restare imprendibile in casa e fare come il Vichy 2006-2007, doppio obiettivo

restare imprendibile in casa e fare come il Vichy 2006-2007, doppio obiettivo
restare imprendibile in casa e fare come il Vichy 2006-2007, doppio obiettivo
-
HA

Quando la suspense è finita in cima alla classifica Pro B, qualche giorno fa a Julien Cortey è stato chiesto cosa continuasse a far correre i suoi giocatori. “A caccia di dischi”, ha risposto. In questa stagione straordinaria nel senso più stretto del termine, lo Stade Rochelais Basket vuole lasciare il segno attorno a marcatori che, nella divisione, contano. I quali ? Sì, la pensi come noi, riguardo ai risultati…

HA

Quando la suspense è finita in cima alla classifica Pro B, qualche giorno fa a Julien Cortey è stato chiesto cosa continuasse a far correre i suoi giocatori. “A caccia di dischi”, ha risposto. In questa stagione straordinaria nel senso più stretto del termine, lo Stade Rochelais Basket vuole lasciare il segno attorno a marcatori che, nella divisione, contano. I quali ? Sì, la pensate come noi, sul bilancio della fase regolamentare che si congelerà la sera della sfida contro il Pau del 10 maggio.

Una statistica impressionante

Perché questa statistica fa discutere da tempo i giocatori della SRB. Bisogna ammettere che spacca. Per il momento fermo a 27 vittorie – 5 sconfitte, prima delle ultime due partite (ricezione del Nantes, venerdì 3 maggio, prima della trasferta di Pau), le cifre del club della caravelle sono eccezionali e rare. “Ci rendiamo conto che è abbastanza pazzesco, soprattutto per un club giovane. Volevamo prima convalidare il nostro primo posto… Ora ci siamo detti che volevamo lasciare il segno”, dice Thomas Ville, l’esterno del La Rochelle.

Sullo stesso argomento

Stade Rochelais Basket: tutti gli episodi della nostra serie “Time-out”.

“Time-out”, la serie sullo Stade Rochelais Basket… dove non si parla di basket. Gli episodi già online: 1. Cherif Haidara e i suoi dieci anni trascorsi in Cina; 2. Lucas Hergott e il suo amore per l’Olympique Lyonnais; 3. Jérôme Sanchez e la sua passione per i dinosauri, dell’universo “Giurassico”.

Dall’inizio dell’era LNB nel 1987, con la formula attuale si sono giocate 19 stagioni, ovvero 34 giorni di fase regolare. Solo Nancy e Strasburgo hanno fatto meglio, curiosamente nella stessa stagione, ovvero 1993-1994 (30v-4d). Adesso è in gioco il podio del miglior record di vittorie-sconfitte.

Se La Rochelle dovesse vincere contro il Nantes, si unirebbe a Nancy, Levallois, Bourg-en-Bresse e Pau, compagni di scuola niente male

Perché tornando temporaneamente più vicino a casa, l’ultimo e unico altro club ad aver raggiunto un tale livello di eccellenza è stato il JA Vichy nel 2006-2007. La squadra, allora allenata da Jean-Louis Borg, concluse la sua stagione con un rapporto di 29 vittorie su 5 sconfitte e un primo posto conquistato molto presto. Se i Gialloneri sono scaramantici, ricordiamo loro che quell’anno la prima non salì direttamente, rispecchiando il 2023-2024, e che l’Allier era andata fino alla fine dei playoff per vincere la Pro A d di ieri.

“Fiducia di capitale”

Borg, appena arrivato in Pro B con l’Hyères-Tolone, ricorda: “Il valore di questa serie in fase regolare è la fiducia che ci ha permesso di acquisire. Siamo riusciti a trovare coerenza difensiva – che era il nostro DNA – durante tutta la stagione e questo è stato estremamente rassicurante prima di entrare nelle fasi finali. Arrivare primi in anticipo ci ha dato un doppio vantaggio: distribuire i minuti di gioco e lavorare mentalmente e fisicamente. Nei playoff perdevamo ogni volta la prima partita, che all’epoca veniva giocata in trasferta. Ma a casa avevamo una grande serenità. Deriva da tutto ciò che avevamo costruito prima. »

Altro fortissimo simbolo della stagione marittima, la serie dell’invincibilità costruita nella sala Gaston-Neveur da settembre 2023, Leaders Cup e Coupe de France comprese. Se La Rochelle dovesse vincere contro il Nantes, firmerebbe la sua 17esima vittoria consecutiva in Pro B (la 21esima in tutte le competizioni!).

L’SRB si unirebbe quindi a un numero molto ristretto di club che hanno già ottenuto questo Grande Slam in campionato in casa, sempre con un formato di 34 partite. Con nell’ordine Nancy (1993-1994), Levallois (1997-1998), Bourg-en-Bresse (1999-2000) e Pau (2012-2013). Non male compagni di scuola. “Sono grandi nomi, noi siamo i nuovi arrivati”, conclude Ville. Vogliamo continuare a fare di Gaston-Neveur la nostra fortezza. »

-

PREV almeno 56 morti, strade e comunicazioni interrotte nella metropoli di Porto Alegre
NEXT un “creatore di eunuchi” accusato di aver guadagnato 350mila euro grazie ai video delle mutilazioni