non sembra volersi arrestare in certi settori.

Lignite a Hostens, ieri e oggi

Accedi allo slideshow (6)

“Sono stati messi in campo tutti i mezzi necessari”

Nel sottosuolo le temperature talvolta superano i 300 gradi, segno che la lignite continua inesorabilmente a bruciare. A due anni dall’inizio di questa combustione sotterranea, la zona resta quindi sotto stretta sorveglianza, ma alcune parti dell’area non sono interessate. Sebbene alcune aree rimangano pericolose e chiuse al pubblico, una parte del dominio Hostens ha riaperto i battenti nell’aprile 2024, consentendo “accesso ampliato e sicuro al centro ricreativo”. Anche per questo sabato 4 maggio intorno ai laghi erano previste numerose attività, ma sono state annullate a causa delle avverse condizioni meteorologiche. Rimangono comunque organizzati diversi eventi nei prossimi giorni.

“Il pubblico potrà beneficiare dell’apertura di alcuni spazi, monitorando il pericolo post incendio, anche se alcuni spazi rimarranno chiusi”precisa il dipartimento. “Sono stati dispiegati tutti i mezzi necessari per garantire la sicurezza delle persone, compresi gli agenti dipartimentali coinvolti quotidianamente nella gestione e nella protezione di questa area naturale sensibile”. Settori classificati “a rischio” sono stati puliti e sgombrati anche dall’Ufficio nazionale delle foreste, precisa la comunità. “Segnaletica adattata e barriere delle zone pericolose” sono stati anche messi in atto.

Nonostante questa riapertura parziale e sicura in alcune aree, le aree chiuse al pubblico rimarranno chiuse fino a nuovo avviso. Anche se è ancora impossibile sapere quando finirà questo incendio sotterraneo, diverse situazioni più o meno simili sono piuttosto significative. A Centralia, negli Stati Uniti, un’ex miniera di carbone continua a bruciare dal 1962. In Turkmenistan, un giacimento di gas naturale brucia apertamente dagli anni ’70, in un cratere largo 70 metri soprannominato “la porta dell’inferno“. Il fumo potrebbe quindi continuare a fuoriuscire dal suolo della Gironda per molti anni.

Alcune aree sono ora nuovamente accessibili al pubblico.
Dipartimento della Gironda

-

PREV È stata Charlène a bruciare il Bleu Pré! Teyssier organizza il fronte contro Cardone. Il riassunto della puntata di martedì 28 maggio 2024
NEXT Perché la Nuova Caledonia è nel mirino strategico della Cina?