Morte di due detenuti: il carcere locale di Nador chiarisce i fatti

Morte di due detenuti: il carcere locale di Nador chiarisce i fatti
Morte di due detenuti: il carcere locale di Nador chiarisce i fatti
-

Barlamane.com
|

9:10 – 2 maggio 2024

L’amministrazione del carcere locale di Nador ha negato le accuse diffuse da alcuni siti elettronici che attribuiscono la morte di un detenuto alla “violenza subita da funzionari dell’istituto” e la morte di un altro detenuto, di nazionalità guineana, a presunta “negligenza” .

In un chiarimento, l’Amministrazione penitenziaria ha precisato che il primo caso di morte riguarda il detenuto (SB), di anni 72, il cui decesso è avvenuto presso l’ospedale dove era stato ricoverato d’urgenza in stato di svenimento, sapendo che l’individuo in questione era già è stato trasferito tre volte, l’ultima delle quali il 24 aprile 2024, in un ospedale esterno, “a seguito di un notevole calo di peso”.

La stessa fonte ha precisato che il detenuto in questione non era mai stato ricoverato nell’infermeria di questo istituto penitenziario, aggiungendo che l’autopsia non ha rivelato la presenza di alcuna traccia di violenza o di colpi sul suo corpo. Di conseguenza, sottolinea l’amministrazione penitenziaria, le accuse di presunte violenze contro di lui sono “infondate”.

Per quanto riguarda la morte di un detenuto di nazionalità guineana, la stessa fonte ha indicato che tale morte risale al 29 ottobre 2023, precisando che l’uomo in questione è morto all’ospedale provinciale di Nador dove era stato ricoverato, il 26 ottobre 2023, “per disturbi intestinali”.

Il detenuto in questione era già stato trasferito più volte in un ospedale esterno e aveva beneficiato di diversi esami medici, “contrariamente a quanto affermato nei suddetti articoli secondo cui sarebbe stato vittima di negligenza”, conclude l’amministrazione penitenziaria.

-

PREV Mbaye Leye ripercorre i suoi 4 mesi come allenatore del Seraing: “Il 10% delle persone ha visto il mio lavoro e dirà che merito un’altra possibilità”
NEXT Manifesti islamofobici affissi nelle strade di Bourg-en-Bresse, il municipio sporge denuncia