La SEC accusa la nuova società di revisione di Trump Media di “frode massiccia”

La SEC accusa la nuova società di revisione di Trump Media di “frode massiccia”
Descriptive text here
-

Venerdì la Securities and Exchange Commission ha accusato una società di revisione assunta da Trump Media and Technology Group solo 37 giorni fa di “frode massiccia”, anche se non per alcun lavoro svolto per la società di media dell’ex presidente Donald Trump.

La SEC ha accusato la società di contabilità BF Borgers e il suo proprietario, Benjamin F. Borgers, di “fallimenti deliberati e sistematici” in oltre 1.500 audit. Le accuse includono il mancato rispetto delle norme contabili, la produzione di documentazione per coprire le proprie carenze e la falsa affermazione nei rapporti di audit che il proprio lavoro soddisfa gli standard di audit. BF Borgers ha accettato di pagare una multa di 12 milioni di dollari mentre il suo proprietario ha accettato di pagare una multa di 2 milioni di dollari.

Trump Media ha nominato Borgers come proprio revisore dei conti il ​​28 marzo, secondo il più recente rapporto annuale depositato dalla società. La società ha rivelato all’epoca che Borgers aveva anche gestito i propri audit prima che la società diventasse pubblica fondendosi con una società di comodo ricca di liquidità chiamata Digital World Acquisition Corp.

La società aveva precedentemente assunto almeno altri due revisori dei conti: uno che aveva rassegnato le dimissioni nel luglio 2023 e un altro che era stato licenziato dal consiglio di amministrazione a marzo, proprio mentre stava riassumendo BF Borgers.

Sia BF Borgers che Benjamin Borgers hanno concordato sospensioni permanenti, con effetto immediato, che impediranno loro di gestire questioni relative alla SEC come contabili.

In una dichiarazione, Trump Media ha affermato che “non vede l’ora di lavorare con nuovi partner di audit in conformità con l’ordine odierno della SEC”.

La SEC ha scoperto che le scorciatoie di BF Borgers includevano la copia della documentazione di audit di un anno precedente, la modifica delle date rilevanti e quindi la spacciatura per documentazione corrente. Oltre a documentare falsamente un lavoro che non è mai stato effettivamente svolto, quella documentazione falsa dettagliava la pianificazione di incontri con i clienti che non si erano mai verificati e “rappresentava falsamente” che sia Benjamin Borgers che un altro revisore avevano approvato il lavoro di audit.

“Ben Borgers e la sua società di revisione, BF Borgers, sono stati responsabili di uno dei più grandi fallimenti da parte dei guardiani dei nostri mercati finanziari”, ha affermato Gurbir Grewal, direttore della divisione di controllo della SEC. “Grazie allo scrupoloso lavoro dello staff della SEC, Borgers e la sua finta fabbrica di audit sono stati definitivamente chiusi”.

-

PREV Pro D2. Quali sono le sfide per l’ultimo giorno?
NEXT Informazioni sul traffico: un incidente sulla E19 che coinvolge tre veicoli a Familleureux