una nonna serve accidentalmente una bottiglia piena di vino a un bambino, che è in coma alcolico

una nonna serve accidentalmente una bottiglia piena di vino a un bambino, che è in coma alcolico
una nonna serve accidentalmente una bottiglia piena di vino a un bambino, che è in coma alcolico
-

Di J.G.

Pubblicato
5 ore fa,

Aggiornamento 4 ore fa

” data-script=”https://static.lefigaro.fr/widget-video/short-ttl/video/index.js” >

Confondendo la bottiglia di vino bianco per acqua, la nonna del bambino ha involontariamente dato al nipote una bottiglia di alcol, facendolo precipitare in un coma alcolico. Il bambino è ancora in terapia intensiva.

Un grave errore di distrazione. Volendo preparare una bottiglia per il nipotino di quattro mesi, questo lunedì 29 aprile la nonna di un neonato ha commesso l’errore di confondere la bottiglia di vino bianco con una bottiglia d’acqua, secondo quanto riportato dal quotidiano italiano La Repubblica trasmesso da Il parigino . Si suppone che mescoli il latte in polvere con l’acqua, in realtà è alcol che inavvertitamente versa nella bottiglia e dà da bere al bambino. Quest’ultimo è entrato in coma prima di essere trasportato all’ospedale Perrino di Brindisi, nel Sud Italia.

Dopo aver bevuto inizialmente l’improbabile miscela, il bambino improvvisamente rifiuta di continuare il pasto. Rendendosi conto del suo errore, sua nonna avverte “aiuto immediato”secondo quanto riportato dal quotidiano italiano, ma il bambino, di pochi mesi, è caduto in coma alcolico.

Terapia intensiva per i neonati

Sotto le cure dell’equipe medica, il neonato è stato sottoposto a lavanda gastrica prima di essere intubato e trasferito nel reparto di terapia intensiva dell’Ospedale Pediatrico Giovanni XXIII di Bari.

È stata aperta un’indagine dalla Procura di Brindisi, i cui primi elementi fanno pensare ad un incidente domestico. La nonna della bambina avrebbe l’abitudine di conservare i suoi liquidi, acqua e alcol, in bottiglie opache, spiegando così il suo errore. Nessun fascicolo legale è stato ancora aperto.

” data-script=”https://static.lefigaro.fr/widget-video/short-ttl/video/index.js” >

-

PREV Cosa si aspettano le imprese dall’Europa, in prima pagina su Paperjam
NEXT una commovente trasmissione della Palma d’Oro in omaggio al suo regista recentemente scomparso