Rugby: Prades non vuole ripetere gli errori dell’anno scorso

Rugby: Prades non vuole ripetere gli errori dell’anno scorso
Descriptive text here
-

Questa domenica, il JOP CC ospita l’SC Decazeville e non vuole ripetere gli errori della scorsa stagione nello spareggio Fédérale 2.

Lo Stadio Padrixe si vestirà di luci per accogliere lo sbarramento. Come l’anno scorso, i Conflentois finirono nei due posti di qualificazione permettendo loro di ricevere una squadra in classifica inferiore. Un anno fa, gli uomini dell’AS Bièvre Saint-Geoirs arrivarono a vincere in terra catalana (27-30) mentre i compagni di squadra di Bastien Prieu erano in vantaggio (27-6) poco dopo l’ora. L’Isérois aveva allora, in superiorità numerica, venti minuti di follia, infliggendo un feroce 24 a 0 e si sono offerti un 32esimo. Per quanto riguarda l’allenatore degli attaccanti dello Jopiste, Frédéric Massotte, le spirali sono diverse. “L’anno scorso eravamo a fine gara. Thomas Margail e Romain Anglade erano assenti ei giocatori non si erano completamente ripresi dagli infortuni e avevano giocato. In questa stagione abbiamo una buona dinamica, nelle ultime cinque partite abbiamo ottenuto quattro vittorie e tutte le luci sono verdi. C’è l’emozione di tornare e la voglia di fare bene. Poi una partita resta una partita, sono 80 minuti in cui dovremo essere disciplinati e realisti. » L’ex mediano di mischia non vuole che la stagione finisca questa sera e anche la sua avventura al Conflent.

L’intero JOPCC

Con il suo amico Vincent Roitg, allenatore degli attaccanti, ha messo insieme una grande squadra dove ci saranno solo sette giocatori che hanno partecipato alla sconfitta contro l’Isérois. Un XV in continuità con quelli del campionato con il ritorno da titolare del capitano Romain Anglade, libero dai problemi al polpaccio.
Ma anche la conferma di Jonas Marty come mediano di mischia, che spinge l’inafferrabile Bastien Prieu al ruolo di mediano di apertura. L’esperta coppia di centri sarà lì per incanalare la linea dei tre quarti e servire le ali che aspettano solo di aumentare il contatore delle mete. Infine, Bastien Courty chiuderà il campo e sarà il marcatore. Davanti, attorno al capitano Zak Snaoui e all’ovale argentato del XV dell’Indépendant Guilhem Montagne formerà una terza linea agguerrita e attiva. A completare il tutto, nella gabbia, ci saranno il lottatore Jnaoui e l’esile e giocoso Alonso. Per tenere la mischia di Autones, Rives e Llavanera sono stati scelti come titolari. In panchina ci sono anche uomini in forma, che potranno portare la loro freschezza e alleviare la frustrazione di non partire. Sulla carta c’è tutto per vedere una grande partita. Intorno al campo, i giocatori non selezionati hanno pensato anche di abbellire e ravvivare lo stadio nella speranza di mettere il club nelle migliori condizioni possibili. Superare questa diga e permettersi i sedicesimi di finale contro il Périgourdins di Sarlat.

-

PREV Viaggiare, fare barbecue e bere alcolici costano di più quest’anno
NEXT Estelle Dossin (Sposata a prima vista) annuncia che una candidata non avrà un corteggiatore, scopri il suo nome