Lo Starliner della Boeing sta per essere lanciato: in caso di successo, il test rappresenterà un’importante pietra miliare per il volo spaziale commerciale

-

Se tutto andrà bene, il 6 maggio 2024 gli astronauti della NASA Butch Wilmore e Suni Williams decolleranno nello spazio a bordo della navicella spaziale Starliner della Boeing. Lanciato dal Kennedy Space Center, quest’ultimo test cruciale per Starliner metterà alla prova il nuovo veicolo spaziale e porterà la coppia sulla Stazione Spaziale Internazionale per circa una settimana.

Parte del programma per l’equipaggio commerciale della NASA, questa missione a lungo ritardata rappresenterà il primo lancio con equipaggio del veicolo. In caso di successo, offrirà alla NASA – e in futuro ai turisti spaziali – più opzioni per raggiungere l’orbita terrestre bassa.

Suni Williams, a destra, e Butch Wilmore, i due astronauti che parteciperanno al test sullo Starliner.
Foto AP/Terry Renna

Dal mio punto di vista di esperto di politica spaziale, il lancio di Starliner rappresenta un’altra pietra miliare significativa nello sviluppo dell’industria spaziale commerciale. Ma la storia travagliata della missione mostra anche quanto possa essere difficile il percorso verso lo spazio, anche per un’azienda esperta come Boeing.

Origini e sviluppo

Dopo il ritiro dello Space Shuttle nel 2011, la NASA ha invitato le compagnie spaziali commerciali ad aiutare l’agenzia a trasportare merci ed equipaggio alla Stazione Spaziale Internazionale.

Nel 2014, la NASA ha selezionato Boeing e SpaceX per costruire i rispettivi veicoli per l’equipaggio: Starliner e Dragon.

Il veicolo della Boeing, Starliner, è stato costruito per trasportare fino a sette membri dell’equipaggio da e verso l’orbita terrestre bassa. Per le missioni della NASA verso la Stazione Spaziale Internazionale, ne trasporterà fino a quattro alla volta ed è progettato per rimanere agganciato alla stazione fino a sette mesi. A 15 piedi, la capsula dove siederà l’equipaggio è leggermente più grande di un modulo di comando Apollo o di un SpaceX Dragon.

Boeing ha progettato Starliner per essere parzialmente riutilizzabile per ridurre i costi per raggiungere lo spazio. Sebbene il razzo Atlas V che porterà nello spazio e il modulo di servizio che supporta il velivolo siano entrambi sacrificabili, la capsula dell’equipaggio di Starliner può essere riutilizzata fino a 10 volte, con un tempo di consegna di sei mesi. Ad oggi la Boeing ha costruito due Starliner idonei al volo.

La capsula Starliner in transito.
Foto AP/John Raoux

Lo sviluppo di Starliner è arrivato con battute d’arresto. Sebbene Boeing abbia ricevuto 4,2 miliardi di dollari dalla NASA, rispetto ai 2,6 miliardi di dollari per SpaceX, Boeing ha speso più di 1,5 miliardi di dollari in più nello sviluppo del veicolo spaziale.

Durante il primo volo di prova senza equipaggio dello Starliner nel 2019, una serie di guasti software e hardware gli hanno impedito di raggiungere l’orbita pianificata e di attraccare con la Stazione Spaziale Internazionale. Dopo aver testato alcuni dei suoi sistemi, è atterrato con successo al White Sands Missile Range nel New Mexico.

Nel 2022, dopo aver identificato e apportato più di 80 correzioni, Starliner ha condotto un secondo volo di prova senza equipaggio. Questa volta, il veicolo è riuscito ad attraccare con successo alla Stazione Spaziale Internazionale ed è atterrato sei giorni dopo nel New Mexico.

L’interno di uno Starliner può contenere alcuni astronauti. I membri dell’equipaggio si sono prima addestrati per il lancio in un simulatore.

Tuttavia, Boeing ha ritardato il primo lancio con equipaggio dello Starliner dal 2023 al 2024 a causa di ulteriori problemi. Uno riguardava i paracadute dello Starliner, che aiutano a rallentare il veicolo mentre ritorna sulla Terra. I test hanno rilevato che alcuni collegamenti nelle linee del paracadute erano più deboli del previsto, il che avrebbe potuto causarne la rottura. Un secondo problema era l’uso di nastri infiammabili che potevano rappresentare un pericolo di incendio.

Una domanda importante derivante da questi ritardi riguarda il motivo per cui Starliner è stato così difficile da sviluppare. Per prima cosa, i funzionari della NASA hanno ammesso di non aver fornito la stessa supervisione per Starliner come per Dragon di SpaceX a causa della familiarità dell’agenzia con Boeing.

E la Boeing ha recentemente riscontrato diversi problemi, soprattutto con la sicurezza dei suoi aerei. L’astronauta Butch Wilmore ha negato che i problemi della Starliner riflettano questi problemi.

Ma anche molte altre attività spaziali della Boeing oltre a Starliner hanno subito guasti meccanici e pressioni sul budget, incluso lo Space Launch System. Questo sistema dovrebbe essere il razzo principale del programma Artemis della NASA, che prevede di riportare gli esseri umani sulla Luna per la prima volta dall’era Apollo.

Importanza per la NASA e il volo spaziale commerciale

Date queste difficoltà, il successo di Starliner sarà importante per i futuri sforzi spaziali di Boeing. Anche se il Dragon di SpaceX riuscisse a trasportare con successo gli astronauti della NASA sulla Stazione Spaziale Internazionale, l’agenzia ha bisogno di un sostegno. Ed è qui che entra in gioco Starliner.

In seguito all’esplosione del Challenger nel 1986 e all’incidente dello shuttle Columbia nel 2003, la NASA ha ritirato lo space shuttle nel 2011. All’agenzia sono rimaste poche opzioni per portare gli astronauti da e verso lo spazio. Avere un secondo fornitore di veicoli commerciali per l’equipaggio significa che la NASA non dovrà dipendere da una società o da un veicolo per i lanci spaziali come doveva fare in precedenza.

Forse ancora più importante, se Starliner avrà successo, potrebbe competere con SpaceX. Anche se al momento non c’è una domanda schiacciante per il turismo spaziale, e Boeing non ha intenzione di commercializzare Starliner per il turismo in tempi brevi, la concorrenza è importante in qualsiasi mercato per ridurre i costi e aumentare l’innovazione.

È probabile che si verifichi una maggiore concorrenza di questo tipo. Il lancio del Dream Chaser di Sierra Space è previsto entro la fine dell’anno per trasportare merci per la NASA alla Stazione Spaziale Internazionale. È inoltre in fase di sviluppo una versione con equipaggio dell’aereo spaziale per il prossimo round del programma per l’equipaggio commerciale della NASA. Blue Origin sta lavorando con la NASA in quest’ultima tornata di contratti per equipaggi commerciali e nello sviluppo di un lander lunare per il programma Artemis.

Una navicella spaziale bianca conica con due pannelli solari rettangolari nello spazio, con la Terra sullo sfondo.
La capsula del drago di SpaceX.
TV NASA tramite AP

Sebbene SpaceX abbia fatto sembrare il volo spaziale commerciale relativamente facile, l’esperienza difficile di Boeing con Starliner mostra quanto il volo spaziale continui ad essere difficile, anche per un’azienda esperta.

Starliner è importante non solo per la NASA e la Boeing, ma per dimostrare che più di un’azienda può avere successo nel settore spaziale commerciale. Un lancio di successo darebbe inoltre alla NASA maggiore fiducia nella capacità del settore di supportare le operazioni nell’orbita terrestre mentre l’agenzia si concentrerebbe sulle future missioni sulla Luna e oltre.

-

PREV Esplicativo – Quali tagli alla produzione di petrolio sono attualmente in atto da parte dell’OPEC+?
NEXT Huguette Fraigneau decorata con la Gran Medaglia d’Oro al Lavoro