“Non sono assolutamente razzista”, insiste Marine Le Pen

“Non sono assolutamente razzista”, insiste Marine Le Pen
“Non sono assolutamente razzista”, insiste Marine Le Pen
-

” data-script=”https://static.lefigaro.fr/widget-video/short-ttl/video/index.js” >

Il tre volte candidato presidenziale presumeva di “fare le differenze”. […] a seconda dell’appartenenza o meno alla nazione”, pur respingendo ogni forma di discriminazione “basata sull’origine” o sul “colore della pelle”.

Ospite di BFMTV e RMC questo lunedì mattina, Marine Le Pen ha messo un pezzo nella macchina di demonizzazione del Rally Nazionale (RN). Di fronte alle accuse di razzismo che continuano a prendere di mira il partito, la figlia di Jean-Marie Le Pen ha ribattuto: “Non sono assolutamente razzista”. Se abbracciasse in parte l’eredità della Marina Militare affermandolo “mai nella sua storia” il suo movimento “non aveva la minima proposta razzista nel suo progetto”, la tre volte candidata alla presidenza ha preso le distanze dalle osservazioni antisemite di suo padre, ricordandole “divergenze […] profondo “.

Rifiutando ogni forma di discriminazione “a seconda dell’origine” O “del colore della pelle”, il membro del Pas-de-Calais tuttavia presupponeva “fare le differenze […] a seconda dell’appartenenza o meno alla nazione”. “Riteniamo che questa sia l’unica discriminazione sia legale che morale”, lei disse. Prima di denunciare “la caricatura” che sarebbe stato realizzato dalla RN “persone cattive”.

“Per molto tempo, i nostri oppositori politici hanno sostenuto che essere contro l’immigrazione equivaleva a essere razzisti. Questa è l’essenza di questa caricatura. Tuttavia possiamo ovviamente essere perfettamente contrari all’immigrazione massiccia e deregolamentata senza essere razzisti. lei disse. Marine Le Pen cita come prova la sua popolarità tra gli abitanti di Mayotte. “La popolazione mahorese, di colore, musulmana al 95%, ha votato per me in proporzioni assolutamente spettacolari alle elezioni presidenziali”ricorda colui che ha raccolto il 59,1% dei voti mahoresi al secondo turno delle elezioni presidenziali del 2022. ” Per quello ? Perché devono affrontare l’immigrazione clandestina, la violenza, il collasso del sistema di protezione sociale e dei servizi pubblici […]. E quindi sono contrari all’immigrazione e ovviamente non sono razzisti”lei spiegò.

“Il razzismo come eredità”

Una difesa che però non ha fatto altro che amplificare le accuse di razzismo a sinistra. “L’abolizione del diritto fondiario è una misura razzista presente ancora oggi nel programma RN”, ha sostenuto il deputato ribelle Antoine Léaument. Il capo dei deputati ambientalisti, Cyrielle Chatelain, ha preferito tornare sulle molteplici convinzioni di Jean-Marie Le Pen: lui “è stato condannato per aver condonato crimini di guerra e contestato crimini contro l’umanità, provocando discriminazione razziale, odio o violenza. Alla RN, il razzismo come patrimonio. Da parte sua, la segretaria nazionale di Europe Écologie-Les Verts, Marine Tondelier, ha sottolineato a “razzismo ipocrita”presente nel “Testa”l’“storia”IL “valori” e il“entourage” di Marine Le Pen.

-

PREV L’estate sarà probabilmente “più calda del normale”, avverte Météo-France
NEXT Nvidia ora pesa di più sul mercato azionario dell’intero CAC 40