Perché dovete guardare la miniserie esilarante e toccante “Bouchon” su Arte.tv

Perché dovete guardare la miniserie esilarante e toccante “Bouchon” su Arte.tv
Perché dovete guardare la miniserie esilarante e toccante “Bouchon” su Arte.tv
-

Lolo (Éléonore Costes, creatrice anche della serie) è un’attrice che lavora in un collettivo di comici su YouTube e che lavora duramente per lasciare il segno nella professione. Un giorno, ha ottenuto un ruolo inaspettato in un film di un famoso regista, le cui riprese erano previste a Tokyo.

Leggi anche: “Machine”, il binomio perfetto tra Karl Marx e “Kill Bill”, questa sera su Arte

Ma questa buona notizia diventa un caso di coscienza quando suo padre annuncia a lei e alla sorella incinta (Raphaëlle Costes, sua vera sorella anche nella vita) di avere un cancro. Testardo, il patriarca rifiuta ogni cura e progetta di sottoporsi all’eutanasia in Svizzera. Lolo, soprannominata “Bouch” da chi le è vicino, deve scegliere tra trascorrere i suoi ultimi mesi con lui o vivere il suo sogno in Giappone…

Un cast straordinariamente naturale

Nel corso di episodi della durata di circa dodici minuti, Sughero, tappo, disponibile su Arte.tv (la serie è stata presentata a marzo 2024 durante il festival Séries Mania), riesce a dipingere il ritratto di una famiglia disfunzionale, dove i pianti sono altrettante prove d’amore. Tra autobiografia e pura finzione, Éléonore Costes affronta con la commedia il non detto e le inquietudini esistenziali (la protagonista ascolta la scatola nera del volo AF447 Rio-Parigi, precipitato nell’Atlantico nel 2009, per addormentarsi; la sorella fuma una sigaretta dopo sigaretta nonostante il suo stomaco rotondo).

Leggi anche: “Io e te”. Una serie preferita, tra commedia romantica e dramma familiare, da guardare su Arte

I personaggi, toccanti nonostante i loro enormi difetti, si rivelano un po’ di più ad ogni episodio. La scrittura è incisiva, il ritmo non vacilla e la serie è incarnata da un cast sorprendentemente naturale, anche nelle scene più folli in cui si perde il controllo – in particolare una sequenza in cui la madre è furiosa perché la stampante si rifiuta di lavorare.

Un vero e proprio tour de force che non ha paura di esplorare il dramma nel suo tratto finale, ma senza mai sprofondare nella disinvoltura. Otto episodi. Su Arte.tv.

-

PREV Matt Gaetz evoca il linguaggio adottato dai Proud Boys al processo segreto di Trump
NEXT Calcio – Ligue 2. Possibile proseguimento, Thomas Callens titolare, Lucas Buades assente…: cosa sapere prima di Rodez