Affrontare l’urgente necessità di una gestione costiera sostenibile nel Regno Unito

-

Un nuovo rapporto condotto da Aggregate Industries ha messo a nudo il costo reale e l’impatto che l’erosione costiera avrà sul Regno Unito. L’amministratore delegato della Divisione Aggregati Lee Sleight esamina i risultati

Come stiamo diventando sempre più consapevoli, l’erosione costiera è una sfida ambientale significativa che richiede attenzione e azione immediate. Le varie formazioni geologiche del Regno Unito, insieme alle tendenze storiche dell’erosione, rendono questa minaccia unica e urgente.

Le implicazioni dell’erosione costiera sono di vasta portata e influiscono sulla stabilità geologica, sulle dinamiche sociodemografiche, sulla stabilità economica, sui valori immobiliari, sulle industrie del tempo libero e del turismo, sulle infrastrutture e sui siti del patrimonio.

Il valore economico delle zone costiere, compreso il loro ruolo nel turismo, nell’agricoltura e nella pesca, è a rischio. In precedenza, era stato stimato che l’erosione costiera costerebbe all’economia del Regno Unito 12 miliardi di sterline. A seguito di questa ricerca, abbiamo messo questo numero molto più alto.

La minaccia dell’erosione costiera non sta solo rimodellando il paesaggio fisico, ma ha anche un impatto sul tessuto socioeconomico delle comunità costiere. Le statistiche chiave che evidenziano l’entità di questa sfida includono:

  • A rischio 1.600 chilometri di strade principali, 650 chilometri di linea ferroviaria, 92 stazioni ferroviarie e 55 discariche storiche.
  • 1,35 milioni di proprietà, per un valore stimato di 584 milioni di sterline, sono a rischio potenziale di inondazioni entro il 2100.
  • Circa 9.000 proprietà in Inghilterra e oltre 93.000 proprietà residenziali e commerciali in Scozia sono a rischio di erosione costiera entro il 2025.
  • Si prevede che 550 ettari di terreni agricoli di migliore qualità saranno a rischio di erosione costiera entro il 2100.

Il futuro della gestione costiera nel Regno Unito è carico di sfide, ma presenta anche opportunità. La crescente minaccia del cambiamento climatico richiede approcci innovativi, flessibili e integrati alla gestione costiera.

Quali soluzioni sono disponibili?

Al momento, esiste una serie di soluzioni aggregate per la difesa del mare e delle inondazioni che ben si adattano a combattere le esigenze in continua evoluzione in un mondo in cui l’innalzamento del livello del mare rappresenta una preoccupazione crescente.

Usando solo Aggregate Industries come esempio, abbiamo utilizzato soluzioni come l’armatura da roccia Rip Rap per rinforzare un’ansa del fiume in Cumbria e abbiamo avuto un impatto significativo.

Il movimento dei ciottoli da parte delle onde e del vento è la causa principale dell’erosione in paesaggi unici, come a Dungeness, nel Kent. Questa erosione non ha solo un impatto sulle specie vegetali rare e sugli habitat degli uccelli, ma comporta anche rischi per le infrastrutture locali, comprese strade e proprietà.

La nostra fornitura di emergenza di 14.500 tonnellate di pietra per armature per contribuire a rafforzare le difese marittime a Minehead nel Somerset testimonia il nostro impegno nella salvaguardia delle aree costiere da potenziali inondazioni.

Strategie di mitigazione e adattamento dell’erosione

L’approccio del Regno Unito alla gestione dell’erosione costiera prevede una combinazione di strategie di mitigazione e adattamento. Queste strategie spaziano da soluzioni ingegneristiche complesse ad approcci più morbidi e sostenibili, ciascuno adattato alle esigenze specifiche delle aree colpite.

Soluzioni ingegneristiche complesse:

Ripascimento delle spiagge: il ripascimento prevede l’aggiunta di grandi quantità di sabbia o ghiaia alle spiagge in erosione. Questo metodo reintegra il materiale della spiaggia perso a causa dell’erosione, agendo come un cuscinetto contro l’azione delle onde.

Dighe, rivestimenti, pennelli e frangiflutti: queste strutture sono progettate per assorbire o deviare l’energia delle onde, proteggendo la costa alle loro spalle. Le dighe e i rivestimenti forniscono una barriera contro l’azione delle onde, mentre pennelli e frangiflutti interrompono la struttura delle onde e riducono l’erosione.

Trasferimento di edifici e infrastrutture: nelle aree in cui l’erosione rappresenta una minaccia significativa, viene preso in considerazione il trasferimento strategico di edifici e infrastrutture lontano dalle aree vulnerabili. Questo approccio, spesso definito “ritiro gestito”, è visto come una soluzione sostenibile a lungo termine alle sfide poste dall’erosione della costa.

Ingegneria soft e soluzioni naturali:

Piantagione di vegetazione autoctona e costruzione di dune: la stabilizzazione del suolo e della sabbia attraverso la piantumazione di vegetazione autoctona e la costruzione di dune fornisce una barriera naturale contro l’erosione.

Isole frangiflutti: costruite al largo, le isole frangiflutti riducono l’intensità dell’azione delle onde che raggiungono la riva. Queste strutture possono essere efficaci nella protezione delle coste, soprattutto in combinazione con altre misure di controllo dell’erosione.

Monitoraggio costiero e sistemi di allerta precoce: i sistemi di monitoraggio avanzati sono fondamentali per monitorare i modelli di erosione e fornire allerte tempestive per le aree a rischio. L’importanza di questi sistemi è evidente considerando l’irripidimento che si verifica nel 61% delle località costiere in Inghilterra e Galles.

Questo non è un problema che migliorerà da solo. Il momento di agire è ora

Il cambiamento climatico ha un impatto significativo sull’erosione costiera nel Regno Unito. Si stima che circa il 58% dell’erosione costiera, dell’innalzamento del livello del mare e delle mareggiate possano essere attribuiti al cambiamento climatico.

Le previsioni sull’innalzamento del livello del mare, che potrebbe raggiungere un metro entro il 2100, rappresentano una minaccia significativa per la costa del Regno Unito.

Si prevede che questo innalzamento del livello del mare aggraverà l’erosione costiera, aumentando la frequenza e la gravità delle inondazioni costiere e portando a cambiamenti più pronunciati nel paesaggio costiero.

Le valutazioni della vulnerabilità costiera (CVA) sono essenziali per comprendere e gestire i rischi associati all’erosione costiera e all’innalzamento del livello del mare. Incorporano una serie di metodologie per valutare la suscettibilità delle coste a vari fattori naturali e indotti dall’uomo, inclusi fattori geologici, geomorfologici, sociodemografici ed economici.

Comprendendo queste sfide complesse, possiamo sviluppare soluzioni su misura per proteggere le nostre coste e le nostre comunità.

Il futuro della gestione costiera nel Regno Unito richiede politiche robuste e adattive che considerino gli impatti a lungo termine dell’erosione costiera. Gli investimenti in misure sostenibili di difesa costiera e nel sostegno alle comunità colpite sono cruciali.

I politici devono dare priorità all’integrazione dei rischi di erosione costiera nella pianificazione dell’uso del territorio e nello sviluppo delle infrastrutture.

Le comunità locali dovrebbero essere attivamente coinvolte nelle strategie di gestione costiera attraverso programmi di sensibilizzazione e iniziative guidate dalla comunità che possano favorire la resilienza e la capacità di adattamento.

Il momento di agire è adesso, prima che sia troppo tardi. In seguito al lancio di questo rapporto, invitiamo tutte le parti interessate, dagli enti governativi alle comunità locali, a riunirsi e a dare priorità alla protezione delle nostre coste, delle infrastrutture, dei siti del patrimonio e al benessere dei residenti costieri.

È fondamentale investire in pratiche di gestione costiera sostenibile, attuare strategie di adattamento efficaci e stanziare le risorse necessarie per mitigare l’impatto dell’erosione costiera.

Lee Sleight

Amministratore Delegato, Divisione Aggregati

Industrie aggregate

www.aggregate.com

X

LinkedIn

Youtube

Instagram

-

PREV “Cosa ci rende madri? È un’esperienza biologica? La madre è soprattutto un essere sociale”
NEXT Calcio – Ligue 2. Possibile proseguimento, Thomas Callens titolare, Lucas Buades assente…: cosa sapere prima di Rodez