Macron va duro e chiede di ripartire prima degli europei

Macron va duro e chiede di ripartire prima degli europei
Macron va duro e chiede di ripartire prima degli europei
-

Emmanuel Macron ha parlato a lungo con il quotidiano The Economist, giovedì 2 maggio 2024. Mette in guardia contro l’ascesa dell’estrema destra, un mese prima delle elezioni europee.

In un’intervista rilasciata al quotidiano britannico The Economist, pubblicata giovedì 2 maggio, il capo dello Stato ha espresso i suoi timori nei confronti dei “nazionalisti” in Europa, ad un mese dalle elezioni europee. “Il modo migliore per costruire insieme è avere meno nazionalisti possibile”, ritiene, temendo uno “spirito di sconfitta” in Francia come in Europa. Secondo lui, alcune persone “non combattono più” e si sono abituate all’ascesa del nazionalismo.

Sulle colonne del quotidiano il presidente fa il paragone tra Eros e Thanatos. “Se Thanatos ha più fame, vince la morte. Se gli europei sono dalla parte di Eros, questa è l’unica strada per arrivarci. Non abbiate paura, siate audaci. Guardate, ci sono grandi cose da fare”, difende. Il capo dello Stato prende poi l’esempio della Brexit, ritenendo che i nazionalisti europei fossero dei “Brexiter nascosti”. “È come se dicessimo che non è una cosa grave affidare la banca ai rapinatori”, difende. Secondo lui i nazionalisti prenderebbero l’Europa in ostaggio. “Se si affidano le chiavi a persone che la pensano come loro, non c’è motivo perché l’Europa diventi una grande potenza”, avverte Emmanuel Macron.

“Svegliati” !

Un discorso mentre nell’ultimo sondaggio Ipsos pubblicato lunedì 29 aprile, Rinascimento totalizzava il 17% delle intenzioni di voto, contro il 32% del Raggruppamento Nazionale. “Allora dico agli europei: ‘Svegliatevi!’, continua il presidente. Secondo lui, il Raggruppamento Nazionale mente ai francesi. Emmanuel Macron prende come esempio la situazione degli agricoltori e la Politica Agricola Comune (PAC): “L’Assemblea nazionale non vota per la politica agricola comune. Ma è l’azienda agricola in Europa che colpisce di più pacco, È la Francia. Non votano, ma dicono ai contadini che con loro le cose andranno molto meglio, che libereranno i contadini da tutte le regole. È vero. Ma dove prenderanno i 9 miliardi e mezzo di finanziamento? Non lo spiegano”, si lamenta.

Il presidente resta comunque ottimista. “Sono sempre ottimista (…) Ma credo profondamente, anche se indubbiamente invecchiato, di non aver perso il mio entusiasmo e la mia volontà di ferro. E quando vi dico che quella è la questione dell’eros, è proprio così. , cioè il desiderio di volerlo, se dici alla gente che è rovinato, è già rovinato”, spiega Emmanuel Macron.

-

PREV Quattro morti nel crollo di un bar-ristorante pieno di turisti alle Baleari | TV5MONDE
NEXT il crollo di rue d’Aubagne, il dramma che “ossessionò” Jean-Claude Gaudin