Valérie Hayer ritiene che la Cina stia commettendo un “genocidio” contro gli uiguri

Valérie Hayer ritiene che la Cina stia commettendo un “genocidio” contro gli uiguri
Valérie Hayer ritiene che la Cina stia commettendo un “genocidio” contro gli uiguri
-

Di Le Figaro con l’AFP

Pubblicato
1 ora fa,

Aggiornamento 47 minuti fa

” data-script=”https://static.lefigaro.fr/widget-video/short-ttl/video/index.js” >

Lunedì, mentre Xi Jinping inizia una visita di stato di due giorni in Francia, il capo del campo presidenziale ha denunciato la repressione cinese nei confronti degli uiguri.

La capolista della maggioranza macronista alle elezioni europee Valérie Hayer ritiene che la Cina si stia impegnando “un genocidio” contro la minoranza musulmana degli uiguri e auspicato “un dialogo di verità” con il presidente cinese Xi Jinping, in visita di Stato in Francia. “Quando parliamo di internamento, quando parliamo di sterilizzazioni forzate, di cancellazione della lingua e della cultura… sì, possiamo pensare che sia un genocidio (…) anche se spetta alla giustizia internazionale decidere”.ha risposto la Hayer, intervistata lunedì su Sud Radio.

“La situazione degli uiguri è insopportabile ed è per questo che dobbiamo avere un dialogo di verità con il presidente cinese”lei ha aggiunto. “Noi del Parlamento europeo abbiamo avuto più volte occasione di adottare risoluzioni di condanna della situazione degli uiguri e ci siamo mobilitati in particolare per vietare il lavoro forzato”ha ricordato.

“Dobbiamo istituire uno scudo commerciale europeo”

Dal punto di vista commerciale, la signora Hayer riconosce “che siamo stati troppo ingenui con la Cina per troppo tempo” ma ha assicurato che l’UE lo era “cambiare marcia”. “Dobbiamo istituire uno scudo commerciale europeo. Vale a dire, reciprocità, preferenza europea e, in caso di aggressione commerciale da parte dei “partner”, dobbiamo avere tariffe doganali che permettano di contrastare queste aggressioni.giudicò.

-

PREV Arthur: escono Jean-Pierre Foucault e Camille Combal, assumerà la direzione di questo spettacolo cult di TF1
NEXT dal loro sguardo si capisce se qualcuno è di destra o di sinistra?