Il petrolio si riprende, il mercato si aspetta una ricostituzione delle riserve americane

Il petrolio si riprende, il mercato si aspetta una ricostituzione delle riserve americane
Il petrolio si riprende, il mercato si aspetta una ricostituzione delle riserve americane
-

I prezzi del petrolio si sono ripresi giovedì dopo il calo del giorno prima, con il mercato che si aspetta che questi livelli di prezzo più bassi incoraggino gli Stati Uniti a riempire le proprie riserve strategiche di greggio. Intorno alle 10:15 GMT (12:15 a Parigi), il prezzo di un barile di Brent del Mare del Nord con consegna a luglio è aumentato dello 0,79% a 84,10 dollari. Il suo equivalente americano, il barile di West Texas Intermediate (WTI), con consegna a giugno, ha guadagnato lo 0,71% a 79,56 dollari. “La speranza che gli Stati Uniti riempiano le proprie riserve strategiche (di greggio) fornisce un certo supporto» ai due benchmark mondiali del petrolio, commenta Neil Wilson, analista di Finalto.

Il forte calo dei prezzi del giorno prima aveva fatto scivolare il WTI sotto gli 80 dollari al barile, un livello di prezzo che alimentava la speculazione che gli Stati Uniti avrebbero cercato di trarne vantaggio per accumulare le proprie riserve strategiche (SPR) di petrolio. Tra settembre 2021 e luglio 2023, gli Stati Uniti hanno drenato circa 274 milioni di barili dalle loro riserve strategiche, ovvero circa il 44% del totale. Al termine di questa fase, gli SPR sono scesi al livello più basso degli ultimi 40 anni.

Leggi anchePetrolio: il prezzo del barile raddoppierà nei prossimi mesi?

Calo dei prezzi del petrolio

Il giorno prima, i prezzi del petrolio erano effettivamente scesi ancora una volta, scendendo al minimo da metà marzo a causa di “segnali di potenziale allentamento della tensione tra Israele e Hamas” così come un “aumento delle scorte di greggio negli Stati Uniti” E “un dollaro USA più forte», Elenca Ehsan Khoman, analista del MUFG. Durante il periodo di sette giorni terminato il 26 aprile, le scorte commerciali di petrolio greggio degli Stati Uniti sono aumentate di 7,3 milioni di barili rispetto alla previsione mediana degli analisti di un aumento di soli 2,5 milioni di barili, mostrano i dati pubblicati mercoledì dalla Energy Information Administration (EIA) degli Stati Uniti.

Quando l’EIA ha confermato e addirittura superato l’aumento delle scorte di petrolio greggio, la pressione al ribasso si è intensificata» sui prezzi del greggio, dice Tamas Varga, di PVM Energy. Allo stesso tempo, il premio per il rischio geopolitico continua a diminuire, dal momento che la guerra tra Israele e Hamas non ha avuto conseguenze”il settore petrolifero della regione, nonostante il coinvolgimento diretto dell’Iran nella crisi», continua Tamas Varga.

-

PREV sappiamo quasi tutto, anche i prezzi
NEXT È ufficiale, il carburante a prezzo di costo torna in Super U!