se ti dicessi quello che so…

se ti dicessi quello che so…
se ti dicessi quello che so…
-

Come difendere l’uso di una sostanza accusata di causare la morte di 2 milioni di persone all’anno? Prendendosi il tempo per dubitare, il tempo per interrogarsi, come fa qui il nostro editorialista a proposito del famoso lonozinol.

Di Davide Caviglioli

pubblicato su 2 maggio 2024 alle 10:00

Abbonato

Leggi più tardi Offri questo articolo

L’abbonamento ti consente di offrire gli articoli ai tuoi cari. E non solo: potrete consultarli e commentarli.

suddividere

Facebook Twitter E-mail Copia link

mandare

Ciò che mi sorprende, te lo dirò, sono le persone che pensano di sapere tutto. La cosa è divertente, però: due mesi fa nessuno sapeva cosa fosse il lonozinol. E poi, all’improvviso, tutti sono specialisti del lonozinol.

Ovunque, ci viene detto: sì, non è vero, lonozinol, è ovunque, nel cibo che mangiamo, negli oggetti che tocchiamo, nei medicinali, nei prodotti cosmetici, nei vestiti, penetra nei pori della pelle e provoca danni al fegato, tumori alla vescica e alla gola, anche tumori del sangue e cosa no. Ci vengono mostrate immagini di persone presumibilmente colpite da decenni di contaminazione silenziosa…

Tu vuoi Per saperne di più di questo articolo?

L’iscrizione ti consente di visualizzare tutti gli articoli. E non solo: potrai commentarli e proporli ai tuoi cari.

Abbonamento a partire da 5€

Escluso:
€ 3,49/mese

A questo proposito In dubbio

-

PREV il prezzo del gioco potrebbe rivelarsi molto alto, danneggerà il tuo portafoglio
NEXT 16 francesi in campo, punteggi e risultati