Valérie Hayer ritiene che la persecuzione degli uiguri sia “probabilmente” un “genocidio”

-

Il capolista della maggioranza presidenziale alle elezioni europee ha chiesto questo lunedì, 6 maggio, “un dialogo di verità” sulla situazione degli uiguri con il presidente cinese che inizia una visita di Stato di due giorni in Francia

Interrogata sulla persecuzione degli uiguri in Cina, la capolista della maggioranza presidenziale alle elezioni europee Valérie Hayer ha dichiarato, lunedì 6 maggio a Sud Radio, che “molto probabilmente possiamo pensare che si tratti di un genocidio. “

“Quando parliamo di internamento, quando parliamo di sterilizzazione forzata, di cancellazione della lingua e della cultura, spetta alla giustizia fare il suo lavoro e qualificarsi, ma sì, molto probabilmente possiamo pensare che sia “Questo è un genocidio”, ha detto.

Per “un dialogo di verità” con Xi Jinping

Mentre il presidente cinese è in visita di stato in Francia A partire da questo lunedì, Valérie Hayer ha chiesto “un dialogo di verità” con Xi Jinping su questo tema. “La situazione degli uiguri in Cina è insopportabile, abbiamo più volte l’opportunità al Parlamento europeo di adottare risoluzioni che condannano la situazione degli uiguri, e questo è anche il motivo per cui abbiamo bisogno di un dialogo di verità con il presidente cinese, ” lei disse.

Ma colei che rappresenterà la maggioranza presidenziale alle elezioni europee ha anche ricordato più volte che “spetta alla giustizia internazionale decidere” perché “non è qualificata per questo”.

Dal 2017, più di un milione di uiguri o membri di altri gruppi etnici, principalmente musulmani, sono stati internati in “campi” di “rieducazione” dove le violazioni dei diritti umani sono numerose, secondo studi e ONG occidentali.

I più letti

-

PREV Opinione: Noi tedeschi stiamo facendo piani “temporali” per Trump
NEXT La NASA aiuterà a lanciare il nuovo rover europeo dopo otto anni di ritardo