La presentazione del libro di Kristi Noem ha messo il governatore sotto i riflettori indesiderati. Ma era già uscita dalla lista dei vicepresidenti di Trump

La presentazione del libro di Kristi Noem ha messo il governatore sotto i riflettori indesiderati. Ma era già uscita dalla lista dei vicepresidenti di Trump
La presentazione del libro di Kristi Noem ha messo il governatore sotto i riflettori indesiderati. Ma era già uscita dalla lista dei vicepresidenti di Trump
-

CNN

Per il Governatore del Sud Dakota Kristi Noem, gran parte del ciclo elettorale del 2024 si è rivelato un caso di studio su cosa non fare per diventare una potenziale contesa alla vicepresidenza.

Ciò include l’ultimo intoppo, con il governatore di secondo mandato del South Dakota – una volta considerato un potenziale candidato alla corsa e che da allora è uscito dalla rosa dei candidati dell’ex presidente Donald Trump, secondo diversi repubblicani a conoscenza di quella lista – ritrovandosi sotto i riflettori indesiderati su domande sulle azioni che descrive nel suo prossimo libro: “No Going Back: The Truth on What’s Wrong with Politics and How We Move America Forward”.

La crisi di Noem non ha influito sulla sua posizione nella lista dei candidati alla vicepresidenza di Trump – fonti dicono che era caduta da quella lista molto prima – ma ha confermato agli scettici nell’orbita di Trump che non dovrebbe essere presa in considerazione e non lo sarà in nessun momento. Presto.

Il lancio del libro di Noem è diventato un problema per lei per molteplici ragioni. In primo luogo, c’era la descrizione di Noem della sua decisione di uccidere un pointer a pelo duro di 14 mesi, di nome Cricket, che non mostrava i segni di un cane da caccia ideale. Il governatore ha scritto che il cane era “non addestrabile”, secondo alcuni estratti riportati per la prima volta da The Guardian. Nel libro ha anche descritto l’uccisione di una capra.

Noem ha sostenuto che quegli aneddoti avevano lo scopo di mostrare quanto sia capace di svolgere alcuni dei lavori più raccapriccianti della vita quando necessario.

Ma l’episodio del Cricket in particolare ha invece portato Noem a dover difendere pubblicamente la decisione di abbattere il cane. Un gruppo bipartisan di membri del Congresso ha istituito un Congressional Dog Lovers Caucus in uno scavo non così sottile al governatore del South Dakota.

Alcuni repubblicani vennero in sua difesa, come il rappresentante del South Dakota. Dusty Johnson, che ha riconosciuto: “La vita è un po’ diversa nell’America rurale”.

Ma il senatore del Sud Dakota Mike Rounds ha usato un tono diverso: “Non vedo come possa essere d’aiuto”, ha detto martedì.

Noem ha più volte difeso le sue azioni questa settimana. Apparso mercoledì su Fox News, Noem ha spiegato che si trattava di un “cane molto aggressivo” che ha “massacrato” i polli di una famiglia locale e l’ha attaccata, cosa che alla fine l’ha portata a sparare al cane in una cava di ghiaia. Ha sostenuto che è stata una decisione responsabile quella di proteggere i suoi figli e coloro che circondano la sua attività.

“I cani che hanno questo tipo di problema, che sono stati addestrati per mesi e continuano a uccidere per divertimento, sono estremamente pericolosi e un proprietario responsabile fa quello che deve fare e ciò che la legge consente”, ha detto Noem.

Mentre molti si chiedevano perché avesse raccontato volontariamente questa storia nel suo libro, Noem ha detto che dimostra come non fugga dalla verità.

“Il punto della storia è che la maggior parte dei politici fuggiranno dalla verità”, ha detto Noem. “Eviteranno e si nasconderanno per non prendere decisioni difficili. Non faccio nessuna delle due cose.

Lo stesso Trump ha criticato in privato Noem riguardo alla storia, ha detto alla CNN una persona con conoscenza diretta dei commenti. L’ex presidente, tuttavia, è apparsa più costernata per aver scelto di rivelare l’aneddoto e per i suoi vacillanti tentativi di limitare i danni, che per la storia stessa, hanno detto.

02:07 – Fonte: CNN

Stephen Colbert rimprovera Kristi Noem per la storia dell’uccisione del suo cane

Giovedì la situazione per Noem è peggiorata quando il quotidiano indipendente The Dakota Scout ha riferito che Noem nel suo libro aveva affermato di aver incontrato il dittatore nordcoreano Kim Jong Un come membro del comitato per le forze armate della Camera degli Stati Uniti quell’estratto diceva anche che avrebbe dovuto incontrare il presidente francese Emmanuel Macron come governatore prima di annullare. In entrambi i casi, ha riferito lo Scout, i registri indicavano che Noem non aveva incontrato Kim né aveva programmato un incontro con Macron.

In un’altra eccezione ottenuta da Politico, Noem ha descritto una telefonata del 2021 che dice sia avvenuta con l’ex governatore della Carolina del Sud. Nikki Haley che ha interpretato come Haley che cerca di allontanare Noem dai riflettori nazionali. Questa eccezione è stata segnalata per la prima volta da Politico venerdì. Un Haley ha detto però che Haley ha chiamato Noem nel 2020, non nel 2021.

In risposta, Ian Fury, portavoce di Noem, ha rilasciato una dichiarazione secondo cui si trattava di piccoli errori e sarebbero stati modificati.

“Ci è stato fatto notare che il prossimo libro ‘No Going Back’ contiene due piccoli errori. Questo è stato comunicato al ghostwriter e all’editore. Kim Jong Un era incluso in un elenco di leader mondiali e non avrebbe dovuto esserlo”, ha detto Fury in una dichiarazione alla CNN venerdì. “Il Governatore ha parlato con Nikki Haley nel 2020 e l’ha incontrata nel 2021. Il libro non è ancora stato pubblicato e tutte le edizioni future verranno corrette”.

I repubblicani sono rimasti sconcertati dal modo in cui il libro è stato pubblicato con questi errori.

“Spero che questo tipo di aneddoti vengano esaminati prima dell’uscita di un libro, cosa che di solito avviene nella maggior parte dei lanci di libri di alto profilo, e ovviamente ci sono alcuni eventi orchestrati in corso qui. Ha organizzato diverse interviste”, ha detto Jesse Hunt, stratega repubblicano ed ex direttore delle comunicazioni della Republican Governors Association. “Chiaramente questo è stato pensato. I consulenti che aveva coinvolto non ritenevano che ci fossero narrazioni problematiche.

Noem è in piedi

Sebbene a un certo punto fosse considerato uno dei principali contendenti alla vicepresidenza, i consiglieri di Trump hanno affermato per settimane che Noem non manteneva più quella posizione, anche prima di rivelare di aver sparato al suo cane e prima di pubblicare un bizzarro spot pubblicitario per uno studio dentistico del Texas. Tuttavia, è stata inclusa nella short list compilata dalla campagna per il controllo, con i suoi consiglieri che hanno sottolineato che nessuno dovrebbe essere del tutto escluso dato il processo decisionale spesso spontaneo di Trump. Nonostante questo avvertimento, almeno due consiglieri hanno affermato che al momento non era in corsa.

Per Noem, il crescente controllo sul suo libro è l’ultimo passo avanti in una lista continua di tentativi di aumentare il suo profilo sulla scena nazionale.

Sulla carta, Noem aveva tutte le caratteristiche di un forte contendente alla corsa per il vicepresidente di Trump. Per gli agenti che si fissano su criteri semplicistici nella scelta di un candidato alla corsa, la tesi dietro Noem è che lei è una repubblicana anti-aborto che ha iniziato con mezzi umili ed è arrivata alla magione del governatore. Noem ha anche mostrato conforto davanti a grandi folle o davanti a una telecamera.

Come governatrice del South Dakota durante il culmine della pandemia di Covid-19, ha resistito al lockdown. Mentre parlava a un evento della National Rifle Association, ha detto che suo nipote di due anni ha più armi.

Noem è stata anche deferente nei confronti di Trump e del movimento Trump fin da prima di essere eletta al suo attuale incarico nel 2018. È stata uno dei primi governatori a sostenere l’ex presidente nel ciclo 2024.

Ma il suo mandato come governatore è stato difficile. Ha ricevuto critiche a livello nazionale per la sua opposizione a qualsiasi misura di blocco del Covid-19, ma non da parte dei lealisti più accaniti di Trump. Il suo ufficio ha visto un significativo turnover del personale, con operatori esperti che se ne sono andati e Noem che ha introdotto agenti più controversi, come l’ex manager della campagna Trump Corey Lewandowski. Noem ha dovuto affrontare denunce di etica nel South Dakota per aver utilizzato in modo inappropriato il suo ufficio per aiutare sua figlia con la licenza di perito immobiliare. E più recentemente, è stata bandita da alcune terre tribali nel suo stato d’origine a causa dei commenti fatti dal governatore sui leader tribali che si concentrano più sul trarre vantaggio dai cartelli della droga che sui loro figli.

In tutto questo, Noem ha cercato di rafforzare il suo profilo nazionale. All’inizio del ciclo 2024, ha istituito un comitato di azione politica federale – una mossa consacrata dal tempo che fanno i futuri candidati alle alte cariche. Noem ha anche trasmesso spot pubblicitari sulla sua operazione politica sulla televisione nazionale per evidenziare l’economia del suo stato. A marzo, Noem ha deciso di partecipare ad un briefing di quasi cinque minuti per uno studio dentistico con sede in Texas.

Ad un certo punto, alcune di queste mosse sembravano funzionare. Ma questo accadde molto prima che il pubblico venisse a conoscenza di Cricket o della capra senza nome.

“Si è inasprito con lei molto prima”, ha detto alla CNN una persona vicina a Trump, che ha parlato con l’ex presidente dei suoi potenziali contendenti alla vicepresidenza.

“Ha messo in dubbio alcune delle sue scelte. Ma laddove potrebbero esserci state domande persistenti sulla possibilità che potesse ritrovarsi nella lista, questa storia ha ucciso tutto ciò. È totalmente squalificante”, hanno aggiunto, facendo riferimento alla storia di come ha ucciso il suo cane di 14 mesi.

Trump ha spesso citato Noem sia in privato che in pubblico come suo fedele sostenitore. L’ex presidente è stata particolarmente soddisfatta dopo la sua apparizione televisiva nell’agosto 2023 in cui ha affermato la sua decisione di non candidarsi alla presidenza nel 2024.

Noem è ancora pronto a partecipare a una grande raccolta fondi a Mar-a-Lago questo fine settimana, insieme ad altre potenziali scelte vicepresidenziali per Trump. Apparirà anche alla convention del GOP della California alla fine di maggio.

Questo è un programma che un repubblicano di alto livello avrebbe se fosse in forte lizza per essere il candidato alla corsa di Trump. Ma le ultime settimane e mesi hanno gettato forti dubbi tra i repubblicani sulla vitalità di Noem, e le conseguenze dell’aneddoto nel suo libro continuano: un evento di raccolta fondi con i repubblicani della contea di Jefferson a Denver è stato annullato sabato per motivi di sicurezza.

“Negli ultimi giorni sono state rivolte numerose minacce e/o minacce di morte alla nostra organizzazione, all’hotel, al Governatore e al suo staff. Dopo una conversazione con l’ufficio del governatore mercoledì scorso, abbiamo deciso di comune accordo che la sicurezza era la preoccupazione più importante per tutti i soggetti coinvolti”, ha dichiarato in una nota Nancy Pallozzi, presidente del Partito repubblicano della contea di Jefferson.

La CNN ha contattato l’ufficio di Noem per un commento sulla cancellazione.

“Bisogna essere abili nel difendere Trump e la campagna, ma lei ha difficoltà a difendersi nel suo stesso libro”, ha detto Matt Gorman, un veterano stratega repubblicano.

Tuttavia, Gorman ha sottolineato che è importante per Noem partecipare al ritiro primaverile di Mar-a-Lago.

“Penso che sia importante andare perché una cosa importante da ricordare è che se non ti piace il titolo attuale, creane uno nuovo. Quindi andando a Mar-a-Lago, se dessi consigli alla sua squadra, sarebbe molto visibile. La cosa peggiore che puoi fare è nasconderti e lasciare che i titoli dei giornali ti travolgano. Vuoi creare titoli il più possibile, creare le tue notizie, i tuoi contenuti.

Questa storia è stata aggiornata con ulteriori sviluppi.

-

PREV È morta (anche) un’altra ragazza senegalese, il film drammatico
NEXT Cos’è Sniffy, questa polvere bianca che viene inalata attraverso il naso nel mirino del governo?