Puoi far saltare qualche giorno di scuola a tuo figlio per andare in vacanza (e pagare meno)?

Puoi far saltare qualche giorno di scuola a tuo figlio per andare in vacanza (e pagare meno)?
Descriptive text here
-

Andare in vacanza qualche giorno prima permette di risparmiare sui biglietti del treno o dell’aereo ed evitare gli ingorghi. Ma abbiamo davvero il diritto di fargli perdere qualche giorno di scuola?

Andare in vacanza insieme a tutti gli altri è sempre più costoso. I biglietti del treno e dell’aereo sono in aumento, i viaggi sono pieni e se prendi la strada ti esponi al rischio di ingorghi. Sempre più genitori scelgono quindi di partire qualche giorno prima della fine dell’anno scolastico, per risparmiare sui trasporti o per viaggiare più comodamente in auto. A volte è anche l’occasione per approfittare di giorni aggiuntivi con la famiglia e cronometrare le ferie con le rispettive date di ferie imposte dall’azienda. Ma possiamo davvero dedicare qualche giorno di scuola?

Dovresti sapere che la legge francese è formale. È vietato far assentare un bambino dai 3 ai 16 anni a scuola al di fuori dei “motivi legittimi” stabiliti dal Codice dell’Istruzione. Ciascuno di tali motivi, pur essendo ammissibile, deve comunque essere oggetto di documentazione di supporto. Un bambino può assolutamente assentarsi in caso di “assenza temporanea delle persone responsabili quando i bambini li seguono”, se lo scolaro è malato o in caso di malattia trasmissibile o contagiosa di un membro della famiglia. Potrebbero inoltre verificarsi ostacoli (ad esempio un incidente durante il trasporto). Infine, anche i casi particolari (matrimonio o funerale) precedono l’orario scolastico. In linea di principio, al di fuori di questi casi eccezionali, un bambino non può assentarsi da scuola senza un valido motivo e un’assenza ripetuta rappresenta un’infrazione alla legge che può portare a sanzioni penali accompagnate da multe, che vanno da 135 a 30 000 euro nei casi più estremi, e fino a due anni di carcere.

Secondo la legge, ogni assenza deve essere segnalata alla direzione della scuola, che si riserva il diritto di giudicarne l’attendibilità. “In caso di assenza prevedibile, i responsabili del bambino informano preventivamente il direttore scolastico o il responsabile dell’istituto specificandone il motivo. Se sussistono seri dubbi sulla legittimità del motivo, il direttore scolastico o il responsabile dell’istituto invita le persone responsabili del bambino a presentare una richiesta di autorizzazione all’assenza che trasmette al direttore accademico dei servizi educativi nazionali su delega del rettore dell’Accademia“, indica l’articolo R131-5 del Codice dell’Istruzione.

Quindi possiamo comunque accordarci con la scuola quando l’assenza è occasionale? Anche se la legge non è dalla tua parte, c’è una certa tolleranza. Se proprio non avete altra scelta riguardo alla data delle vostre vacanze, la prima cosa da fare è fissare un appuntamento con l’insegnante o l’insegnante di classe di vostro figlio, nonché con il preside della scuola. Se la situazione non si ripete e ti prendi il tempo per spiegare le tue ragioni, ci sono buone probabilità che troverai un orecchio attento. Poi scrivi una lettera al direttore della struttura in cui specifichi le date della tua partenza, specificando che ti impegni a farlo recuperare. Nella stragrande maggioranza dei casi tutto va molto bene e gli avvisi formali e le condanne sono rari quando l’assenza è eccezionale.


  • Service-public.fr: https://www.service-public.fr/particuliers/vosdroits/F1899
  • Legifrance / Codice dell’istruzione: https://www.legifrance.gouv.fr/codes/texte_lc/LEGITEXT000006071191/2023-05-11/

-

PREV Mobilità dolce: il Premio Infrastruttura Ciclistica premia la Città di Losanna
NEXT Il marchio Habitat riprenderà le vendite online da giugno 2024